Perché il Video del disertore nordcoreano che scappa nel Sud è una bufala

Perché il Video del disertore nordcoreano che scappa nel Sud è una bufala

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Impazza su tutti i media mainstream la video bufala del disertore dell’esercito nordcoreano che scappa nella Corea del Sud. Ad attestarla un davvero incredibile video (lo trovate alla fine di questo articolo) girato dalle forze USA che, da decenni, presidiano la “Linea di demarcazione”. Si, ma girato come? L’Huffinghton Post assicura, “dalle telecamere di sicurezza a circuito chiuso”. Eppure, molte sono le riprese aeree. Un drone USA che gira indisturbato, a bassissima quota, sulla Corea del Nord? Davvero improbabile. Ma su questo ci ritorniamo. Occupiamoci, intanto di alcune scene del video.



Che si direbbe girato in un curatissimo sobborgo (si vedano - ad esempio - le aiuole, gli alberi perfettamente potati, i terreni coltivati, i segnali stradali sull’asfalto…) privo di qualsiasi struttura (torrette di avvistamento, muri di sbarramento, filo spinato, guardiole…) che ci si aspetterebbe nell’area più contesa del mondo. Altrettanto inverosimile è poi la dinamica della “fuga del disertore” che avverrebbe  - alle 15 e 11 minuti, secondo il timer del video - grazie ad un elegante un pick-up di colore blu, privo di una qualsiasi insegna militare. Pick-up che (si osservi la seconda parte del video) appena superato quello tutti i media ci assicurano essere un “posto di blocco” (ovviamente, senza nessuno sbarramento o altra struttura), incomprensibilmente, si ferma, per farsi raggiungere da quattro tizi in divisa. Il video, molto saggiamente, non ci fa vedere cosa succede dopo ma riprende con la scena della “sparatoria”.

Scena che si direbbe girata da un operatore che imbraccia la telecamera, considerando l’angolazione della ripresa e i numerosi zoom. “Sparatoria”, comunque, nella quale ben quattro “soldati” armati di mitragliatore non riescono a fermare un tizio a dieci metri di distanza. Anzi, no. Sempre L’Huffinghton Post ci informa che il tizio si è beccato ben cinque proiettili di mitragliatore. Che, comunque non fermano la corsa del disertore il quale - di notte e quindi ad almeno dieci ore di distanza dalla sparatoria delle 15 - viene salvato da un commando sud coreano. Salvataggio che, ovviamente, avviene in un posto molto diverso da quello dove il coriaceo disertore con cinque pallottole in corpo si è accasciato (si noti, ad esempio, la scomparsa nella scena del “salvataggio” dei due grandi serbatoi al di là del muro). Ci sarebbero molte altre cosucce sulle quali soffermarsi (ad esempio, come mai il drone stava riprendendo la scalinata proprio mentre i quattro “soldati” la percorrevano? Come avrà fatto il “disertore” ferito a sfuggire ai suoi inseguitori? ) ma non vogliamo togliervi il piacere di scoprire nel video tutte le altre incongruenze.

Un’ ultima annotazione. Verosimilmente gli autori della video bufala si sono resi conto che fa acqua da tutte le parti. Per questo se ne sono inventata subito un’altra: quella dei vermi (tra cui uno di 27 centimetri!) trovati nella pancia del disertore. Parassiti intestinali che, secondo Repubblica,  attesterebbero “le dure condizioni di vita cui sono sottoposti gli abitanti della Corea del Nord, con problemi di nutrizione e igiene che tormentano il paese da decenni”. Meglio bombardarli subito questi nord coreani.

Francesco Santoianni




P.s. Hai già votato per la Bufala 2017?

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti