Pepe Escobar - La Russia e la fine della neutralità sul conflitto palestinese

Pepe Escobar - La Russia e la fine della neutralità sul conflitto palestinese

Mentre il sostegno dell'Occidente alla guerra di Gaza di Israele diventa indifendibile, Mosca si allinea alla maggioranza globale in difesa della Palestina.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – The Cradle

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

La complessa e sfumata questione della neutralità geopolitica della Russia nella tragedia israelo-palestinese è stata finalmente chiarita la scorsa settimana, senza mezzi termini.

Reperto A è il discorso che il Presidente russo Vladimir Putin ha fatto – di persona, il 30 ottobre – al Consiglio di sicurezza del suo Paese, agli alti funzionari governativi e ai capi delle agenzie di sicurezza.

Tra altri personaggi di rilievo, erano presenti il Primo Ministro Mikhail Mishustin, il Presidente della Duma Vyacheslav Volodin, il Segretario del Consiglio di Sicurezza Nikolai Patrushev, il Ministro degli Esteri Sergei Lavrov, il Direttore dell'FSB Alexander Bortnikov e il Direttore dell'SVR (l'intelligence estera) Sergei Narishkin.  

Putin non ha tardato a precisare la posizione ufficiale della Federazione Russa nell'attuale incandescenza geopolitica di due guerre intrecciate, Ucraina e Israele-Palestina. Il discorso era rivolto tanto al suo pubblico di alto profilo quanto alla leadership politica dell'Egemone occidentale".

"Non c'è alcuna giustificazione per i terribili eventi che si stanno verificando a Gaza, dove centinaia di migliaia di persone innocenti vengono uccise indiscriminatamente, senza avere un posto dove fuggire o nascondersi dai bombardamenti. Quando si vedono i bambini sporchi di sangue, i bambini morti, la sofferenza delle donne e degli anziani, quando si vedono i medici uccisi, ovviamente, si stringono i pugni mentre le lacrime salgono agli occhi."

 

La coalizione del caos guidata dagli Stati Uniti

Poi è arrivata un'anticipazione del contesto: "Dobbiamo capire chiaramente chi c'è in realtà dietro la tragedia dei popoli in Medio Oriente e in altre regioni del mondo, chi ha organizzato questo caos letale e chi ne trae vantaggio."

Senza mezzi termini, Putin ha descritto "le attuali élite al potere negli Stati Uniti e nei loro satelliti" come "i principali beneficiari dell'instabilità globale che usano per estrarre la loro sanguinosa rendita. Anche la loro strategia è chiara. Gli Stati Uniti come superpotenza globale si stanno indebolendo e stanno perdendo la loro posizione, e tutti lo vedono e lo capiscono, anche a giudicare dalle tendenze dell'economia mondiale."

Il presidente russo ha fatto un collegamento diretto tra la spinta americana ad estendere "la sua dittatura globale" e l'ossessione politica di promuovere il caos senza sosta: "Questo caos la aiuterà a contenere e destabilizzare i suoi rivali o, come dicono loro, i loro avversari geopolitici, tra i quali annoverano anche il nostro Paese, che in realtà sono nuovi centri di crescita globale e Paesi sovrani indipendenti che non sono disposti a inchinarsi e a svolgere il ruolo di servi."

In particolare, Putin ha voluto "ripetere ancora una volta" al suo pubblico interno e a quello del Sud Globale che "le élite al potere degli Stati Uniti e dei loro satelliti sono dietro la tragedia dei palestinesi, il massacro in Medio Oriente in generale, il conflitto in Ucraina e molti altri conflitti nel mondo – in Afghanistan, Iraq, Siria e così via".

È un punto di vitale importanza. Confrontando i responsabili del conflitto in Ucraina e della guerra a Gaza – "gli Stati Uniti e i loro satelliti" – il presidente russo ha di fatto accomunato Israele all'Egemone occidentale e alla sua agenda di "caos".

Mosca si allinea con la vera "comunità internazionale"

In sostanza, ciò che ci dice è che la Federazione Russa si allinea inequivocabilmente con la stragrande maggioranza dell'opinione pubblica del Sud Globale/Maggioranza Globale – dal mondo arabo a tutte le terre dell'Islam e oltre, in Africa, Asia e America Latina.

È interessante notare che Mosca si allinea alle analisi del leader iraniano Ayatollah Khamenei – un partner strategico della Russia – e del segretario generale di Hezbollah Hassan Nasrallah, nel suo discorso infuocato, sofisticato e dai toni Sun-Tzu di venerdì scorso, sul "ragno che sta cercando di impigliare l'intero pianeta e il mondo intero nella sua ragnatela".

Reperto B della posizione ufficiale della Russia, in particolare su Israele-Palestina, è arrivata dal rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Vasily Nebenzya, in occasione di una sessione speciale dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite sulla Palestina, due giorni dopo il discorso di Putin.

Nebenzya ha chiarito in modo inequivocabile che Israele, in quanto potenza occupante, non ha "il diritto all'autodifesa" – un fatto supportato da una sentenza consultiva della Corte internazionale delle Nazioni Unite del 2004.

All'epoca, la Corte aveva anche stabilito, con un voto giudiziario di 14 su 15, che la costruzione da parte di Israele di un massiccio muro nella Palestina occupata, compresa Gerusalemme Est, era contraria al diritto internazionale.

La Nebenzya, in termini giuridici, ha annullato l'argomento del "diritto all'autodifesa", sempre evocato, brandito da Tel Aviv e dall'intera galassia NATO. L'Egemone, protettore di Tel Aviv, ha recentemente posto il veto alla bozza umanitaria del Brasile per il Consiglio di Sicurezza dell'ONU solo perché non menzionava il "diritto all'autodifesa" di Israele.

Pur sottolineando che Mosca riconosce il diritto di Israele a garantire la propria sicurezza, Nebenzya ha sottolineato che questo diritto "potrebbe essere pienamente garantito solo in caso di una risoluzione equa del problema palestinese basata su risoluzioni riconosciute del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite".

I dati dimostrano che Israele non rispetta alcuna risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla Palestina.

 

Le priorità di Lavrov nella Palestina occupata

Reperto C della posizione della Russia nei confronti di Israele/Palestina è stata fornita dal Ministro degli Esteri Sergei Lavrov in una conferenza stampa con il Ministro degli Esteri kuwaitiano Sabah Al-Sabah, due giorni dopo l'intervento di Nebenzya all'ONU.

Lavrov ha ribadito le priorità di Mosca già sottolineate da Putin e Nebenzya: un cessate il fuoco urgente, corridoi umanitari e il ritorno al tavolo dei negoziati per "uno Stato palestinese indipendente, come previsto dal Consiglio di Sicurezza dell'ONU entro i confini del 1967, che coesista in pace e sicurezza con Israele".

Lavrov ha sottolineato ancora una volta che sono in atto diverse tattiche diversive USA-Israele "volte a ritardare (se non a seppellire) la decisione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di istituire uno Stato palestinese".

Questo, dice il ministro degli Esteri russo, implica la condanna dei palestinesi "a un'esistenza eterna senza diritti. Questo non garantirà né la pace né la sicurezza nella regione, ma non farà che approfondire il conflitto. E non sarete in grado di spingerlo in profondità. Verrà seminata la prossima "uva dell'ira", che rapidamente "germoglierà"".

L'analisi di Lavrov, così come quella di Putin, converge con quella di Khamenei e Nasrallah: "Non si tratta di Gaza, ma del conflitto israelo-palestinese. Lo Stato di Palestina è parte integrante di questa soluzione."

La Russia sta gettando i semi per esercitare il ruolo di mediatore di fiducia per tutte le parti in Israele/Palestina – un ruolo totalmente inadatto all'Egemone, soprattutto dopo la tacita approvazione dell'attuale pulizia etnica israeliana di Gaza.

È tutto qui, chiaramente formulato da Lavrov: "Sarà di fondamentale importanza per noi conoscere l'opinione unanime del mondo arabo." È un messaggio rivolto specificamente ai regimi sunniti vassallizzati da Washington. Poi, quando si rimetteranno in sesto, "sosterremo la soluzione araba a questa questione molto difficile".

 

Il prerequisito del multipolarismo: La pace in Palestina

Esaminati insieme, i reperti A, B e C mostrano come Mosca sia molto avanti nel gioco. Il messaggio complessivo – che viene minuziosamente decodificato in tutto il Sud Globale/Maggioranza Globale – è che, anche considerando le continue mosse dell'Impero del Caos, l'immutabile progetto sionista escludente è ormai morto all'arrivo.

La soluzione meno peggiore finora è l'Iniziativa di Pace Araba del 2002, sottoscritta da tutti, dalle terre dell'Islam alla Russia, all'Iran e alla Cina: uno Stato palestinese indipendente, che ritorni ai confini del 1967, con Gerusalemme Est come capitale.  

Il problema è come convincere il sionismo fuori controllo a fare marcia indietro. I fatti imperativi sul terreno dovrebbero includere la recisione del cordone ombelicale armato/securizzato Washington-Tel Aviv – e l'espulsione dallo spettro geopolitico della matrice sionista cristiana neocon negli Stati Uniti, che si dà il caso sia profondamente radicata nei silos dello Stato profondo.

Entrambi questi imperativi sono impossibili – a breve, medio e anche lungo termine. 

Nel frattempo, un semplice sguardo alla mappa mostra che, a tutti gli effetti, la soluzione dei due Stati – dalla Cisgiordania alla Striscia di Gaza – è morta. Può essere straziante per i leader del multipolarismo ammetterlo. Ci vorrà un po' di tempo, e un cambiamento del discorso pubblico, per riconoscere che l'unica soluzione praticabile è un anatema supremo per il progetto sionista: uno Stato unico con ebrei e arabi che vivono insieme in pace.

Tutto ciò ci porta a una formulazione cruda: senza una soluzione giusta per la Palestina, una pace tangibile nell'emergente spettro della multipolarità rimane irraggiungibile. L'attuale orrore attivato a Gaza dimostra che la pace continua a non essere una priorità per l'Impero del Caos, e ci vorrà una Russia – e forse una Cina – per cambiare le carte in tavola.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti