Partorire a Gaza, questione di morte per 5.500 donne

Partorire a Gaza, questione di morte per 5.500 donne

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nei prossimi 30 giorni, più di 5500 donne partoriranno a Gaza, dove gli ospedali sono stati bombardati e non ci sono provviste per i partorienti e i neonati.

Si stima che almeno 840 donne potranno soffrire  di complicazioni legate alla gravidanza o al parto, oltre al fatto che due madri muoiono ogni ora nella Striscia a causa del conflitto.

"Senza forniture sufficienti e con troppi pazienti, il sistema sanitario è in crisi profonda e le madri sono costrette a essere dimesse entro poche ore dal parto", ha spiegato la responsabile delle attività delle ostetriche di Medici Senza Frontiere (MSF), Rita Botelho da Costa.

Inoltre, ha aggiunto che le prime 24 ore post-parto sono quelle a più alto rischio di complicazioni, e con le persone che vivono in condizioni terribili, è fondamentale mantenere la paziente in ospedale il più a lungo possibile.

Questo ha portato migliaia di bambini a nascere in condizioni che "vanno oltre l'immaginabile" negli ultimi mesi. La portavoce dell'Unicef Tess Ingram, che ha recentemente visitato la zona, ha avvertito che molte madri si sono "dissanguate fino a morire", mentre altre donne sono state sottoposte a cesari di emergenza quando erano già morte.

“Diventare madre è qualcosa che deve essere celebrato. A Gaza si tratta di un altro bambino portato all'inferno", ha lamentato esortando la comunità internazionale a prendere provvedimenti in merito: "Vedere i bambini soffrire mentre le loro madri si dissanguano fino alla morte deve tenerci svegli di notte".

L'ospedale materno degli Emirati a Rafah (sud di Gaza) è l'unico centro di aiuto per le donne incinte. Ma si trova sull'orlo del collasso.

Alla situazione catastrofica che vivono i palestinesi si aggiunge la sospensione dei fondi dei paesi occidentali all'UNRWA per l’accusa dei suoi legami con i gruppi di resistenza.

Dall'inizio degli attacchi di Israele alla Striscia di Gaza, sono nati quasi 20 000 bambini e circa 5500 donne partoriranno il mese prossimo, quasi 180 nascite in media al giorno, secondo i dati del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (Unicef).

(Hispan TV)

Andrea Puccio - www.occhisulmondo.info

SCOPRI "LA VOCE DELLA PALESTINA": L'OFFERTA IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti