Pepe Escobar - Putin e Xi programmano la fuga dallo SWIFT liberando i paesi sotto sanzioni USA

Pepe Escobar - Putin e Xi programmano la fuga dallo SWIFT liberando i paesi sotto sanzioni USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar - The Cradle

L'annuncio della Russia e della Cina di una piattaforma di scambio finanziario indipendente libererà le nazioni sotto sanzioni statunitensi dall'intrusione occidentale nelle loro attività commerciali.

 Vladimir Putin è andato dritto al punto. All'inizio della sua conversazione video di un'ora e quattordici minuti con Xi Jinping il 15 dicembre, ha descritto le relazioni Russia-Cina come "un esempio di autentica cooperazione interstatale nel XXI secolo".

La loro miriade di livelli di cooperazione sono noti ormai da anni: dal commercio, petrolio e gas, finanza, aerospazio e lotta contro il Covid-19, alla progressiva interconnessione della Belt and Road Initiative (BRI) e dell'Eurasia Economic Union (EAEU ).

Ma ora il palcoscenico era pronto per l'annuncio di una seria contromossa nel loro balletto attentamente coordinato che si oppone all'inesorabile combo Hybrid War/Cold War 2.0 schierata dall'Empire.

Come ha spiegato succintamente l'assistente del presidente per la politica estera Yuri Ushakov, Putin e Xi hanno concordato di creare una "struttura finanziaria indipendente per le operazioni commerciali che non potesse essere influenzata da altri paesi".

Fonti diplomatiche, in via ufficiosa, hanno confermato che la struttura potrebbe essere annunciata da un vertice congiunto prima della fine del 2022.

Questo è uno straordinario punto di svolta in più di un modo. Era stato ampiamente discusso in precedenti bilaterali e in preparazione dei vertici BRICS, principalmente incentrati sull'aumento della quota di yuan e rubli negli accordi Russia-Cina, aggirando il dollaro USA e aprendo nuove opzioni di mercato azionario per gli investitori russi e cinesi.

Ora siamo arrivati ??alla crisi. E l'evento catalizzatore non è stato altro che i falchi statunitensi che hanno lanciato l'idea – finanziariamente nucleare – di espellere la Russia da SWIFT, la rete di messaggistica utilizzata da oltre 11.000 banche in oltre 200 paesi, nonché istituzioni finanziarie, per trasferimenti di denaro rapidi in tutto il mondo.

Tagliare la Russia da SWIFT farebbe parte di un nuovo duro pacchetto di sanzioni sviluppato in risposta a un'"invasione" dell'Ucraina che non avverrà mai, principalmente perché gli unici a pregare per questo sono i guerrafondai professionisti della NATO.

Trarre profitto da un errore strategico

Ancora una volta, un errore strategico americano offre all'autodefinita "partnership strategica globale" Russia-Cina la possibilità di far progredire il loro coordinamento.

Ushakov lo ha espresso in modo molto diplomatico: è tempo di aggirare un meccanismo SWIFT "influenzato da paesi terzi" per formare "una struttura finanziaria indipendente".

Ciò equivale a un serio punto di svolta per l'intero Sud del mondo, poiché decine di nazioni desiderano essere liberate da una dittatura de facto del dollaro USA, completa di ricorrenti pacchetti da circo di allentamento quantitativo della Fed.

Russia e Cina stanno sperimentando da tempo i loro sistemi di pagamento alternativi: il russo SPFS (Sistema per il trasferimento di messaggi finanziari) e il cinese CIPS (Cross Border Interbank Payment System).

Non sarà facile, poiché le banche cinesi più potenti sono profondamente coinvolte in SWIFT e hanno espresso le loro riserve su SPFS. Tuttavia, dovranno inevitabilmente integrarsi prima del lancio del nuovo meccanismo, possibilmente alla fine del 2022.

Una volta che le più importanti banche russe e cinesi, da Sberbank alla Bank of China, adotteranno il sistema, si aprirà la strada per l'adesione di altre banche in tutta l'Eurasia e nel Sud del mondo.

A lungo termine, SWIFT, soggetto a continue interferenze politiche americane, sarà sempre più emarginato, o ristretto alle latitudini atlantiche.

Bypassare il dollaro USA, sul commercio e tutti i tipi di accordi finanziari, è un aspetto assolutamente centrale della nozione Russia-Cina in continua evoluzione di un mondo multipolare.

La strada sarà ovviamente lunga, soprattutto quando si tratta di offrire un solido contrappunto al sistema finanziario globale controllato dagli Stati Uniti, un labirinto che include le gigantesche case d'investimento del tipo BlackRock, Vanguard e State Street, con le loro partecipazioni interconnesse di praticamente ogni grande multinazionale.

Eppure una fuga SWIFT acquisterà rapidamente slancio, perché è indissolubilmente legata a una serie di sviluppi che Putin-Xi ha toccato nella loro conversazione, i più importanti dei quali sono:

  1. La progressiva interconnessione di BRI e EAEU, che offre ruoli in espansione alla New Development Bank (NDB) gestita da BRICS e all'Asia Infrastructure Investment Bank (AIIB).
  1. La crescente portata geopolitica e geoeconomica dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO), soprattutto dopo l'ammissione dell'Iran ad ottobre.
  1. E, soprattutto, l'imminente presidenza cinese dei BRICS nel 2022.

La Cina nel 2022 investirà profondamente nei BRICS+. Questo club BRICS ampliato sarà collegato a un processo di sviluppo che include:

  1. Il consolidamento del Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP)– un massiccio accordo commerciale con l'Asia orientale che unisce Cina, ASEAN 10 e Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda.
  2. L'Area di libero scambio continentale africana (ACFTA).
  3. E i protocolli d'intesa firmati tra EAEU e MERCOSUR e tra EAEU e ASEAN.

Ancoraggio dell'Asia occidentale  

Yaroslav Lissovolik, uno dei maggiori esperti mondiali di BRICS+, sostiene che è giunto il momento di BRICS+ 2.0, operando in un sistema che apre “la possibilità ad accordi bilaterali e plurilaterali di integrare la rete centrale di alleanze regionali formate dai paesi BRICS e dai rispettivi vicini regionali”.

Quindi, se stiamo parlando di un importante salto qualitativo in termini di sviluppo economico nel Sud del mondo, la domanda è inevitabile. E l'Asia occidentale?

Tutte queste interconnessioni, oltre a una fuga da SWIFT, trarranno sicuramente vantaggio dal Corridoio economico Cina-Pakistan (CPEC), probabilmente il progetto di punta della BRI, a cui Pechino intende annettere l'Afghanistan.

Il CPEC sarà progressivamente collegato al futuro corridoio Iran-Cina attraverso l'Afghanistan, parte dell'accordo strategico ventennale Iran-Cina in cui i progetti BRI saranno in primo piano. Iran e Cina già commerciano in yuan e rial, quindi gli accordi tra Iran e Cina in un meccanismo non SWIFT saranno un dato di fatto.

Quello che è successo all'Iran è un classico esempio di SWIFT diventato ostaggio della manipolazione politica imperiale. Le banche iraniane sono state espulse dalla SWIFT nel 2012, a causa delle pressioni dei soliti sospetti. Nel 2016, l'accesso è stato ripristinato come parte del JCPOA, conquistato nel 2015. Eppure nel 2018, sotto l'amministrazione Trump, l'Iran è stato nuovamente tagliato fuori da SWIFT.

Niente di tutto ciò accadrà mai con l'Iran che si unirà al nuovo meccanismo Russia-Cina.

E questo ci porta all'interconnessione dell'espansione BRI della Cina in Iran, Iraq, Siria, Libano e Yemen. 

La ricostruzione della Siria può essere ampiamente finanziata tramite il meccanismo non SWIFT. Stessa cosa per la Cina che compra energia irachena. Stesso discorso per la ricostruzione di uno Yemen che potrebbe ospitare un porto di proprietà cinese, parte del “ filo di perle ”.

L'Arabia Saudita, gli Emirati e Israele possono rimanere nella sfera di influenza finanziaria degli Stati Uniti, o meno. E anche se non ci sono nazioni BRICS che ancorano l'Asia occidentale e nessun accordo economico di integrazione regionale all'orizzonte, il ruolo di integratore economico è destinato a essere alla fine svolto dalla Cina.

La Cina giocherà un ruolo simile a quello del Brasile che ancorerà il MERCOSUR, della Russia che ancorerà l'EAEU e del Sudafrica che ancorerà la SADC/SACU.

Sia BRI che EAEU otterranno un enorme impulso bypassando SWIFT. 

Semplicemente non puoi diventare multipolare se fai trading usando la moneta a corso legale imperiale (svalutata).

BRI, EAEU e quegli accordi di sviluppo economico interconnessi, combinati con la tecnologia digitale, integreranno miliardi di persone nel Sud del mondo.

Pensa a un possibile futuro di buon auspicio che spieghi le telecomunicazioni a basso costo che forniscano servizi finanziari e accesso al mercato mondiale, in un ambiente senza dollaro, a tutti coloro che sono stati finora tagliati fuori da un'economia veramente globalizzata.

 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti