Peskov (portavoce Cremlino): «Inevitabile discriminazione in base a immunità Covid»

Peskov (portavoce Cremlino): «Inevitabile discriminazione in base a immunità Covid»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le persone senza immunità al Covid-19 rappresenteranno una minaccia per coloro che li circondano, il che rende inevitabile una certa discriminazione in quest'area, ha detto martedì ai giornalisti il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, secondo quanto riporta l’agenzia Tass, commentando le dichiarazioni sulla "discriminazione contro i non discriminati".

"La realtà è che la discriminazione arriverà inevitabilmente. Le persone senza immunità e senza vaccini non saranno in grado di poter lavorare ovunque. È impossibile. Costituirebbero una minaccia per gli altri", ha osservato.

Uno dei giornalisti ha attirato l'attenzione di Peskov sulla possibile situazione in cui una persona ha l'immunità dopo essere guarita dal Covid-19 ma è ancora soggetta a discriminazione a causa del fatto che non ha ricevuto un vaccino. "Richiede una considerazione molto attenta", ha concordato. "Questa è una situazione molto importante".

Infatti, ha proseguito Peskov, molti Paesi europei ora tengono conto delle vaccinazioni oltre che dell'immunità al Covid. "Tuttavia, in genere dobbiamo riconoscere che il mondo deve ancora elaborare approcci o standard unificati per questo", ha aggiunto.

In precedenza, il difensore civico russo Tatyana Moskalkova aveva affermato di aver ricevuto molti appelli sulla discriminazione nei confronti delle persone non vaccinate contro il Covid. Ha definito la stimolazione della campagna vaccinale attraverso la restrizione dei diritti "una mossa sleale”.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti