DIFESA E INTELLIGENCE/Nuova provocazione USA contro la Cina: caccia F-16V a Taiwan

Nuova provocazione USA contro la Cina: caccia F-16V a Taiwan

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

L'isola di Taiwan ha formalmente firmato un accordo con la società produttrice di armi statunitense Lockheed Martin per l'acquisto di 66 caccia da combattimento F-16V, secondo quanto riferito sabato, aumentando ulteriormente le tensioni nello Stretto di Taiwan. 

 

La risposta di Pechino non si è fatta attendere: l'Esercito Popolare di Liberazione cinese (PLA ) ha annunciato esercitazioni su larga scala in risposta alle provocazioni statunitensi e alle attività secessioniste di Taiwan.

 

Mentre l'accordo è stato approvato dall'amministrazione Trump lo scorso anno e si prevedeva che prima o poi avrebbe avuto luogo una firma formale, si ritiene che il suo annuncio in questo particolare momento sia l'ennesima provocazione degli Stati Uniti e un passo verso la linea rossa della questione di Taiwan, il che rischia un ulteriore confronto, hanno detto sabato gli esperti della Cina continentale, aggiungendo che il PLA mira non solo a scoraggiare, ma anche ad affinare la sua capacità di lanciare un'azione militare quando necessario.

 

Un annuncio del Pentagono giovedì ha informato che Lockheed Martin ha ottenuto un contratto di 10 anni da 62 miliardi di dollari per la produzione di F-16 per la vendita militare straniera, e l'ordine di consegna iniziale è per 90 aerei.

 

Il Pentagono non ha rivelato gli acquirenti dei caccia, ma i media, tra cui Bloomberg e AFP, hanno riferito venerdì che l'accordo include l'acquisto approvato da Taiwan di 66 F-16.

 

L'accordo coinvolgerebbe 66 degli F-16V, l'ultima versione dell'aereo da caccia F-16, dal costo di 8 miliardi di dollari.

 

Il comando del teatro orientale del PLA ha annunciato giovedì una serie di esercitazioni consecutive e realistiche nello Stretto di Taiwan e nelle sue estremità settentrionale e meridionale che presentavano più rami militari in più direzioni. Questa, hanno detto gli esperti, è un'ovvia risposta alle recenti mosse provocatorie dei secessionisti statunitensi e taiwanesi, evidenziate dalla visita a Taiwan del Segretario per la salute e i servizi umani Alex Azar.

 

Annunciando che l'accordo sull'F-16 è stato finalizzato, gli Stati Uniti stanno tentando di mostrare la loro posizione dura e la mossa potrebbe essere considerata come corrispondente alle esercitazioni del PLA, ha dichiarato al Global Times Ni Feng, direttore dell'Istituto di studi americani presso l'Accademia cinese delle Scienze Sociali.

 

In queste circostanze, la mossa degli Stati Uniti è ancora più pericolosa, poiché calpesta e addirittura attraversa la linea rossa della Cina continentale sulla questione di Taiwan, ha detto Ni, osservando che il rischio di uno scontro continua a salire.

 

Esperti militari della Cina continentale hanno dichiarato al Global Times in seguito all'annuncio delle esercitazioni del PLA che l'EPL ha migliorato e normalizzato le esercitazioni militari intorno all'isola di Taiwan non solo per scoraggiare i secessionisti sull'isola, ma per addestrare le truppe e acquisire la capacità di virare le esercitazioni in azioni militari reali, se necessario.

 

Il PLA continuerà a sviluppare armi e attrezzature avanzate per aumentare la sua capacità complessiva e ampliare il suo già enorme divario con i militari dell'isola, e le future esercitazioni militari potrebbero vedere aerei da guerra volare attraverso lo spazio aereo dell'isola se necessario, hanno detto.

 

Esperti cinesi della Cina continentale hanno affermato che mentre i caccia F-16V potrebbero diventare una minaccia per le forze del PLA, i caccia J-10B e J-10C del PLA possono rivaleggiare con loro e non possono competere con i più pesanti J-11, per non parlare del J-20 molto più avanzato.

 

Se dovesse scoppiare un'operazione di riunificazione con la forza, il PLA distruggerebbe i campi aerei e i centri di comando di Taiwan, non dando agli F-16V la possibilità nemmeno di prendere il volo e dando a quelli già in volo nessun posto dove atterrare, hanno spiegato gli analisti.

 

Gli Stati Uniti andranno avanti con le provocazioni contro la Cina anche su Taiwan?

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa