Pino Arlacchi - Lenin, Draghi e il "Tafazzi Game" del capitalismo finanziario

Pino Arlacchi - Lenin, Draghi e il "Tafazzi Game" del capitalismo finanziario

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Tempi bui per l’Occidente a guida americana. La guerra tra NATO e Russia via Ucraina ha messo a nudo il crollo dell’influenza degli Stati Uniti sul mondo. Quasi tutti i paesi non NATO hanno risposto picche alla chiamata alle armi antirussa di Biden e dei suoi alleati europei.

Il grande flop del potere atlantico è stato favorito da una misura rimasta quasi ignota al grande pubblico, ma il cui peso non è sfuggito alla stampa dei padroni del pianeta. Parlo del sequestro delle riserve estere della Banca centrale russa: un patrimonio di oltre 300 miliardi di dollari congelati nelle banche occidentali dagli Stati Uniti e dai loro vassalli d’Europa.  

Secondo il Financial Times è stato proprio Mario Draghi, assieme a Janet Yellen, segretaria del Tesoro americano ed ex-presidente della Federal Reserve, a confezionare un ordigno che doveva far saltare in aria l’economia della Russia e che si è rivelata un clamoroso autogoal, perché ha inflitto un colpo al cuore del capitalismo finanziario terrorizzando banche centrali e possessori di dollari di quasi tutto il pianeta

«Era il terzo giorno della guerra in Ucraina […] e Ursula von der Leyen aveva trascorso l’intero sabato al telefono del suo ufficio di Bruxelles cercando il consenso dei governi occidentali […] verso il più vasto pacchetto di sanzioni economiche e finanziarie mai messo in piedi […]
Von der Leyen aveva chiamato Mario Draghi, primo ministro italiano, e gli aveva chiesto di elaborare i particolari direttamente con la Yellen. “Eravamo tutti lì ad aspettare – ricorda un funzionario – perché impiegavano così tanto? Ed ecco che arriva la risposta: Draghi doveva avere il tempo di spandere la sua magia sulla Yellen”.

In serata l’accordo era raggiunto. Yellen […] e Draghi […], erano veterani di una serie di crisi drammatiche – dal collasso finanziario del 2008-9 alla crisi dell’euro. In quelle circostanze, essi avevano irradiato calma e stabilità su mercati finanziari imbizzarriti. Ma adesso […] il piano che avevano concepito […] era totalmente diverso. Stavano davvero dichiarando una guerra finanziaria alla Russia» (6-4-2022).

Il piano dei due turbofinanzieri ha scatenato una corsa verso la vendita di dollari che dura tutt’ora e coinvolge ogni sorta di detentore, pubblico o privato, nemico od amico che sia, se perfino le banche centrali di paesi come Israele ed Egitto dichiarano che stanno “diversificando i loro asset” (traduzione: ci stiamo sbarazzando delle nostre riserve in dollari).

Il tutto è accaduto senza che la Russia sia stata bastonata più di tanto, visto che il rublo non è andato in caduta libera ma si è rafforzato, e la guerra di Putin viene finanziata da un surplus delle partite correnti di 20 miliardi di dollari al mese.

Perché questo sgomento dei mercati di fronte all’attacco contro le riserve russe? Perché ciò che è successo alla Russia un giorno può succedere a chiunque. In un mondo ormai multicentrico, i rapporti internazionali sono molto più fluidi e incerti che in passato. Ogni paese che incappi in un deterioramento dei suoi rapporti con lo Zio Sam rischierà di vedere i biglietti verdi in suo possesso diventare all’ improvviso radioattivi. 

È paradossale che siano stati proprio i due maggiori ex-banchieri centrali dell’Occidente ad applicare il mantra di Lenin che la destabilizzazione di un paese inizia col colpirne la moneta. In effetti, la magnifica coppia ha mandato in pezzi la pietra angolare dell’ordine finanziario internazionale: i diritti inviolabili di proprietà sui beni monetari detenuti al di fuori dei confini nazionali.
Mai in passato, neppure durante la Guerra fredda, si era mai osato “armare” la finanza. Se questa diventa uno strumento bellico come un altro, le riserve valutarie che le banche centrali tengono all’estero per ragioni di sicurezza e praticabilità rischiano di divenire d’un tratto denaro privo di valore oppure, nel caso dei dollari, dei prestiti forzati al Tesoro americano. Non a caso è stato il Wall Street Journal a titolare allarmato: “Se le riserve valutarie non sono più vero denaro, il mondo si è avviato verso uno shock” (3-3-2022).  
Il sistema finanziario è sempre stato intoccabile perché se la sua infrastruttura viene percossa i danni maggiori ricadono su chi ne tiene le redini. E da quasi un secolo queste redini fanno capo a Wall Street, al Tesoro USA e al dollaro. 

Circa l’80% degli scambi finanziari transnazionali del pianeta avvengono oggi nella moneta USA. Prima che Draghi e Yellen gettassero della sabbia negli ingranaggi della macchina finanziaria, il dollaro costituiva il 60% dei 14,9 trilioni di riserve valutarie mondiali al 2021.
Il Re dollaro governa tramite il duplice vantaggio di essere nello stesso tempo una valuta sovrana e la moneta universale di riserva che serve a tenere in piedi la baracca del commercio e della finanza della terra. Prima del fuoco amico appena subito, il dollaro era considerato un bene pubblico, un rifugio sicuro di poco inferiore all’oro.
Il dollaro gode dell’“esorbitante privilegio” di poter essere stampato a volontà, senza temere gli handicap dell’inflazione e del passivo della bilancia dei pagamenti. Il conto viene inviato dagli USA al resto del mondo nei termini di un costo di signoraggio per la produzione e il mantenimento di una risorsa a disposizione di tutti. Senza condizioni.

La dedollarizzazione in corso dimostra come l’Occidente abbia buttato via il suo controllo della globalizzazione monetaria e dell’infrastruttura finanziaria. Era l’ultima spiaggia. Mentre Europa e Stati Uniti non sono più
dominanti in termini di PIL, flussi commerciali, e perfino tecnologia, essi restano comunque i padroni della finanza mondiale. 
Ma Draghi e Yellen hanno segnalato che i beni pubblici da loro offerti non sono privi di condizioni, essendo diventati una variabile dipendente delle relazioni internazionali. Ed è così che - senza ovviamente alcun dolo, ma con una innegabile componente di ottusità - i due hanno compromesso la sicurezza dei contratti finanziari mondiali ed accelerato la spinta verso soluzioni alternative. Dimostrando anche che le sanzioni finanziarie sono tigri di carta.

Se Draghi fosse stato un cripto-comunista avrebbe certamente apprezzato il sarcastico commento di Carlo Marx: “Ben scavato, vecchia talpa”. Ma qui siamo più prosaicamente nel campo del Tafazzi-game.

Pino  Arlacchi

Pino Arlacchi

Ex vice-segretario dell'Onu. Il suo ultimo libro è "Contro la paura" (Chiarelettere, 2020)

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Haaretz conferma l'aiuto di Israele all'Ucraina di Marinella Mondaini Haaretz conferma l'aiuto di Israele all'Ucraina

Haaretz conferma l'aiuto di Israele all'Ucraina

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti