Milei afferma a Davos che l'Occidente "è in pericolo" e l'unica alternativa è il capitalismo

Milei afferma a Davos che l'Occidente "è in pericolo" e l'unica alternativa è il capitalismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente dell'Argentina, Javier Milei, si è presentato per la prima volta al Forum economico mondiale, che si tiene da lunedì nella città svizzera di Davos, con un discorso in cui ha assicurato che il capitalismo è l'unico modello possibile e in cui ha attaccato ogni regolamentazione statale, il socialismo e il femminismo.

"Sono qui per dirvi che l'Occidente è in pericolo perché coloro che dovrebbero difendere i valori occidentali sono cooptati da una visione del mondo che porta inesorabilmente al socialismo e, di conseguenza, alla povertà", ha affermato, intervenendo al panel "Raggiungere la sicurezza e la cooperazione in un mondo fratturato" davanti a leader mondiali e del mondo degli affari.

"Purtroppo, negli ultimi decenni, a causa di alcuni desideri voler di aiutare gli altri e altri di appartenere a una casta privilegiata, i principali leader del mondo occidentale hanno abbandonato il modello di libertà per varie versioni di quello che chiamiamo collettivismo", ha aggiunto.

Il presidente ultraliberista ha affermato che gli "esperimenti collettivisti" non sono mai la soluzione ai problemi che affliggono i cittadini del mondo, ma piuttosto la loro causa.

"Credetemi, non c'è nessuno meglio di noi argentini che possa testimoniarlo", ha detto, ricordando che quando il Paese sudamericano ha adottato "il modello di libertà" nel 1860, è diventato una "potenza mondiale" in 35 anni.

Al contrario, ha aggiunto, negli ultimi 100 anni in cui l'Argentina ha "abbracciato il collettivismo", i suoi cittadini si sono impoveriti e sono scesi al 140° posto nell'economia mondiale.

Milei ha quindi ripetuto la narrazione che ha portato avanti fin da quando era candidato, nonostante non ci siano prove storiche che l'Argentina sia mai stata una "potenza mondiale" e che, nel periodo del XIX secolo che è solito celebrare, la maggioranza della popolazione non aveva diritti.

Il presidente, che si è insediato lo scorso 10 dicembre, ha insistito sul fatto che il capitalismo selvaggio è "l'unico sistema moralmente desiderabile" per porre fine alla povertà.

Per dimostrarlo, ha affermato, basta analizzare la storia del progresso economico, poiché dall'anno 0 al 1800 il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è rimasto stagnante, tranne che nel XV secolo, a causa del processo di colonizzazione dell'America. Secondo la sua tesi, è a partire dal XIX secolo, quando il capitalismo è stato adottato come modello, che si è registrata una crescita economica accelerata.

Di conseguenza, ha spiegato, il tasso di povertà globale è sceso dal 95% del 1800 al 5% del 2020. "La conclusione è ovvia: il capitalismo è l'unico strumento che abbiamo per porre fine alla fame, alla povertà e all'indigenza, l'evidenza empirica è indiscutibile".

In risposta a questi risultati, Milei ha avvertito che la sinistra ha deciso di attaccare il capitalismo su basi morali, poiché lo considera un modello ingiusto.

"Dicono che il capitalismo è cattivo perché è individualista e che il collettivismo è buono perché è altruista, quindi lottano per la giustizia sociale", ha detto, osservando che a suo parere questo concetto è "violento" contro gli imprenditori.

"Il capitalista è un benefattore sociale che, lungi dall'appropriarsi della ricchezza altrui, contribuisce al benessere generale".

In contrasto con la sua strenua difesa del capitalismo, Milei ha affermato che "il socialismo è un fenomeno impoverente che ha fallito ovunque sia stato provato".

"Ha fallito economicamente, culturalmente e, inoltre, ha tolto la vita a 150 milioni di esseri umani", ha aggiunto, senza specificare la fonte del presunto numero di "vittime".

Nel suo discorso, Milei ha descritto la riscossione delle tasse come "coercizione", affermando che le tasse non sono volontarie, ma obbligatorie, e il mancato pagamento delle tasse comporta sanzioni, perché "lo Stato ha il monopolio della violenza".

D'altra parte, il presidente ha denunciato il movimento internazionale delle donne, ritenendo che il "femminismo radicale" dia allo Stato un maggiore intervento e dia lavoro ai "burocrati", attraverso i ministeri delle donne e le organizzazioni internazionali che promuovono questa agenda.

"I socialisti si sono lasciati alle spalle la lotta di classe e l'hanno sostituita con altri conflitti sociali presumibilmente altrettanto dannosi (...) la prima di queste nuove battaglie è stata la ridicola e innaturale lotta tra uomo e donna. Il libertarismo stabilisce già l'uguaglianza tra i sessi", ha affermato.

Nel tratto finale del suo discorso, Milei ha invitato i leader a non lasciarsi intimidire "dalla casta o dai parassiti che vivono dello Stato" e ha avvertito che se non si combattono le idee socialiste, ci saranno "sempre più Stato, regolamentazione, meno libertà e peggiori standard di vita".

Milei ha anche criticato l'agenda ambientalista che sostiene la protezione del pianeta anche attraverso "meccanismi di controllo della popolazione" o "la tragedia dell'aborto".

Il presidente si è recato al Forum con un entourage che comprendeva il capo di gabinetto, Nicolás Posse, il ministro dell'Economia, Luis Caputo, il segretario generale della Presidenza, Karina Milei, e la cancelliera, Diana Mondino.

Rispetto al forum di Davos, le dichiarazioni di Milei sono state tutt’altro che tenere prima di raggiungere la Svizzera. Milei ha rilasciato una breve intervista all'inviato di Infobae durante la sua sosta a Francoforte in cui ha definito gli obiettivi del suo viaggio. "Piantare le idee di libertà in un forum che è contaminato dall'agenda socialista 2030 e che è l'unica cosa che porterà miseria al mondo".

Riunione con David Cameron

Prima del suo intervento Milei ha sostenuto una riunione con il ministro degli Esteri britannico David Cameron, su invito di quest’ultimo. Secondo quanto riportato da Ámbito, l'incontro è durato circa 20 minuti e ha riguardato una serie di argomenti, tra cui le relazioni tra i due Paesi, le sfide che il nuovo governo argentino deve affrontare e la questione delle Isole Malvinas.

Cameron ha commentato l'incontro sui social media, affermando che i due hanno discusso di "costruire la cooperazione sul commercio e combattere le minacce globali". Ha inoltre augurato a Milei "tutto il meglio nei suoi tentativi di riportare l'Argentina alla crescita economica".

Da parte argentina, la Presidenza ha sottolineato la cordialità del colloquio, che ha fornito anche l'opportunità di discutere del sostegno britannico all'Argentina nell'ambito del FMI e di come promuovere gli investimenti del Regno Unito.

Milei ha anche sottolineato che "le Malvinas sono state fissate come punto all'ordine del giorno con il Ministero degli Esteri per avanzare soluzioni sulla questione", nelle dichiarazioni riportate da Ámbito.

Non appena è stato annunciato l'incontro, si è ipotizzato che uno dei temi principali da discutere sarebbe stato lo status delle isole Malvinas, Georgias e Sandwich del Sud, che da decenni sono al centro di una disputa tra i due Paesi, secondo quanto riportato dal quotidiano La Nación.

Lo scorso luglio, il precedente governo argentino, guidato da Alberto Fernández, è riuscito a includere la discussione sulla sovranità delle isole in una dichiarazione congiunta dell'Unione Europea (UE) e della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC).

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti