Più che le "simpatie fasciste" guardate la collocazione geopolitica della Meloni

Più che le "simpatie fasciste" guardate la collocazione geopolitica della Meloni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Più che alle simpatie fasciste della Meloni e di FdI bisognerebbe guardare alla loro collocazione geopolitica e alla loro dipendenza da un progetto di riordino dell'egemonia americana all'interno del contesto europeo.

La piattaforma programmatica di Fdl è del tutto inconsistente. È un insieme di contraddizioni in cui stanno insieme liberismo, statalismo, assistenzialismo e corporativismo. La somma di questa roba qua produce il nulla. Quello che più conta è invece il modo in cui il partito della Meloni si inserisce nelle sperimentazioni che gli Usa hanno sostenuto in Polonia e in altri paesi dell'est Europa, dove dominano delle destre reazionarie e iper atlantiste molto affini a Fdl.

Che Europa vogliono gli Stati Uniti? La guerra in Ucraina conta evidentemente tra gli attori sconfitti anche l'UE, che ha dovuto cedere la propria sovranità militare alla Nato dopo gli accordi in Spagna, precludendosi la possibilità di un esercito europeo (che comunque era una mezza fantasia francese). Ma ha come grande sconfitta anche la Germania, i cui effetti economici e geopolitici del conflitto ucraino sono addirittura peggiori di quelli subiti dall'Italia durante la guerra in Libia del 2011, che ha sancito la fine degli ultimi margini di autonomia nazionale del paese.
 
Resta in piedi la Francia, ma solo teoricamente. La sua economia è fragile, malgrado i progetti molto ambiziosi di Macron. Il suo debito pubblico è enorme. Il suo benessere è sostenuto dal deficit (ma non ci sarebbe nulla di male) e dalle risorse drenate dalle colonie in Africa. Macron ha provato ad opporsi alla linea Angloamericana in Ucraina. Ha capito (insieme a Scholz) che gli effetti del conflitto saranno catastrofici. Ma non è riuscito ad imporre alcuna prospettiva. Attualmente l'UE è trainata dalla linea politica polacca e baltica.
 
Gli americani perderanno in Ucraina, ma hanno sicuramente stravinto in UE e ora si apprestano a consolidare la loro egemonia esportando anche in Italia una semi dittatura reazionaria sul modello del regime Polacco.

Paolo Desogus

Paolo Desogus

Professore associato di letteratura italiana contemporanea alla Sorbonne Université, autore di Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema per Quodlibet.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti