Non è la droga la principale fonte di denaro per i talebani

Non è la droga la principale fonte di denaro per i talebani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Sui talebani narcotrafficanti e principali diffusori di oppio, questa la tesi di Roberto Saviano ormai  impegnato in una gara contro se stesso a spararla più grossa, vedi anche gli ultimi eventi a Cuba, già l'ex vicesegretario dell'Onu Pino Arlacchi, autorità mondiale in materia, aveva ben chiarito la questione.

Oggi, il Financial Times, pur ricordando che le droghe sono un'entrata per i talebani, non sono comunque una fonte di reddito così importante.

Come ha riferito il Financial Times, sebbene alcune delle entrate del movimento talebano provenissero dal traffico di droga, gli insorti riscuotevano somme considerevolmente maggiori sul contrabbando di prodotti come petrolio o sigarette che transitano attraverso il territorio del paese.

"Comprensione distorta"

"La droga non è stata una fonte di fondi così importante per i talebani come molti hanno affermato", il che avrebbe comportato una "comprensione distorta del sistema finanziario e della sua insurrezione", spiega David Mansfield, analista per l'Afghanistan presso il think tank, Abroad Improvement Institute.

Secondo Mansfield, la principale fonte di finanziamento per il movimento talebano erano  "prelievi sui prodotti autorizzati", in particolare quelli che entrano nel Paese dal territorio iraniano.

Secondo un rapporto redatto dal 'think thanks' ODI, nella provincia di Nimroz, "i 5,1 milioni del reddito raccolto dai talebani per la produzione e il commercio di droghe illegali si sono rivelati solo una piccola parte dei 40,9 milioni di reddito ricavato da privilegi su merci in transito e petrolio ”.

Tuttavia, si stima che la produzione e il traffico di metanfetamine siano saliti alle stelle negli ultimi anni, seguiti dagli oppiacei.

Pressioni finanziarie

All'inizio di questa settimana, il portavoce del movimento talebano, Zabihullah Mujahid, ha assicurato in una conferenza stampa che il Paese punta a rinunciare alla produzione e al traffico di droga per  "riattivare il proprio sistema finanziario" .

"D'ora in poi l'Afghanistan sarà libero dalla droga, ma abbiamo bisogno di aiuto da tutto il mondo", ha detto Mujahid.

Tuttavia, sebbene il movimento sia salito al potere meno di una settimana fa, il presidente di Vizier Consulting, Arif Rafiq, assicura che il Paese sta già "passando il tempo per riaccendere la fiducia" .

Secondo il Financial Times, l'avvento al potere dei talebani ha provocato grandi pressioni finanziarie che si sono scontrate con il blocco delle riserve della loro banca centrale da parte degli Stati Uniti, che ha portato all'impossibilità di pagare gli stipendi a funzionari o dipendenti.

Inoltre, secondo il quotidiano, nonostante i talebani potessero attirare una parte degli afgani stanchi delle tangenti dell'ex governo, la popolazione del Paese si è affrettata a prelevare i fondi dalle banche.

"Questo tipo di interruzione sta già iniziando a minare lo spazio finanziario costruito dai talebani", sostiene Mansfield.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti