/ Per Trump la guerra commerciale con la Cina è facile da vincere, ...

Per Trump la guerra commerciale con la Cina è facile da vincere, ma i dati mostrano il contrario

 

Mentre l'agricoltura e il settore manifatturiero subiscono gli effetti della battaglia commerciale con Pechino, alcune compagnie statunitensi hanno scelto di ignorare l'inquilino della Casa Bianca e aumentare la loro presenza nel paese asiatico.


Sebbene il presidente degli Stati Uniti Donald Trump abbia dichiarato nel 2018, minacciando la Cina, che le guerre commerciali "sono buone e facili da vincere", per ora "le sue aspettative non si stanno avverando", scrive in un articolo per Forbes l'analista Jon Marino, della società Thinknum.
 
Sin dall'inizio, Marino ricorda che, secondo una recente analisi di Politico, gli Stati Uniti attualmente sta affrontando "uno dei periodi più difficili per l'agricoltura" dalla crisi degli anni '80, mentre il settore manifatturiero si sta contraendo.
 
Ignorando gli ordini
 
In questo contesto, alcune società statunitensi scelgono di "ignorare" le richieste del presidente di lasciare la Cina e aumentano la loro presenza nel paese asiatico, come dimostrano i dati di Thinknum, che includono offerte di lavoro da parte di aziende statunitensi a livello internazionale. Pertanto, Nike ha costantemente aumentato il numero di posti di lavoro in Cina durante la guerra commerciale e, inoltre, ora le azioni dell'azienda sono ai massimi livelli, afferma l'esperto, osservando che "Nike sta sfidando il presidente ed è fantastico per il marchio".
 
Micron - un'altra società americana che si affida alla Cina per guadagnare entrate - all'inizio del 2019 ha ridotto le sue offerte di lavoro nel paese asiatico, ma recentemente ha deciso di aggiungere deciine di nuove posizioni (anche se, a differenza della Nike, le sue azioni continuano a soffrire nel mezzo della guerra commerciale).
Da parte sua, Nvidia, una delle aziende del settore tecnologico più colpite dalla guerra commerciale, ha aggiunto circa 60 posti di lavoro in Cina dall'inizio della seconda metà dell'anno dopo un breve e sostanziale calo delle assunzioni.
 
Né buona né facile da vincere
 
In generale, l'analista sottolinea che "resta da vedere per quanto tempo sarà sostenibile la guerra commerciale" per il presidente Trump, e non solo a causa degli impatti economici che le aziende devono affrontare, ma anche a causa del "danno collaterale" per i consumatori americani, che stanno già pagando di più per cose come i condizionatori d'aria, secondo i dati Thinknum.
 
In breve, oggi "quasi tutti gli americani" coinvolti nella guerra commerciale del presidente Trump non pensano "che questa battaglia sia stata buona da iniziare", né che sia facile vincere, conclude Marino.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa