Pisapia, Repubblica e la "sinistra europeista": il canto del cigno di un bieco populismo

Pisapia, Repubblica e la "sinistra europeista": il canto del cigno di un bieco populismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Dopo aver passato decine e decine di righe a spiegare che l'errore di Renzi è stato quello di inventare un “post-linguaggio” che ha prodotto la “semplificazione assoluta della politica” e aver specificato che questo avviene “dopo la fine delle ideologie, delle appartenenze, delle distinzioni di campo tra destra e sinistra”, l'ex direttore di Repubblica Ezio Mauro scrive in un editoriale del 6 dicembre ("il populismo del potere") che è il momento (questo si, oggi si!) per la “sinistra” di scendere in campo. Del resto, “Renzi cade su un problema di identità”. 

E, dopo la post-verità tirata fuori dalla Oxford University e il post-linguaggio, la conclusione è sulla post-politica. Nello specifico: “La convinzione che destra e sinistra siano categorie superate che non servono più per leggere il mondo e per rappresentarlo. Come se Trump e i populismi di casa nostra non fossero destra reale — anzi, realizzata — nei linguaggi, nei disegni, nei programmi, nella cultura”. E, leggete, l'innovativa soluzione trovata da Repubblica: “Nell’età del trumpismo, di Salvini e di Grillo ci sarebbe bisogno di una sinistra di governo moderna, occidentale, europea, finalmente risolta invece di inseguire l’indistinto, che è un campo vasto, ma non ha un’anima”.






E' il momento della sinistra immaginata da Repubblica. E ha già un volto, miracolo delle coincidenze inaspettate. Pisapia, ex sindaco di Milano, proprio con un'intervista a Repubblica “scende in campo” e dichiara: "È il momento della verità. Ognuno si assuma le proprie responsabilità. Sono pronto a tornare in pista. Per riunire il popolo di sinistra che non si riconosce nel Pd”.

Ma l'Italia ha bisogno di una sinistra di governo “moderna”, “occidentale”, “europea”? Siamo sicuri che sia Pisapia la risposta oggi al 60% che ha urlato NO il 5 dicembre?

La sinistra non è morta proprio perché è stata solo questi aggettivi che utilizza Repubblica dagli anni '90 ad oggi?

Una “sinistra” responsabile dei crimini della Nato (e dell'occidente) in ex Jugoslavia, Somalia, Afghanistan, Iraq, Libia, Siria e Ucraina deve essere ancora “occidentale”?

Una “sinistra” supina ai diktat della zona euro e dell'Unione europea, che hanno imposto deflazione salariale, austerità e la trasformazione del Sud Europa in un parco giochi per le multinazionali, deve essere ancora “europea”?  

E sulla “modernità”? Beh, Renzi probabilmente ha perso il referendum il giorno che ha dichiarato che "se vince il NO torniamo indietro di 30 anni" e tutti gli italiani si sono ricordati dei diritti, del Welfare e di tutte le conquiste sociali ottenute dalle storiche lotte della sinistra, quella vera, quella su cui Repubblica non ha più nessun diritto di cittadinanza. Al giornale di Scalfari e De Benedetti, per questo, non resta che proseguire con il loro canto del cigno, un bieco e cieco populismo europeista.

Alessandro Bianchi

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti