Perché la "dollarizzazione" di Milei non può fare a meno della Cina

Perché la "dollarizzazione" di Milei non può fare a meno della Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Michelangelo Cocco - Centro studi Cina contemporanea

Buongiorno da Shanghai.

Dopo la vittoria nel ballottaggio di domenica, Javier Milei si insedierà nella Casa Rosada il 10 dicembre, diventando ufficialmente presidente della Repubblica Argentina. L’ascesa al potere del populista ultra-liberista pone alla leadership di Pechino due sfide, una nel medio periodo, l’altra immediata. Per quanto riguarda la prima - in attesa del voto nel 2024 in Messico e Venezuela - c’è il timore che possa esaurirsi la “marea rosa”, il ciclo di governi di centrosinistra, fautori di una politica estera molto aperta alla cooperazione con la Cina. Sull’impatto che il nuovo governo di Buenos Aires avrà invece sul rapporto bilaterale Cina-Argentina, c’è grande incertezza, legata alla imprevedibilità del personaggio Milei, e alla quantità di variabili (economiche, politiche, geopolitiche) in gioco.

In campagna elettorale Milei ha promesso: «Non farò affari con paesi comunisti» e ha detto di voler tagliare le relazioni con la Cina in favore di quelle «con il mondo civilizzato», che il cinquantatreenne economista identifica soprattutto con gli Stati Uniti. A urne ancora calde, Diana Mondino, la sua consigliera in predicato di diventare ministra degli esteri, ha annunciato che l’Argentina rinuncerà a entrare nei Brics guidati da Cina e Russia, ai quali avrebbe dovuto aderire il 1° gennaio prossimo, dopo l’allargamento a sei novi paesi deliberato dal vertice di Johannesburg del 24 agosto scorso. Pechino ha minimizzato questa mossa, sottolineando che quella dei Brics (un forum informale) è «una famiglia aperta a chi voglia farne parte».

Per quanto riguarda invece la relazione bilaterale, la portavoce del ministero degli esteri, Mao Ning, ha dichiarato che «c’è un consenso ampiamente condiviso tra le persone di tutto lo spettro sociale di entrambi i paesi per far crescere ulteriormente le relazioni Cina-Argentina, che hanno portato benefici tangibili a entrambi i popoli».
La Cina è il secondo partner commerciale dell’Argentina (dopo il Brasile). Nel 2022, l’Argentina ha importato dalla Cina beni per 17,5 miliardi di dollari, e ne ha esportati per 7,9 miliardi di dollari. Per la Cina il paese sudamericano è un importante fornitore di materie prime alimentari, soprattutto semi di soia, sorgo, orzo e carne bovina, prodotti di uno dei settori più importanti dell’economia argentina.

Con Milei torna nella sua tradizionalmente sfera d’influenza statunitense un paese che con la presidenza di Alberto Fernandez ha aderito (il 5 febbraio 2022) alla Belt and Road Initiative, dopo essere entrata, due anni prima, nella Asian Infrastrutture Investment Bank (Aiib). Il rafforzamento delle relazioni con Pechino ha permesso alle disastrate casse dello stato di avere accesso a fonti di finanziamento supplementari (a guida cinese): quelle della Aiib, per i progetti con il brand della nuova via della Seta, e della New Development Bank dei Brics, mentre i debiti di Buenos Aires con il Fondo monetario internazionale raggiungevano gli attuali 43 miliardi di dollari. Ma a legare da un punto di vista finanziario l’Argentina alla Cina è stato soprattutto il meccanismo di cambio delle rispettive valute istituito tra le due banche centrali.

Questo sistema, che ha permesso all’Argentina di vendere pesos e ottenere yuan a tassi di cambio e d’interesse concordati col governo cinese, si è rivelato fondamentale - come dimostra uno studio del Fondo monetario internazionale - per evitare il default del paese sudamericano sul debito nei confronti dello stesso Fmi, sopperendo alla mancanza di dollari - in una fase in cui, il mese scorso, l’inflazione ha toccato il 142% - grazie agli yuan, una delle valute accettate dal Fmi.

Per quanto possa sembrare assurdo e, nonostante le implicazioni sulla sovranità argentina, Milei andrà avanti con il suo piano di dollarizzazione del paese, ovvero di (graduale) sostituzione del peso con il dollaro e la relativa abolizione della banca centrale: è per questo che ha ottenuto il mandato dagli elettori.

Cosa ne sarà del meccanismo di cambio tra la banca centrale argentina e quella cinese? Lo sviluppo più probabile è che Milei non possa rinunciarvi, perché la dollarizzazione non avverrà da un giorno all’altro. Dunque la linea di swap della banca centrale di Pechino potrebbe rimanere in vigore per un periodo transitorio.

Del resto, il mantenimento di buone relazioni con la Cina è stata la condicio sine qua non posta dall’ex presidente Mauricio Macri per garantire al ballottaggio il sostegno della sua destra moderata alla scalata al potere di Milei. Secondo il Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas (Conicet), dal 2008 l’Argentina ha ottenuto dalla Cina prestiti per 8,1 miliardi di dollari, arrivati soprattutto attraverso la China Development Bank e la Export-Import Bank of China.

Il 30 agosto scorso, la banca centrale di Pechino ha annunciato il “primo investimento diretto in Argentina in yuan”, nell’ambito della sua promozione come valuta alternativa al dollaro per il commercio internazionale. La scarsità di valuta estera pregiata e il crescente rischio d’insolvenza sul debito con i creditori internazionali hanno avvicinato l’Argentina (così come altri paesi latinoamericani) alla valuta cinese, che negli ultimi mesi ha ottenuto il via libera del governo Fernandez per essere utilizzata (in luogo del biglietto verde) nel commercio bilaterale, così come per finanziare una serie di progetti infrastrutturali.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti