World Affairs/"Non ci arrendiamo": l'Iran promette di produrre più petrolio non...

"Non ci arrendiamo": l'Iran promette di produrre più petrolio nonostante le sanzioni statunitensi

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Dopo che Washington ha introdotto sanzioni che hanno cercato di influenzare l'industria petrolifera iraniana, Teheran si è rivolta alle compagnie nazionali per sviluppare i suoi progetti di petrolio e gas


La politica americana di "massima pressione" non impedirà a Teheran di aumentare le sue capacità di produzione di greggio, ha dichiarato il ministro iraniano del petrolio Bijan Zangeneh in un discorso televisivo sabato, secondo quanto riferito dall'agenzia Reuters .

 
La dichiarazione è stata resa prima della firma di un accordo di $ 294 milioni tra l'Iran National Oil Company e l'Iran Persia Oil & Gas. Il contratto prevede di estrarre 39,5 milioni di barili di greggio dal giacimento petrolifero di Yaran nella provincia di Juzestán.
 
Il bacino, condiviso tra Iran e Iraq, ospita circa 550 milioni di barili di petrolio, secondo Bloomberg . Teheran si è rivolta alle compagnie nazionali per sviluppare i suoi progetti di petrolio e gas dopo che l'amministrazione Trump introdusse un pacchetto di sanzioni che cercava di influenzare l'industria petrolifera iraniana.
 
Pertanto, le sanzioni avranno scarso effetto sull'industria, ha spiegato Zangeneh.
"Non ci arrenderemo in nessuna circostanza. Dobbiamo aumentare la nostra capacità in modo che, quando necessario, possiamo entrare nel mercato con piena forza e rilanciare la nostra partecipazione", ha spiegato il ministro.
 
 
Va notato che le sanzioni hanno inferto un duro colpo all'estrazione e all'esportazione di petrolio greggio dalla Repubblica islamica. Secondo la Reuters, le esportazioni iraniane si attestano attualmente a circa 100.000 a 200.000 barili al giorno (bpd), considerevolmente meno degli oltre 2,5 milioni di bpd che Teheran ha esportato nell'aprile 2018, poco prima degli Stati Uniti Gli Stati Uniti hanno annunciato che si sarebbe ritirato dall'accordo nucleare del 2015.
 
Tuttavia, l'industria petrolifera iraniana è riuscita a rimanere a galla nonostante l'enorme pressione e il calo dei prezzi del petrolio che hanno recentemente colpito i membri dell'OPEC +. In una recente svolta, Teheran ha inviato cinque petroliere in Venezuela, scatenando furia da Washington.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa