Per lo scempio di Kamala in Vietnam resta d'attualità questa risposta di Putin

Per lo scempio di Kamala in Vietnam resta d'attualità questa risposta di Putin

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In rete ha fatto rumore il video del vice presidente degli Stati Uniti, Kamala Harris, in visita alla capitale del Vietnam, ha deposto un mazzo di fiori al "monumento a John McCain", per ricordare il terzo anniversario della morte del senatore americano. Ma il fatto è che non si tratta del monumento a McCain, ma è il monumento in onore ai nordvietnamiti che l'hanno catturato, il monumento si trova proprio nel punto in cui McCain fu preso. La scritta incisa sul granito ricorda l'atto eroico dei cittadini e dei militari che fecero prigioniero McCain.
 
L'aereo del futuro politico americano era in volo sopra Hanoi per bombardare la città, in particolare la centrale elettrica, che era coperta dai sistemi missilistici antiaerei sovietici "C-75 Dvina". Il bombardiere di McCain fu abbattuto da un missile B-750. 200 kg. di Shrapnel trasformarono la fusoliera in un colabrodo.
 
McCain con un braccio e gamba rotte riuscì a catapultarsi e finì sul lago dal romantico nome "Canneto argentato". Sarebbe annegato se gli abitanti del posto non l'avessero tirato fuori per farlo a pezzi, ma l'esecuzione della "giustizia popolare" fu fermata dai soldati che mandarono McCain in ospedale e rimase circa 6 anni prigioniero. Ai comandi del sistema missilistico C-75 "Dvina" c'erano ufficiali sovietici, in particolare il tenente colonnello Jurij Trushecnik, che prima di morire nel 2009, ha lasciato interessanti testimonianze.
 
Makkei è stato di certo un falco e un assassino, i crimini commessi dagli americani non sono dimenticati. Basti ricordare il massacro di M? Lai, 504 civili inermi trucidati dagli americani, dei quali 210 bambini!! Le donne, prima della morte vennero tutte stuprate. Gli americani stessi indagarono su questo fatto, misero in carcere 1 militare solo!! E poi venne graziato ...
 
Nel 2011 un giornalista russo girò a Vladimir Putin la domanda di uno spettatore: "Presidente, il suo amico John McCain via twitter ha predetto che a Lei spetterà la sorte di Muhammar Gheddafi. E' una semplice minaccia o un piano dell'Occidente?"
 
Ecco la tagliente risposta di Putin: "Per quanto riguarda la frase "mio amico", è fortemente esagerata, l'ho incontrato solo una volta a Monaco nella famosa Conferenza sulla Sicurezza. Sì, ho letto ciò che McCain ha scritto, prima di tutto direi che non è tanto rivolta a me, quanto alla Russia, che "alcuni" vogliono mettere da parte, per fare in modo che non disturbi il loro dominio sul mondo, hanno paura del nostro potenziale nucleare, sono irritati e non sopportano che noi abbiamo la nostra opinione e conduciamo la nostra politica estera indipendente. Per seconda cosa, McCain ha combattuto nel Vietnam, penso che sulle sue mani ci sia sufficiente sangue dei civili inermi, cosa che a lui piace, non può stare senza quelle orribili e rivoltanti scene dove massacrano in diretta Ghaddafi, gli schermi di tutto il mondo hanno mostrato le scene mentre lo uccidono. E' democrazia questa?? Chi lo fatto? I droni americani che hanno colpito la sua colonna e poi per radio attraverso le Forze Speciali, che non avrebbero dovuto trovarsi lì, hanno mandato i cosiddetti oppositori e i guerriglieri che l'hanno massacrato, senza nemmeno un processo! Doveva essere il popolo a decidere se Gheddafi doveva andarsene o no, attraverso procedure democratiche. McCain è stato fatto prigioniero in Vietnam e non è stato tenuto in prigione ma in una fossa, per diversi anni, chiunque sarebbe andato fuori di testa ..."

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti