"October rain". La canzone israeliana all'Eurovision diventa un caso

"October rain". La canzone israeliana all'Eurovision diventa un caso

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Agata Iacono
 

Fa discutere la partecipazione ad Eurovision della canzone che dovrebbe rappresentare Israele.
 
I fatti (fonti Il Post, il FQ, Agi, ANSA):
La TV pubblica israeliana "Kan" ha annunciato di avere dato inizio ad una sorta di trattativa con l’Unione europea di radiodiffusione EBU, (l’ente che organizza l’Eurovision Song Contest, il più importante e seguito concorso musicale europeo).
La questione  riguarda l’ammissibilità di “October Rain”, la canzone che dovrebbe rappresentare Israele alla prossima edizione della manifestazione, che inizierà il 7 maggio a Malmö, in Svezia.

La canzone non si intitola per caso così e non parla romanticamente di un amore che nasce tra il vento e le foglie ingiallite d'autunno.
È esplicitamente una canzone di propaganda politica.

Da quanto è emerso, lunedì 19 febbraio il giornalista israeliano Eran Swissa ha letto in anteprima il testo della canzone, non ancora pubblicata, e ha riportato gli ultimi tre versi di “October Rain”, (i soli scritti in ebraico, mentre  il resto del testo è in inglese ), affermando che «descrivono la condizione dei civili israeliani durante l’attacco di Hamas» dello scorso 7 ottobre.

I tre versi tradotti sono «non c’è più aria per respirare», «nessun posto, nessun me da un giorno all’altro» e «erano tutti bravi bambini, ognuno di loro». 
 
Swissa ha anche aggiunto che nel testo compare in più occasioni la parola «fiori», che nel gergo dell’esercito israeliano viene utilizzata per descrivere i soldati israeliani "martiri".

Poiché il regolamento dell’EBU prevede che le canzoni che partecipano all’Eurovision non debbano avere nessun significato politico, pena la squalifica, la canzone rischia di non essere ammessa.

La reazione di Israele non si è fatta attendere.

Miki Zohar, ministro della Cultura israeliano, ha dichiarato che troverebbe «scandalosa» la squalifica di Israele all’Eurovision. In una prima risposta inviata giovedì all’EBU, ha descritto “October Rain” come una canzone che «parla di rigenerazione e rinascita» e che, sebbene rispecchi «l’attuale sentimento condiviso in Israele in questi giorni», non è da considerarsi «una canzone politica».

Piuttosto che cambiare la canzone, come chiede EBU, e sostituirla, Israele ha già minacciato di privare Eurovision della sua partecipazione.

Fin qui i fatti.

Ma davvero, da Sanremo a Eurovision, qualcuno ha mai creduto che le manifestazioni canore, così come quelle artistiche e sportive, siano un mondo a parte, scevro dalla propaganda politica?

Abbiamo dimenticato che gli artisti russi, trattati come paria, hanno dovuto  subire l'annullamento dei propri concerti, e che persino leggere e rappresentare Dostoevskij o Cechov, ascoltare Cajkovskij, è diventata prassi carbonara proibita e trasgressiva?

Gli sportivi russi gareggiano senza bandiera e inno.

Ma, veramente, non ricordiamo che l'edizione di Sanremo dello scorso anno ha visto i colori della bandiera ucraina cuciti addosso alla Ferragni e che Amadeus ha letto il comunicato di Zelensky agli italiani?

E, nell'edizione appena trascorsa, possiamo ancora illuderci che la politica non c'entri nulla con le canzonette, quando un Ghali osa ricordare il genocidio del popolo palestinese e Sergio si scusa con la Comunità Ebraica?
 
Abbiamo dimenticato chi ha vinto Eurovision nel 2022? Una sconosciuta, appena costituita, Kalush Orchestra, rappresentando l'Ucraina con il brano Stefania, subito dopo arruolata volontaria nell'esercito del regime di Kiev.

Il problema in questo caso non è la canzone, è la partecipazione stessa di Israele a qualsiasi manifestazione pubblica artistica o sportiva. Sta presentando un testo che sa essere da squalifica, come sfida, ben sapendo di violare il regolamento. Che Israele stia cercando il pretesto per autoescludersi, vittima di quello che  rappresenterà come "dilagante antisemitismo"? O davvero non si rende conto che la corda, (non quella vocale),  prima o poi si spezza?
 
 

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa e antropologa

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti