Politica del doppio standard: l'Occidente e la sua incoerenza nel caso Israele-Iran

Politica del doppio standard: l'Occidente e la sua incoerenza nel caso Israele-Iran

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nei nostri articoli ci troviamo, nostro malgrado, a dover denunciare l’insopportabile pratica tutta occidentale del doppio standard. 

Un concetto che troviamo applicato in maniera perfetta dal ministro degli Esteri del Regno Unito David Cameron per commentare la risposta dell’Iran al mortale attacco di Israele contro la propria ambasciata a Damasco in Siria. 

In un'intervista con Sky News all'inizio di questa settimana, Cameron ha criticato aspramente l'Iran per i suoi attacchi militari contro il regime israeliano, ma si è affrettato ad aggiungere che il Regno Unito avrebbe reagito in modo simile se una delle sue ambasciate fosse stata attaccata.

Come noto, nella giornata di sabato l'Iran ha lanciato una raffica di droni e missili direttamente contro i territori occupati da Israele in risposta all'attacco al consolato iraniano a Damasco che ha portato all'assassinio di sette persone, tra cui tre comandanti del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica.

L’attacco israeliano è avvenuto in flagrante violazione del diritto internazionale e la Convenzione di Vienna del 1961, poiché le ambasciate sono considerate inviolabili e suolo del paese che le occupa, quindi in questo caso dell’Iran.

Durante l'intervista, quando il giornalista di Sky News gli ha chiesto come reagirebbe la Gran Bretagna se una delle sue ambasciate venisse "rasa al suolo", Cameron ha risposto senza alcun tentennamento: "Agiremo in modo molto forte", spiegando quindi perfettamente che cos’è il doppio standard occidentale. 

Il 57enne ex primo ministro britannico ha tentato di giustificare le sue osservazioni distinguendo tra le azioni di Israele a Damasco e l'attacco dell'Iran su suolo israeliano. "Direi che c'è un enorme grado di differenza tra ciò che Israele ha fatto a Damasco e, come ho detto," riferendosi a "301 armi", "36 missili da crociera" e "185 droni" lanciati dall'Iran contro obiettivi militari nel territori occupati.

Nel fare il confronto, Cameron ha faticato a distinguere tra le vittime iraniane e quelle israeliane negli attacchi. L’attacco del regime israeliano contro l’ambasciata iraniana in Siria ha ucciso sette persone, mentre non ci sono notizie formali di vittime nell’attacco iraniano.

Inoltre, non è riuscito a distinguere tra gli avvertimenti pre-attacco di entrambe le parti. Israele ha preso di mira il consolato iraniano senza alcun preavviso, poiché l’intenzione era quella di assassinare i diplomatici iraniani in violazione del diritto internazionale, mentre l’esercito iraniano intendeva prendere di mira le strutture militari del regime sionista. 

George Galloway, membro del Parlamento britannico, ha messo in guardia dai doppi standard dell'Occidente nei confronti di Israele e dell'Iran. 

Esponendo l'incoerenza degli atteggiamenti occidentali, Galloway ha affermato che se gli standard internazionali fossero stati applicati in modo uniforme, i governi occidentali avrebbero condannato il "palese" bombardamento di Israele dell'edificio dell'ambasciata iraniana in Siria, e non solo la risposta dell'Iran alle azioni del regime israeliano.

"Il mantra secondo cui Israele ha il diritto di difendersi non si applica chiaramente all'Iran. Il mantra secondo cui esiste un ordine basato sulle regole, che esiste una Convenzione di Vienna che protegge l'inviolabilità delle sedi diplomatiche di ogni Paese in ogni altro Paese, è chiaramente un'assurdità", ha affermato il parlamentare britannico.
"Non si applica a coloro che l'impero occidentale disapprova. Altrimenti, ogni governo occidentale avrebbe condannato la sfacciata distruzione dell'ambasciata iraniana a Damasco da parte di Israele. Lo avrebbero fatto anche se si fosse trattato di chiunque altro, non è vero?".

Nel frattempo, continuando a sostenere militarmente il regime israeliano, le autorità britanniche hanno affermato che la Royal Air Force (RAF) è intervenuta in difesa del regime israeliano durante gli attacchi di sabato sera.

Nell'ambito dell'Operazione Shader, nome in codice degli interventi militari britannici in Asia occidentale dal 2014, sono stati inviati nella regione diversi jet e aerocisterne di rifornimento, secondo quanto dichiarato dal primo ministro Rishi Sunak, che ha confermato che i jet della RAF hanno intercettato e abbattuto "un certo numero" di droni iraniani.

Parlando alla Camera dei Comuni lunedì, Sunak ha detto che "i nostri piloti si sono messi in pericolo" per proteggere il regime e ha riconosciuto il contributo del Regno Unito di "un importante supporto di intelligence, sorveglianza e ricognizione per i nostri partner".

Il ministro della Difesa britannico Grant Shapps ha inoltre confermato il dispiegamento di ulteriori mezzi militari nei territori occupati come dimostrazione di solidarietà con il regime israeliano.

"In risposta all'escalation nella regione e in collaborazione con i nostri alleati, il Primo Ministro ed io abbiamo autorizzato il dispiegamento di ulteriori mezzi della Royal Air Force", ha dichiarato Shapps.

Il Regno Unito è uno strenuo alleato di Israele e sostiene il regime sionista con una serie di armi letali. 

Doppi standard come residuo del passato coloniale e imperialista

Il concetto di doppi standard nella politica occidentale è persistente nel corso della storia ed è spesso visto come un residuo di un’epoca passata. Una delle origini della politica occidentale del doppio standard può essere fatta risalire all’era coloniale, quando le potenze europee imponevano i propri valori e convinzioni ad altri paesi e popoli. Questo senso di superiorità e di diritto ha continuato a plasmare gli atteggiamenti politici occidentali, portando alla tendenza a mantenere standard diversi per se stessi e per gli altri.

Un’altra ragione della prevalenza dei doppi standard nella politica occidentale è l’influenza delle dinamiche di potere. I paesi che detengono (detenevano?) il maggior potere, come gli Stati Uniti e le nazioni europee, si considerano in grado di dettare i termini delle relazioni internazionali e di stabilire l’agenda della politica globale. Inoltre, l’eredità dell’imperialismo e del colonialismo ha lasciato un impatto duraturo sugli atteggiamenti occidentali nei confronti delle altre culture e società.

La persistenza di doppi standard nella politica occidentale può avere gravi implicazioni per la stabilità e la sicurezza globale. Quando i paesi potenti agiscono impunemente per imporre la propria volontà agli altri, provocano risentimento e reazione da parte di coloro che si sentono emarginati e oppressi. Come stiamo vendendo in questa epoca di passaggio a una fase multipolare dove i paesi del cosiddetto sud del mondo hanno ormai abbandonato il declinante ordine occidentale a guida anglosassone, studi della loro tracotanza e delle loro angherie. 

Questi doppi standard hanno finito per minare la credibilità e la legittimità delle istituzioni e dei valori occidentali. Perché i paesi occidentali stessi non riescono a essere all’altezza degli standard che sostengono per gli altri. Così facendo hanno portato al crollo della cooperazione e della diplomazia internazionale.

Per affrontare la questione dei doppi standard nella politica occidentale, è importante che i paesi occidentali riflettano sulle proprie azioni e si ritengano responsabili del proprio comportamento. Ciò significa riconoscere i propri limiti e sforzarsi di sostenere i valori di uguaglianza, giustizia e rispetto per tutti i popoli. Significa anche impegnarsi in un approccio più inclusivo e collaborativo alle relazioni internazionali, in cui tutti i paesi siano trattati con dignità e rispetto.

Mondo multipolare: rispetto e sovranità

Uno dei segreti del successo di Russia e Cina sulla scena mondiale è che questi paesi comprendono perfettamente che la cooperazione deve basarsi sul rispetto reciproco e sull’uguaglianza.

 Un mondo multipolare si riferisce a un ordine mondiale in cui il potere è distribuito tra diverse grandi potenze, anziché essere concentrato in un’unica superpotenza. Questa distribuzione del potere consente un sistema internazionale più equilibrato e stabile, poiché ciascuna grande potenza può controllare e bilanciare le altre.

Uno dei principi chiave di un mondo multipolare basato sul rispetto reciproco e sulla sovranità è il riconoscimento e il rispetto della sovranità di tutti gli Stati. La sovranità è il principio secondo cui ogni stato ha il diritto di governarsi senza interferenze da parte di altri stati. In un mondo multipolare, ciascuna grande potenza riconosce e rispetta la sovranità degli altri Stati, consentendo la coesistenza e la cooperazione pacifica. Viene così a crearsi  un sistema internazionale più stabile e prevedibile, poiché gli Stati possono impegnarsi nella diplomazia e nel dialogo basati sul rispetto reciproco.

In un mondo multipolare, le grandi potenze si trattano reciprocamente da pari a pari e si impegnano in un dialogo e in una cooperazione basati sul rispetto reciproco. Questo rispetto reciproco consente la risoluzione dei conflitti attraverso mezzi pacifici, piuttosto che ricorrere alla coercizione o alla forza. Trattandosi reciprocamente con rispetto, le grandi potenze possono costruire fiducia nelle loro relazioni, portando a una maggiore cooperazione e collaborazione su questioni globali.

Un altro aspetto chiave di un mondo multipolare basato sul rispetto reciproco e sulla sovranità è il riconoscimento della diversità degli stati e delle culture. Le maggiori potenze devono riconoscere e rispettare le storie, le tradizioni e i valori unici degli altri Stati, invece di imporre le proprie convinzioni e norme. Per intendrci bene, non esistono eccezzionalismi o superiorità di culture su altre. 

Per costruire un mondo multipolare basato sul rispetto reciproco e sulla sovranità, le grandi potenze devono anche essere disposte a impegnarsi in istituzioni e accordi multilaterali. Il multilateralismo consente agli Stati di lavorare insieme su sfide comuni, mettendo in comune risorse e competenze per raggiungere obiettivi condivisi. Partecipando a istituzioni multilaterali come le Nazioni Unite, le grandi potenze possono creare un quadro di cooperazione e dialogo che promuova la pace e la stabilità nel sistema internazionale.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti