Petro esprime solidarietà a Lula: "A Gaza è un genocidio"

Petro esprime solidarietà a Lula: "A Gaza è un genocidio"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente della Colombia, Gustavo Petro, ha espresso solidarietà al suo omologo brasiliano, Luiz Inácio Lula da Silva, dopo che Israele ha dichiarato "persona non grata" il presidente del gigante sudamericano per aver paragonato il genocidio dei palestinesi nella Striscia di Gaza all'Olocausto degli ebrei compiuto da Hitler. 

"Esprimo la mia totale solidarietà al presidente Lula del Brasile", ha scritto Petro nel suo account X martedì pomeriggio.

Inoltre, il presidente colombiano concorda con le dichiarazioni di Lula, sottolineando che "a Gaza è in corso un genocidio e migliaia di bambini, donne e anziani civili vengono vigliaccamente assassinati".

"Lula ha detto solo la verità e la verità va difesa, altrimenti la barbarie ci annienterà", ha proseguito, invitando la regione a "unirsi" affinché "la violenza in Palestina cessi immediatamente".

Petro ha anche sostenuto che la sentenza della Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) su Israele genererà "applicazione e conseguenze nelle relazioni diplomatiche di tutti i paesi del mondo".

Ciò, in relazione alla pronuncia resa dall'ICJ il 26 gennaio, riguardo ad una causa presentata un mese prima dal Sud Africa, che ordinava a Israele di adottare tutte le misure possibili per prevenire il genocidio a Gaza; oltre a stabilire che il Paese ebraico deve evitare e punire i casi di incitamento diretto ai massacri nell'enclave palestinese e consentire l'arrivo di aiuti umanitari nella regione.

Oltre a Petro, anche il venezuelano Maduro ha sostenuto la posizione del suo omologo brasiliano. "Quello che stanno facendo da parte del governo israeliano, come ha detto il presidente Lula da Silva (...) è la stessa cosa che Hitler ha fatto contro il popolo ebraico: perseguitarli, sterminarli, finirli, assassinarli, massacrarli, e prima o poi l’umanità farà giustizia".

"Diciamo al popolo ebraico: siete voi che dovete porre fine a questo massacro, il popolo ebraico si sta già sollevando in varie parti del mondo per respingere il massacro di questo governo israeliano", ha aggiunto il presidente bolivariano.

------------------------------

TRE LIBRI IMPERDIBILI PER CAPIRE LA PALESTINA: PROMOZIONE IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q

SCOPRI I TRE LIBRI

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti