Non sapremo mai cosa è stata per davvero l'inchiesta di 'mani pulite'

Non sapremo mai cosa è stata per davvero l'inchiesta di 'mani pulite'

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Antonio Di Siena
 

L’unica certezza è che a seguito di quei processi cambiò radicalmente la storia d’Italia.


Un’intera classe politica fu spazzata via rimpiazzata da un’altra, molto meno legata a principi quali la sovranità nazionale e il controllo pubblico in economia.


Forse è solo una coincidenza ma la sostituzione quasi totale di quella classe dirigente spianò la strada ad una stagione di riforme senza precedenti.


Nel giro di pochi mesi scomparvero quasi tutti i vecchi partiti e la Repubblica si trasformò da multi partitica e proporzionale a bipolare e tendente al maggioritario.


Contestualmente iniziarono le privatizzazioni dei grandi enti pubblici come IRI, ENI, INA, ENEL, Ferrovie dello Stato, SIP, e Monopoli. E la dismissione di società come Agip, Snam e Banca commerciale italiana.


Il processi di unificazione europea e creazione della moneta unica subirono un’ulteriore accelerata. 
E si posero le basi per la moderna politica fondata sul vincolo esterno.


Qualcuno crede che Tangentopoli sia stata un di golpe bianco.


Io questo non lo so, ma a dirla con un vecchio protagonista di quegli anni “a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca”.


Mi sarebbe piaciuto chiedere qualcuna di queste cose a Francesco Saverio Borrelli, ma la sua morte lo impedisce.


Resta quell’altro.


Il perito elettronico emigrato in Germania a fare l’operaio che, tornato in Italia, prima diventa agente di polizia e poi vince il concorso in magistratura.


Ma questa è un’altra storia. 
O forse no.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti