Nardella ordina la censura. Salta la proiezione del film "Il Testimone" anche a Firenze

Nardella ordina la censura. Salta la proiezione del film "Il Testimone" anche a Firenze

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Fabrizio Poggi

Dunque, nemmeno Firenze vedrà una proiezione pubblica de “Il testimone”. I ricatti del sindaco PD Dario Nardella hanno avuto effetto sulla direzione del teatro dell’Affratellamento, in cui era previsto che il film russo venisse presentato a cura di Firenze Rinasce. Un’ennesima testimonianza - è il caso di dirlo, nel caso de “Il testimone” – di come sia intesa la democrazia negli ambienti liberal-reazionari, in particolare in casa PD. Già la scorsa settimana, quando era stata annunciata la proiezione, si era detto che il sindaco della città più videosorvegliata d’Italia (Israele ringrazia) avesse telefonato al presidente del Teatro Affratellamento per chiedergli di annullare la proiezione di: «questo film che incita all'odio e al genocidio del popolo ucraino», aggiungendo poi, in uno stile che ognuno può definire come crede, che il «teatro riceve, inoltre, contributi pubblici dal Comune che non possono coesistere con attività del genere».

Oggi è arrivata la decisione della direzione del teatro sull’annullamento della proiezione, come era avvenuto la settimana scorsa a Bologna, anche in quel caso con una sentenza targata PD.

Gongolano, ovviamente, al Corriere della Sera, la cui edizione fiorentina dà notizia di cotal democratico afflato da parte di una giunta che, vale la pena ricordarlo, annovera quale vicesindaco con delega alla “cultura” (ca va sans dire “democratica”) la signora Alessia Bettini, che a suo tempo aveva sproloquiato di ottima “opportunità culturale”, per l’apertura di un comando NATO alle porte di Firenze.

Gongolano e plaudono per la decisione (obbligata) del teatro di annullare la programmazione de «l’opera di propaganda filorussa sulla guerra in Ucraina» che, a detta degli amici di Marco Carrai e dei sui compari con la stella di david, non è altro che un «incitamento all’odio». Del resto, ricordiamo benissimo il numero di volte in cui tali signori abbiano denunciato «l’incitamento all’odio del popolo ucraino» delle regioni del Donbass, a partire dal 2014, quando i nazisti ucraini massacravano i civili delle Repubbliche popolari di Lugansk e di Donetsk: quante volte? Zero.

Gongolano al Corriere, ricordando i bei tempi in cui esaltavano le gesta delle italiche armi alla conquista dell’impero, scrivendo che “Il Testimone” è «un lungometraggio russo sull'invasione dell'Ucraina. È il racconto della storia di Daniel Cohen, un violinista belga, che dopo un viaggio a Kiev viene coinvolto nel conflitto e assiste a crimini commessi dai nazionalisti ucraini nel villaggio di Semidveri. È chiaramente la versione di Putin». È chiaramente la guerra «della civiltà contro l’inciviltà», avrebbe detto Draghi. È chiaramente la conferma della “civiltà liberale e democratica” delle giunte targate PD: senza un minimo di vergogna. E anche questa è da aggiungere all’elenco  delle testimonianze di democrazia di quei signori.

Fabrizio Poggi

Fabrizio Poggi

Ha collaborato con “Novoe Vremja” (“Tempi nuovi”), Radio Mosca, “il manifesto”, “Avvenimenti”, “Liberazione”. Oggi scrive per L’Antidiplomatico, Contropiano e la rivista Nuova Unità.  Autore di "Falsi storici" (L.A.D Gruppo editoriale)

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti