Nel paradiso dei diritti umani la polizia uccide l'afroamericano George Floyd durante un controllo

Nel paradiso dei diritti umani la polizia uccide l'afroamericano George Floyd durante un controllo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Danilo Della Valle
 

Mentre il candidato democratico Biden offende in diretta tv gli afroamericani e il Presidente Trump continua ripetutamente ad attaccare minoranze latinoamericane ed altri Paesi (compresa l'Italia) per distogliere l'attenzione dai suoi errori di gestione del Covid 19, negli Stati Uniti un afroamericano, George Floyd, viene ucciso durante un controllo da due poliziotti. A nulla sono servite le sue urla di aiuto, uno dei due uomini in divisa con il suo peso corporeo lo ha soffocato.


Oggi a Minneapolis scoppia la protesta, tanti sono scesi in piazza per chiedere la fine di questi episodi che ormai negli Usa succedono troppo spesso ai danni di afroamericani e minoranze etniche. "i can't breath" (non posso respirare), "stop killing black people" (basta uccidere uomini neri) si legge sui cartelli.


E questo sarebbe il Paese più democratico del mondo, che si erge a paladino dei diritti umani?

Al solo pensiero non posso respirare...

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Lo Stato stratega, motore del successo cinese   di Bruno Guigue Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Lo Stato stratega, motore del successo cinese

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti