Nucleare iraniano "improbabile a breve termine". Parola di Blinken

Nucleare iraniano "improbabile a breve termine". Parola di Blinken

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri il segretario di Stato americano Antony Blinken ha dichiarato che il ritorno di Washington all'accordo sul nucleare iraniano è “improbabile” e ha accusato Teheran di aver compiuto un “passo indietro” nei negoziati.

"Quello che abbiamo visto nell'ultima settimana circa nella risposta dell'Iran alla proposta avanzata dall'Unione europea è chiaramente un passo indietro e rende improbabili prospettive per un accordo a breve termine, direi," ha aggiunto Blinken durante una visita nella capitale messicana.

"Continuano a cercare di introdurre questioni estranee alla negoziazione che rendono meno probabile un accordo", ha continuato Blinken, prima di precisare: "Se concludiamo un accordo, è solo perché farà avanzare la nostra sicurezza nazionale".

Le dichiarazioni di Blinken sono state rilasciate lo stesso giorno in cui il primo ministro israeliano ad interim, Yair Lapid, ha incontrato il cancelliere tedesco Olaf Scholz nel tentativo di allontanare Berlino dal tavolo dei negoziati con l'Iran.

"Ritornare all'accordo nucleare nelle condizioni attuali sarebbe un errore fondamentale", ha ribadiro Lapid al cancelliere tedesco.

All'inizio della giornata, il capo del Mossad David Barnea ha affermato che Israele continuerà a compiere atti di sabotaggio in Iran con la piena benedizione degli Stati Uniti.

Nonostante i recenti progressi per far tornare Washington al Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), nelle ultime due settimane la campagna di Israele per indebolire l'accordo ha dato i suoi frutti poiché i colloqui sembrano essersi bloccati.

Oggi, in merito ai pretesti per sabotare l’accordo da parte degli USA, Il portavoce dell'Organizzazione per l'energia atomica dell'Iran (AEOI), Behruz Kamalvandi, ha denunciato che le dichiarazioni rese dal direttore generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA), Rafael Grossi, sulla mancanza di sorveglianza presso gli impianti nucleari iraniani Iran non hanno base giuridica.

Grossi ha invitato, ieri, l'Iran a fornire "spiegazioni tecniche credibili" sulla presenza di particelle di uranio in tre dei suoi impianti e ha affermato che, in assenza di esse, l'agenzia "non può dare garanzie che il programma nucleare iraniano sia esclusivamente pacifico".

“Le affermazioni sull'esistenza di un vuoto di supervisione [...] non hanno fondamento giuridico [...] la Repubblica islamica dell'Iran ha collaborato pienamente rispetto ai tre presunti siti citati dall'Agenzia e ha inviato informazioni e risposte al Le domande dell'Agenzia e ha anche tenuto sessioni di dialogo per risolvere ogni ambiguità”, ha sottolineato Kamalvandi in dichiarazioni alla stampa.

Lo ripetiamo, un mancato accordo, aprirà le porte ad un conflitto armato tra USA, Israele contro l’Iran dalle conseguenze incalcolabili. Cosa di cui il mondo non ha bisogno, l’occidente morente probabilmente sì.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

L'austerità uccide: il Film sulla privatizzazione della sanità di Gilberto Trombetta L'austerità uccide: il Film sulla privatizzazione della sanità

L'austerità uccide: il Film sulla privatizzazione della sanità

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Le pedine curde degli USA in Medio Oriente di Paolo Pioppi Le pedine curde degli USA in Medio Oriente

Le pedine curde degli USA in Medio Oriente

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti