Oms: il secondo ospedale più grande di Gaza smette di funzionare dopo una settimana di assedio

Oms: il secondo ospedale più grande di Gaza smette di funzionare dopo una settimana di assedio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dopo una settimana di assedio israeliano, l'ospedale Nasser, il secondo più grande della Striscia di Gaza, situato nella città di Khan Younis, ha smesso di funzionare, ha annunciato, questa mattina, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Sul suo account X il funzionario dell’organismo delle Nazioni Unite, ha denunciato che "sia ieri che l'altro ieri, al team dell'OMS non è stato permesso di entrare in ospedale per valutare le condizioni dei pazienti e le esigenze mediche critiche, nonostante fosse arrivato al complesso ospedaliero per fornire carburante insieme ai suoi partner.”

Inoltre, Ghebreyesus ha osservato che ci sono ancora circa 200 pazienti in questo complesso medico nel sud della Striscia di Gaza, mentre almeno 20 persone necessitano di essere urgentemente trasferite in altri ospedali per ricevere assistenza sanitaria. "Il costo dei ritardi sarà pagato con la vita dei pazienti", ha avvertito.

Nel frattempo, il portavoce del governo israeliano Eylon Levy ha risposto al commento del direttore generale dell'OMS sul suo account X, accusandolo di essere "complice" degli eventi nell'enclave palestinese. "Per anni Hamas ha costruito infrastrutture militari negli ospedali e [l'OMS] non ha detto nulla. Hamas ha tenuto degli ostaggi lì e non ha detto nulla. Hamas ha sparato dagli ospedali e non ha detto nulla", ha denunciato. "Fatevene carico", ha concluso.

Durante l'assalto delle forze israeliane al complesso questa settimana, sono stati effettuati arresti di massa e sono stati istituiti posti di blocco militari nell'area.

-------------------

TRE LIBRI PER CAPIRE LA PALESTINA: PROMOZIONE IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q



SCOPRI I TRE LIBRI

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti