Momento decisivo: la Siria è sull'orlo di una guerra aperta con la Turchia?

Momento decisivo: la Siria è sull'orlo di una guerra aperta con la Turchia?

Quando sembrava esserci una tregua sostenibile in Siria, sono emerse nuove tensioni. Il governatorato di Idlib, l'ultimo rifugio per i terroristi, è tornato ad essere teatro di sanguinosi combattimenti. Questa volta, le tensioni sono caratterizzate dal coinvolgimento della Turchia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di   - Sputnik

Fonte Articolo

 
L'aumento delle ostilità è iniziato alla fine di gennaio. La Turchia, che ha una grande presenza in Idlib, ha già espresso insoddisfazione per i progressi dell'esercito arabo siriano - le forze filo-governative - nell'area. L'offensiva siriana è stata una risposta a ripetute violazioni da parte dei terroristi presenti in quest'area. 



 


Ovviamente, Damasco non può tollerare gli attacchi diretti contro i suoi cittadini.

 
Nel governatorato di Idlib c'è attualmente un intenso scambio di bombardamenti. Durante uno di questi attacchi, condotto dall'esercito siriano il 3 febbraio, 6 soldati turchi hanno perso la vita. Come spiegato dal Ministero della Difesa russo, i militari turchi sono rimasti intrappolati sotto il fuoco perché non avevano avvertito la parte russa dei loro movimenti nell'area.

 
È chiaro che i soldati siriani non intendevano uccidere i militari turchi, poiché le loro azioni erano dirette contro le posizioni terroristiche in quella zona. Ma fin dall'inizio era ovvio che Ankara non l'avrebbe fatta passare senza risposta. 

Ecco perché il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan , ha ordinato di attaccare le postazioni siriane. A seguito degli attacchi compiuti da combattenti dell'F-16 , artiglieria e mortai turchi, tra i 30 e 35 militari siriani sono morti, secondo le parole dello stesso leader turco.
 

Ci sarà una nuova operazione turca in Siria?

 
Gli eventi recenti lasceranno ovviamente un segno profondo sulla fiducia reciproca tra Russia e Turchia. La parte turca non ha potuto lasciare senza risposta la morte dei suoi soldati. Tuttavia, avrebbe potuto rispondere in modo proporzionale e non lo ha fatto. Pertanto, si prevede ora che le tensioni a Idlib aumenteranno.
 

Nel contesto di questo peggioramento delle relazioni, la Turchia ha annullato il pattugliamento congiunto con la Russia nell'area della città siriana di Ayn al Arab, secondo il media turco Sabah. Questa decisione potrebbe minare la relativa stabilità nel Kurdistan siriano, dove la stabilità è appesa a un filo. In altre parole, il possibile deterioramento delle relazioni tra Mosca e Ankara può avere spiacevoli ripercussioni per l'intera parte settentrionale della Siria.
 

Nonostante la gravità della situazione attuale, è improbabile che la Turchia avvii una nuova operazione militare nell'area. Inoltre, non sembra che Ankara voglia rovinare i suoi buoni rapporti con Mosca . Per questo motivo, con ogni probabilità, si limiterà ad atti di vendetta su scala minore contro le posizioni dell'esercito arabo siriano.

 
La Turchia è determinata a preservare la sua influenza nel nord della Siria , poiché uno scontro con Mosca non corrisponde ai suoi interessi perché senza dubbio la Russia è, tra tutti i paesi stranieri presenti sul tabellone siriano, il giocatore con la maggiore presenza e influenza nel paese arabo. Cioè, i cattivi rapporti con la Federazione Russa metteranno in pericolo tutti i beni di Ankara nell'area, cosa che il paese ottomano preferirebbe evitare.



 

 
Allo stesso tempo, è importante ricordare che proprio queste risorse sono responsabili dell'attuale escalation. Se questi gruppi radicali avessero aderito al regime del cessate il fuoco, la difficile situazione affrontata da tutte le parti avrebbe potuto essere evitata.


La Turchia dovrebbe esercitare un controllo più rigoroso sull'area che le è stata affidata facendo pressione sui gruppi armati a Idlib per rispettare gli accordi.

 
Cosa sta succedendo a Idlib?
 

Gli scontri e i bombardamenti a Idlib, infatti, non finiscono mai. La vita in questa zona negli ultimi anni è stata difficile. Tuttavia, con il processo politico iniziato dai leader di Russia e Turchia, Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan, durante il loro vertice nella città russa di Sochi a settembre 2018 è stato possibile alleviare un po' le tensioni.
 

Il trattato prevedeva la creazione di una zona smilitarizzata a Idlib, dove c'erano migliaia di combattenti contrari al governo di Bashar al Assad. La maggior parte appartiene al gruppo radicalizzato Hayat Tahrir al Sham - che comprende l'ex Fronte di Nusra - che è considerato un gruppo terroristico, bandito in Russia e in altri paesi.

 
Nonostante tutti gli sforzi, Idlib non è diventato una zona smilitarizzata nel vero senso della parola: i combattimenti sono continuati e i terroristi hanno continuato a violare il regime del cessate il fuoco. Ma in contrasto con i combattimenti che avevano avuto luogo negli anni precedenti nel territorio siriano, sembrava che una tregua sostenibile sarebbe presto arrivata in questo governatorato. Tuttavia, il processo non ha avuto successo.

 
Dopo settimane di bombardamenti contro i quartieri residenziali della città siriana di Aleppo, l'esercito siriano, in risposta a queste gravi violazioni , ha lanciato un'offensiva contro le posizioni terroristiche a Idlib e ha avuto molto successo. Questo sicuramente non andava bene ad Ankara, che crede che la provincia sia nella sua area di responsabilità. Tuttavia, l'esercito arabo siriano ha dovuto agire per mettere i civili ad Aleppo e in altre regioni fuori pericolo .
 

Inoltre, è stato annunciato che la popolazione a Idlib era contro le attività militari di Hayat Tahrir al Sham perché avevano messo in pericolo la vita delle loro famiglie. Tuttavia, i radicali hanno represso ogni tipo di protesta contro le loro politiche, secondo diversi rapporti, con le armi. Mosca, preoccupata per la situazione in cui si trovano i civili di Idlib, ha aperto corridoi umanitari per dare loro la possibilità di lasciare le aree sottoposte a bombardamento.
 

Allo stato attuale, le forze filo-governative siriane avanzano gradualmente nel governatorato di Idlib . In una parte del fronte, le truppe riuscirono persino ad avvicinarsi un po'al centro della provincia, la città di Idlib. Sono attualmente a circa 15 chilometri dalla città.
 

Ma allo stesso tempo si deve capire che nessuno intende stabilire il controllo su tutto Idlib perché la Russia rispetta gli accordi firmati con la Turchia, che ha senza dubbio i suoi interessi in Siria. Per ora, l'obiettivo è lasciare le città più grandi controllate da Damasco fuori dalla portata del fuoco nemico.
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti