"Non si possono escludere decisioni difficili". La trascrizione integrale (in italiano) delle parole del generale Serghej Surovikin

"Non si possono escludere decisioni difficili". La trascrizione integrale (in italiano) delle parole del generale Serghej Surovikin

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ha parlato il generale russo Serghej Surovikin, nuovo comandante delle operazioni in Ucraina. Ha spiegato la situazione sul campo, che è molto pesante, ha parlato della strategia dei militari russi. Si può evincere che la Russia si prepara a grandi battaglie.

In un'intervista al canale televisivo “Rossija 24” il generale dell'esercito Sergei Surovikin, comandante del Gruppo unito delle forze nell'area ell'operazione speciale oggi ha così parlato:

"La situazione della zona dell'Operazione militare speciale si può definire tesa. Il nemico non desiste dai tentativi di attaccare le posizioni delle forze armate della Federazione Russa, questo riguarda prima di tutto le direzioni di Kupjansk, Krasnyj Limansk, Nikolaev e Krivoj Rog. Noi e gli ucraini siamo un solo popolo e desideriamo solo una cosa: che l'Ucraina sia indipendente dall'Occidente e dalla Nato, che sia uno Stato amichevole con la Russia. Il nemico è un regime criminale che spinge alla morte i cittadini ucraini.

Cerca di rompere la nostra difesa e per questo l'esercito ucraino strascina tutte le riserve che ha al fronte, per lo più sono le forze della difesa territoriale che non hanno nemmeno passato un pieno corso di preparazione, di fatto condannandoli alla morte. Il regime criminale ucraino utilizza distaccamenti di nazionalisti che uccidono tutti coloro che tentano di lasciare il campo di battaglia.

Ogni giorno, le perdite del nemico sono tra 600 e 1000. Noi abbiamo un'altra strategia. Noi non miriamo ad alti tempi di avanzamento, proteggiamo la vita di ogni soldato e metodicamente maciniamo il nemico che avanza. Questo permette di minimizzare le nostre perdite e anche di ridurre di molto il numero delle vittime civili. Il gruppo di truppe russe sta rafforzandosi, creando riserve e costruendo posizioni difensive lungo l'intera linea di contatto.

L'esercito russo colpisce le infrastrutture che influiscono sulla capacità di combattimento delle truppe ucraine. Questo viene fatto con l'aiuto di armi ad alta precisione. Gli equipaggi dell'aviazione operativo-tattica, dell'esercito e dell'aviazione a lungo raggio hanno effettuato più di 34mila voli, impiegando più di 7.000 armi guidate. In particolare, gli ultimi missili aerei ipersonici “Kinzhal” si sono dimostrati molto efficaci nel colpire i bersagli. Nessuno dei sistemi di difesa aerea del nemico può resistere o impedire a questo missile di eseguire il suo scopo. Il nostro compito principale è preservare la vita e la salute dei civili. Pertanto, prima di tutto, l'esercito russo garantirà la partenza sicura della popolazione già annunciata nell'ambito del programma di reinsediamento preparato dal governo russo. La leadership della NATO delle forze armate ucraine chiede da tempo al regime di Kiev delle operazioni offensive nella direzione di Kherson, senza curarsi delle eventuali vittime, sia nelle forze armate ucraine che tra la popolazione civile. La situazione a Kherson è ora pericolosa per i suoi residenti.

A causa dei bombardamenti ucraini con i sistemi reattivi Himars sono stati danneggiati il ponte Antonovskij e la diga della centrale idroelettrica “Kakhovskaja”, perciò la consegna del cibo è diventata difficile e ci sono anche problemi con l’acqua e l’elettricità. L'esercito ucraino ha colpito intenzionalmente le infrastrutture e gli edifici residenziali. Inoltre, i cittadini sono minacciati dall'offensiva pianificata da Kiev, l'esercito ucraino spara ovunque senza distinzione sui civili. Ci sono informazioni sulla possibilità che Kiev utilizzi metodi di guerra proibiti di operazioni militari nella regione di Kherson, e che sta preparando un attacco missilistico alla diga della centrale idroelettrica “Kakhovskaja”. I piani e le azioni dell’esercito russo in relazione a Kherson dipenderanno dalla situazione tattica militare emergente, dall’evoluzione della situazione, che non è facile, ma molto, molto complicata e non si possono escludere decisioni difficili” – ha concluso il generale Surovikin.




Dopo l'intervista al gen. Surovikin, stasera è arrivata la dichiarazione di Vladimir Sal’do, il governatore temporaneo della regione di Kherson. La difficile decisione di cui parlava Surovikin è stata presa, ma è solo per il bene e l’incolumità dei cittadini. Eccola:

“Cari cittadini! Sapete tutti che l'Ucraina ha dichiarato guerra totale e senza compromessi alla Russia, a tutti noi. La Federazione Russa ha formato un gruppo militare per respingere questa offensiva. Il campo di battaglia di questo confronto può essere la nostra terra, le pacifiche città e i villaggi della regione di Kherson. La parte ucraina sta accumulando forze per un'offensiva su larga scala. Sappiamo tutti quanto duramente il Donbass sopporterà i bombardamenti quotidiani, quante persone innocenti muoiono a causa dell'artiglieria e degli attacchi missilistici contro città pacifiche. Kiev sta preparando un destino simile per Kherson. Esiste il pericolo immediato di inondazione dei territori a causa della prevista distruzione della diga la centrale idroelettrica “Kakhovskaja” e del rilascio di acqua da una cascata di centrali elettriche a monte del Dnepr. In tale situazione, ho preso la decisione, difficile ma corretta, di annunciare lo spostamento organizzato della popolazione civile dei comuni di Berislav, Belozerskij, Snighirjovskij e Aleksandrovskij sulla riva sinistra del Dnepr. Questo è dovuto alla decisione di costruire delle fortificazioni difensive sul larga scala in modo da respingere qualsiasi attacco. Dove operano i militari, non c’è posto per i civili. Lasciate che l’esercito russo adempia al suo compito!" Insomma sta per cominciare la grande battaglia per Kherson. Ai cittadini è vivamente raccomandato di lasciare la propria abitazione - "La Federazione Russa vi garantisce la nuova abitazione in caso la vostra venga distrutta, l'evacuazione dalla regione è indispensabile. Noi non abbiamo intenzione di cedere e fare entrare i fascisti a Kherson" - ha dichiarato poco fa Kirill Stremausov, vice capo dell'amministrazione della regione."

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti