Perché oggi c'è ancora bisogno di Che Guevara

Perché oggi c'è ancora bisogno di Che Guevara

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il 14 giugno 2020, Ernesto Guevara de la Serna, rivoluzionario, medico, autore, stratega e compagno d'armi argentino del leader cubano Fidel Castro, avrebbe compiuto 92 anni. Il dott. Heinz Dieterich e l'autore argentino Gonzalo Fiore Viani hanno discusso del fenomeno del Che e del suo retaggio per l'America Latina e il mondo.


 
Non sarebbe esagerato affermare che nel XX secolo il Che è diventato un'icona rivoluzionaria globale e continua a suscitare ammirazione e critica, senza lasciare nessuno freddo.
 
Ammirato e odiato con zelo senza sosta
 
"Sin dai tempi antichi, gli esseri umani hanno ammirato gli eroi, cioè le persone le cui azioni trascendono quelle dell'essere umano ordinario: nel coraggio, nei risultati, nelle idee nobili e nella volontà di sacrificare la propria vita per i propri ideali e valori. Quando un eroe muore per la sua causa o per la causa della gente, diventa immortale, un martire. O, come si dice oggi, un'icona ", afferma il famoso sociologo tedesco Dr. Heinz Dieterich, direttore del Center for Transition Sciences (CTS-UAM) ed ex consigliere del presidente Hugo Chávez.
 
Secondo Dieterich, questo è in realtà il caso di Che Guevara, che morì nel tentativo di trasformare l'America Latina "in un subcontinente democratico, prospero e pacifico per il popolo".
 
L'autore e analista politico argentino Gonzalo Fiore Viani fa eco al professore, suggerendo che "una delle cose che rendono Che Guevara così speciale è che ha combattuto e morto per le sue idee".
"Anche quando aveva già raggiunto il potere a Cuba, decise di andarsene e andò prima in Congo e in Bolivia, con l'obiettivo di fare una rivoluzione in tutto il mondo", osserva Viani, aggiungendo che la morte precoce del Che e il fatto che lui affrontato con grande dignità anche aggiunto alla sua immagine leggendaria.
 
Tuttavia, mentre venerato dai suoi sostenitori, il Che è diffamato con lo stesso entusiasmo dai suoi antagonisti. Ad esempio, lo storico britannico Nigel Jones lo ha definito "lo squallido assassino e tiranno totalitario che rimane ... l'emblema iconico di idealisti ignoranti in tutto il mondo" e ha lamentato il fatto che diversi decenni dopo la sua morte il rivoluzionario "è [ancora] visto come un eroe ".
Perfino i connazionali argentini di destra del comandante sono fortemente critici nei suoi confronti, demonizzandolo per essere un simbolo del movimento di sinistra e guerriglia alla fine degli anni '60 e primi anni '70 nel paese, ricorda Viani.    
Questa situazione non sorprende affatto, secodno Dieterich: "La demonizzazione e l'assassinio di questo uomo da parte delle classi dominanti era inevitabile, poiché era inevitabile con Gesù, Gandhi, Malcolm X e così via", afferma.
 
Perché un dottore si è trasformato in un leader della guerriglia?
 
Nato da una famiglia argentina di classe media, probabilmente sarebbe stato un buon medico, anche se la sua cattiva salute avrebbe potuto imporgli alcune limitazioni di attività. Tuttavia, il Che ha scelto un destino completamente diverso. Ci si potrebbe chiedere come un dottore possa diventare un leader rivoluzionario e guerrigliero.
"A parte le influenze socialisteggianti della sua famiglia, in particolare di sua nonna, ci sono state quattro esperienze di vita principali, che hanno trasformato il Che in un rivoluzionario combattente per la libertà per cui lo conosciamo", spiega Dieterich:
 
· In        primo luogo , la sua sofferenza di asma grave, che aveva sperimentato fin dall'infanzia, lo aveva reso sensibile alla sofferenza di altre persone. Ecco perché aveva smesso di studiare ingegneria e invece aveva scelto di seguire un'educazione medica, mentre era studente a Buenos Aires.
· In        secondo luogo , il suo famoso viaggio in moto dall'Argentina al Messico nel 1953 gli rivelò le terribili ingiustizie, il razzismo, la disuguaglianza e lo sciovinismo, che avevano trasformato l'America Latina in una distopia controllata da capitalisti, proprietari terrieri semi-feudali e società transnazionali, tra i sempre -presentare il dominio degli Stati Uniti.
· In        terzo luogo , il colpo di stato controrivoluzionario della CIA contro il governo guatemalteco socialmente democratico del colonnello Arbenz nel 1954 mostrò in prima persona a Guevara che tutti i paesi dell'America Latina erano essenzialmente "repubbliche di banane", controllate dagli Stati Uniti.
·        Quarto , mentre lavorava in un ospedale pubblico a Città del Messico come medico specializzato, incontrò due esiliati cubani, prima Raúl e poi Fidel Castro. Ha accettato l'invito di Fidel a diventare il medico della prevista spedizione di guerriglia a Cuba. Molto presto, Fidel nominò Che il comandante di una nuova colonna di guerriglieri, colpito dalle sue qualità di leader rivoluzionario.
"Credo che la famiglia del Che lo abbia capito", afferma Gonzalo Fiore Viani. "Anche suo padre era un comunista ed erano molto orgogliosi di suo figlio, anche se deve essere stata una vera sorpresa quando lo hanno visto essere parte della guerriglia cubana (movimento). Sono andati a trovarlo quando era già al potere."
 
"La presenza del Che è ancora sentita a Santa Clara"
 
Secondo Viani, sarebbe giusto dire che il Che "è più amato a Cuba che in Argentina".
 
"A Cuba è rappresentato quasi come un santo, anche se non è nato lì, lo hanno adottato come un cubano ", dice l'autore. "Ciò si traduce anche nell'amore che i cubani hanno per l'Argentina, trattano i cittadini argentini molto gentilmente e sono anche molto ansiosi di parlare di lui e del suo retaggio. È considerato, insieme a Jose Martí e Fidel Castro, uno dei padri fondatori di la nazione. È ancora più amato di Castro perché il Che è morto giovane e non ha avuto alcuna responsabilità in alcuni dei successivi fallimenti e insuccessi economici della rivoluzione. "
 
Ricordando le sue osservazioni personali, Viani osserva che la presenza del Che può essere avvertita in ogni angolo dell'isola, ma specialmente nella città di Santa Clara, "il luogo dove ha combattuto la sua più famosa lotta contro la dittatura di Batista".
 
"I suoi resti sono in città, nel Mausoleo di Che Guevara, e le persone lì raccontano storie sul tempo in cui i loro padri lo hanno aiutato o quando lo hanno visto camminare per le strade della città", sottolinea.
 
L'immagine del Che nel XX secolo e oggi
 
Senza dubbio, la lotta e l'immagine del Che hanno influenzato i principali movimenti rivoluzionari in tutto il mondo nel 20 ° secolo.
"L'impatto del Che, per esempio, non può essere separato dalla guerra del Vietnam", osserva Dieterich. "Ha ispirato i movimenti studenteschi e di protesta in tutto il mondo, insieme al Black Panther Party negli Stati Uniti, al movimento di liberazione delle donne, al movimento per i diritti civili e alle guerre di liberazione nazionale in Indocina".
In sostanza, "il Che era la personificazione di un giovane ribelle che combatteva contro un vecchio ordine pietrificato, nella storica missione di creare un" nuovo uomo "- el hombre nuevo - in una nuova società socialista", spiega il professore, aggiungendo che l'eredità del comandante ebbe anche un impatto sui giovani nella controcultura degli anni '60, essendo ciò che Jim Morrison era nella guerra culturale e Malcolm X e Martin Luther King nella guerra politica contro il sistema capitalista.
 
Avendo ammesso che il Che è ancora venerato, il professore osserva che ora, nell'epoca di Twitter, Facebook e della generale destoculturalizzazione dei popoli e dei giovani, il rivoluzionario non influenza più le masse nel senso in cui era solito.
 
"Oggi il mondo ha bisogno di leader politici carismatici? Sì, più che mai", insiste Dieterich. "Con l'attuale capitalismo che genera un ambiente globale sempre più caotico e social-darwinista, i leader con ideali umanitari e valori solidi sono più bisognosi che mai. Penso che le figure politiche più carismatiche oggi siano Xi Jinping e Vladimir Putin, dal momento che Fidel Castro, Nelson Mandela e Hugo Chávez se ne sono andati. "
 

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti