/ Paco Ignacio Taibo II: «Vorrei che mi spiegassero come è possibil...

Paco Ignacio Taibo II: «Vorrei che mi spiegassero come è possibile che in una dittatura siano state realizzate 23 elezioni»

 

Lo scrittore messicano ha spiegato che «viviamo in un mondo dove la qualità dell’informazione è molto bassa»

 

Lo scrittore e storico messicano, ma di origine spagnola, Paco Ignacio Taibo II è stato ospite del giornalista venezuelano Ernesto Villegas nell’ambito del programma ‘Toma Nota Venezuela’ in onda sulle frequenze dell’emittente Venezolana de Television. 

 

«Il livello di disinformazione sul Venezuela è tragico» ha denunciato in riferimento all’aggressione mediatica che subisce la patria di Bolivar e Chavez senza soluzione di continuità. Alle continue accuse lanciate al governo chavista di aver instaurato una dittatura, Paco Ignacio Taibo II risponde così: «Vorrei che mi spiegassero come è possibile che in una dittatura siano state realizzate 23 elezioni». 

 

Lo scrittore messicano ha quindi spiegato che «viviamo in un mondo dove la qualità dell’informazione è molto bassa. In queste condizioni la lotta per l’informazione torna ad essere centrale, raccontando i fatti alle persone, informando».

 

 

Paco Ignacio Taibo II ha inoltre riferito che vorrebbe «vedere in Messico alcune esperienze che si stanno sviluppando in Venezuela».

 

Taibo II si trova a Caracas per partecipare al I Congresso Internazionale di Storia. Tra i suoi testi troviamo una biografia di Che Guevara pubblicata in 35 paesi e stampata in oltre 1 milione di copie. É anche autore di una biografia di Pancho Villa scritta insieme al Subcomandante Marcos. 

 

«La storia è dei cittadini, dobbiamo trovare il modo di raccontare la storia alle persone», ha esortato. 

 

Lo scrittore e storico ha infine messo in discussione la credibilità dei media spagnoli controllati in larga parte dalla destra. 

Fonte: AVN
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa