I bombardamenti di Israele su Gaza e la disinformazione mediatica

I bombardamenti di Israele su Gaza e la disinformazione mediatica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Danilo Della Valle

Vergognoso quel che sta accadendo in Palestina. Israele questa notte ha lanciato un’offensiva aerea e si prepara a invadere la striscia di Gaza, continuando il suo lavoro di sterminio e di occupazione dei territori palestinesi. I bombardamenti israeliani continuano a mietere vittime tra civili (più di 100 tra cui 10 bambini) e distruggere obiettivi non proprio militari, come il palazzo di una redazione giornalistica (alla faccia della difesa)
Eppure sono diversi giorni che una pletora di politici, ministri e politicanti sfila in piazza o davanti alle telecamere dei mezzi di informazione per solidarizzare con Israele e a condannare i missili di Hamas. Niente di scandaloso, direte, visto che è il mantra che segue l’Occidente pigro e cieco quando si tratta di affrontare realmente il problema dei diritti umani senza ridurlo a un mero show propagandistico contro uno dei Paesi che si vuole indebolire agli occhi dell'opinione pubblica.


Quelle che dimenticano di dire, questi “vecchi e nuovi politici rampanti”, sono le cause di tutta questa escalation. Ad accendere lo scontro sono stati gli sfratti di palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah… gli ennesimi sfratti ordinati da Israele, che continua a imporre una discriminazione istituzionalizzata contro i palestinesi.

Nel 2017 il parlamento israeliano ha votato una legge che permette al governo di requisire anche terreni privati di palestinesi dove sono stati costruiti insediamenti dagli occupanti israeliani.  Nei territori occupati palestinesi circa700 mila israeliani (di cui 200.000 a Gerusalemme est) tengono in scacco praticamente 3 milioni di palestinesi, violando il diritto internazionale umanitario, che hanno visto la loro mobilità interna e i loro territori sempre più restringersi… fino ad esser quasi in una prigione. 
E l’Italia, l’Europa, gli Usa che fanno dinanzi a questa immane tragedia? Quando condanneranno tutto ciò e lavoreranno innanzitutto per riconoscere lo Stato di Palestina?

Prendo in prestito le parole della giornalista Rania Khalek che su twitter ha scritto:
 "Un paese dotato di armi nucleari con una marina, un'aviazione e un esercito con le armi più sofisticate del mondo sta bombardando una prigione a cielo aperto, un ghetto assediato pieno di 2 milioni di persone senza dove correre o nascondersi. E i nostri funzionari governativi sostengono questa atrocità."
Eppure i media occidentali e i politicanti nostrani fanno finta di nulla… 
“Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone che vengono oppresse e amare quelle che opprimono.“

Potrebbe anche interessarti

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi di Pasquale Cicalese Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden? di Antonio Di Siena Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti