Perché gli investitori occidentali hanno rivolto la loro attenzione all'India e al Vietnam?

Perché gli investitori occidentali hanno rivolto la loro attenzione all'India e al Vietnam?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Petr Konovalov - New Eastern Outlook

A partire dall'inizio del 2023, un numero crescente di aziende occidentali intende investire in Vietnam e in India. I principali economisti di tutto il mondo ritengono che questi Paesi abbiano un terreno favorevole agli investimenti esteri.

Negli ultimi anni, invece, la Cina ha visto diminuire la quantità di investimenti provenienti dall'Occidente. Il motivo è da ricercare nel conflitto commerciale informale in corso tra Pechino e Washington dalla seconda metà degli anni 2010, oltre che nelle numerose misure di blocco adottate dal governo cinese nell'ambito della lotta alla pandemia COVID-19.

Anche il termine non ufficiale "China Plus One" è stato dato alla strategia che mira a diminuire gradualmente gli investimenti in Cina a favore di Vietnam, India e altri Paesi in via di sviluppo.

Le autorità indiane sono interessate a un riavvicinamento economico con l'Occidente nell'ambito di una linea di politica estera volta a mantenere e rafforzare lo status di potenza regionale. Come contrappeso alla Belt and Road Initiative cinese, Nuova Delhi sta realizzando i propri progetti infrastrutturali in tutta l'Eurasia. Diversi progetti indiani all'estero saranno sospesi o notevolmente rallentati senza un aumento del volume dell'economia attraverso l'incremento del commercio con l'Occidente. Se l'India non utilizzerà questo approccio alla strategia economica estera, alla fine sarà costretta ad aderire alla Belt and Road Initiative della Cina per evitare un grave disastro economico.

Attualmente, i principali partner commerciali del Vietnam sono i Paesi occidentali. Ciò è dovuto in parte al fatto che negli ultimi dieci anni il Vietnam ha visto sorgere numerosi impianti di proprietà di aziende occidentali dedicati alla produzione di macchinari.

La leadership vietnamita non è interessata a indebolire la posizione degli Stati Uniti nella regione indo-pacifica, poiché ciò potrebbe portare al completo dominio della Cina nel Mar Cinese Meridionale, che non risponde agli interessi geopolitici di Hanoi.

Va notato che non esiste più un'ostilità persistente tra il popolo vietnamita e gli Stati Uniti. Questo perché è passato molto tempo dalla fine della guerra del Vietnam, nel 1975, e diverse generazioni sono cresciute senza aver subito l'aggressione militare nordamericana.

Le aziende occidentali vedono un grande futuro nella cooperazione con l'India e il Vietnam. Per esempio, l'azienda statunitense Apple sta pensando di spostare parte della sua produzione dalla Cina all'India. Entro il 2025-2030, le strategie commerciali di molte altre importanti aziende USA prevedono di spostare una parte della produzione dalla Cina ad altri Paesi in via di sviluppo, tra cui India e Vietnam. È risaputo che concentrare la produzione di un certo tipo di prodotti in un'unica nazione può comportare un'estrema dipendenza dalla politica interna di quella nazione. Ad esempio, le ripetute chiusure in Cina hanno avuto un impatto negativo sui risultati finanziari di diverse multinazionali.

Il fatto che il Vietnam e l'India abbiano raggiunto un livello di istruzione tale da consentire ai cittadini di lavorare con successo nella produzione ad alta tecnologia può essere utilizzato anche per spiegare perché gli investitori occidentali vogliono aumentare la loro presenza in questi Paesi. Negli ultimi decenni, la percentuale di persone con un'istruzione superiore in India e Vietnam è aumentata in modo significativo. Nonostante ciò, un numero significativo di persone in questi Stati continua a lavorare nell'agricoltura. I lavoratori indiani e vietnamiti sono poco costosi e istruiti, e questo è un aspetto che le aziende occidentali vogliono sfruttare. Quando le imprese occidentali cominceranno a operare nel Paese, i giovani promettenti potranno svilupparsi con maggiore successo. Tuttavia, inizialmente, dovranno accettare una retribuzione inferiore a quella dei loro colleghi internazionali provenienti da Paesi ricchi. Tuttavia, questa strategia avrà un impatto significativo sulla formazione di un nuovo sistema di relazioni internazionali nei dieci anni successivi.

Si tenga presente che la Cina rappresenta una potenza economica e militare in crescita ogni anno. Pechino adotta una politica estera fortemente ostile nei confronti delle nazioni occidentali, rifiutando di sanzionare la Russia quando ha iniziato l’operazione militare speciale in Ucraina nel febbraio 2022 e rilasciando dichiarazioni per riprendere il controllo di Taiwan con la forza. Gli Stati Uniti vogliono essere un importante partner commerciale con il maggior numero possibile di nazioni eurasiatiche e africane, e il progetto infrastrutturale Belt and Road Initiative della Cina va contro questi obiettivi geopolitici.

I dirigenti delle aziende statunitensi sono consapevoli che il denaro investito in Cina finirebbe per incrementare il bilancio statale, consentendo al governo cinese di continuare a espandere la sua intensa politica estera. Una politica estera cinese proattiva potrebbe anche far perdere a Washington e ai suoi alleati ogni influenza in Eurasia e in Africa.

Inoltre, va considerato che i precedenti investimenti occidentali in Cina stanno producendo una quantità di denaro decrescente ogni anno. Il salario medio in Cina è attualmente appena superiore alla media mondiale, ma negli anni 2000 l'Occidente la vedeva come una nazione secondaria con un mercato considerevole e manodopera a basso costo. Oggi la Cina è la seconda economia mondiale. Il livello generale di vita e di benessere sta migliorando insieme ai guadagni, il che motiva le aziende straniere con sedi in Cina ad aumentare i compensi dei dipendenti e a garantire che gli impianti di produzione rispettino regole di sicurezza sempre più severe ogni anno che passa.

L'India e il Vietnam sono legati da un'avversione comune nei confronti di un'eccessiva crescita dell'influenza cinese. Secondo Hanoi e Nuova Delhi, la Cina non permetterà ai governi vietnamita e indiano di perseguire una strategia commerciale autonoma, racchiudendoli interamente nella sua zona di interesse, se Pechino diventerà troppo potente. Ecco perché le relazioni tra India e Vietnam si rafforzano di anno in anno. La costruzione di un'autostrada che, una volta operativa, migliorerà sostanzialmente gli scambi commerciali tra le due nazioni, così come l'esplorazione cooperativa di giacimenti petroliferi nel Mar Cinese Meridionale, sono tra le attuali ambizioni di India e Vietnam. Per i leader dei due Paesi sarà difficile realizzare le loro ambizioni senza investimenti di capitali esterni.

È estremamente probabile che India e Vietnam si collochino presto tra i primi Paesi in cui gli investitori occidentali scelgono di investire. Questi Paesi sostengono le decisioni di Washington sulle questioni internazionali e mantengono una politica ragionevolmente leale nei confronti degli Stati Uniti. Entrambi i Paesi puntano a rafforzare la comunicazione con i Paesi occidentali per attrarre maggiori investimenti, perché non vogliono che l'influenza cinese cresca.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti