25 aprile: "Siamo effettivamente un Paese libero da occupanti e interessi stranieri"?

25 aprile: "Siamo effettivamente un Paese libero da occupanti e interessi stranieri"?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Danilo Della Valle

Il 25 aprile si celebra la liberazione dell'Italia dal nazifascismo, nel giorno in cui il Cln deliberò l'ordine di insurrezione generale nei territori italiani occupati.
Nel dopoguerra poi partì la lotta per la liberazione sociale, dello sfruttamento dell'uomo sull'uomo, lotta ancora non portata a termine.
Mi piace, di tanti in tanto, leggere le parole del presidente Pertini che saggiamente diceva "la libertà senza la giustizia sociale non è che una conquista fragile, che si risolve nella libertà per molti di morire di fame".
Negli anni questa giornata è stata sempre più "annacquata" e le circostanze di politica internazionale che coinvolgono il nostro Paese, e di politica interna mi fanno domandare:
"Siamo effettivamente un Paese libero da "occupanti e interessi stranieri"? Abbiamo raggiunto l'inclusione sociale per cui i nostri nonni si battevano?
Buon 25 aprile, buona domenica e viva i partigiani.

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti