Nel 2019 la Germania ha fatto registrare la peggiore crescita dalla crisi dell'Eurozona, afferma la Bundesbank

Nel 2019 la Germania ha fatto registrare la peggiore crescita dalla crisi dell'Eurozona, afferma la Bundesbank

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Germania continua ad arrancare probabilmente schiacciata proprio dal peso di ottuse politiche neoliberista imposte all’intera Eurozona. La Banca Centrale tedesca ha affermato che l’economia di Berlino è cresciuta l'anno scorso al suo ritmo più lento dalla crisi dell'Eurozona poiché il suo settore manifatturiero è stato gravemente scosso dalle tensioni commerciali globali.

 

La Bundesbank ha stimato oggi che la più grande economia europea è cresciuta dello 0,6 per cento l'anno scorso. Questa sarebbe la cifra peggiore dal 2013, quando l'area della moneta unica si trovava ancora impantanata nella crisi dei debiti sovrani. 

 

Secondo il rapporto mensile della banca centrale, la divisione dell'economia tedesca in due è proseguita nell'ultimo trimestre dell'anno. "L'economia domestica ha continuato a dare slancio", ha affermato, proseguendo la tendenza della spesa al consumo e dei servizi a sostegno dell'economia.

 

Tuttavia, il rapporto afferma che "è continuato il movimento al ribasso nelle industrie orientate all'esportazione". Tradizionalmente il motore della crescita della Germania, la produzione di beni per l'esportazione è stata gravemente danneggiata da un rallentamento del commercio globale guidato dalla guerra commerciale USA-Cina.

 

In un rapporto pubblicato oggi, il Fondo monetario internazionale (FMI) ha ribadito la sua previsione secondo cui l'economia tedesca è cresciuta dello 0,5 per cento nel 2019, una previsione ancora peggiore rispetto alla Bundesbank. 

 

L'economista capo dell'FMI Gita Gopinath ha affermato che la firma dell'accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina di "fase uno" andrà a beneficio del commercio globale nei prossimi due anni e ha aggiunto che "le economie dipendenti dalle esportazioni come la Germania dovrebbero beneficiare di miglioramenti della domanda esterna".

 

Il prestatore internazionale di ultima istanza prevede che l'economia tedesca crescerà dell'1,1 per cento nel 2020 e dell'1,4 per cento nel 2021.

 

Eppure Gopinath ha affermato che sarebbe un altro anno difficile per l'economia globale. "Mentre ci sono segni di stabilizzazione, le prospettive globali rimangono lente e non ci sono chiari segni di una svolta".

 

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti