Polizia spagnola certifica indizi dello spionaggio contro Assange

Polizia spagnola certifica indizi dello spionaggio contro Assange

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La polizia giudiziaria spagnola ha certificato l'esistenza di indizi di un presunto spionaggio nei confronti di Julian Assange, fondatore di WikiLeaks , durante la sua permanenza come rifugiato presso l'ambasciata ecuadoriana a Londra.

Le forze dell'ordine spagnole sono arrivate a questa conclusione analizzando le informazioni provenienti da due dispositivi di memoria USB, consegnati nel 2020 alla Corte centrale di istruzione numero 5 dell'Alta Corte nazionale da un testimone sotto protezione, dopo una denuncia presentata da Assange contro Undercover Global (UC Global), la società spagnola incaricata della sicurezza nell'edificio diplomatico, ha riferito EFE.

Secondo le informazioni sulle memory stick USB - che includono email, chat e altra documentazione -, a cui Vozpópuli ha avuto accesso , David Morales, ex ufficiale militare e proprietario di UC Global, ha chiesto ai tecnici della sua azienda di attivare un sistema di monitoraggio, trasmissione in diretta o 'streaming' al circuito delle telecamere dell'ambasciata.

Morales ha indicato di aver effettuato lo spionaggio su Assange su richiesta del Ministero degli Affari Esteri e della Mobilità Umana dell'Ecuador; tuttavia, secondo testimoni protetti, che sono ex dipendenti di UC Global, lo scopo del sistema di trasmissione in diretta era che "gli amici degli Stati Uniti potessero accedere a tutto ciò che stava accadendo in tempo reale" presso l'ambasciata ecuadoriana.

Questa informazione emerge anche da una mail inviata da Morales ai suoi dipendenti, dove chiedeva loro di avere tre accessi al sistema di telecamere: uno per l'Ecuador, un altro per UC Global e uno ancora per "X". 

Secondo testimoni protetti, "X" sarebbero gli Stati Uniti.

Il contratto con UC Global per la sicurezza presso l'ambasciata è durato dal 2015 al 2018. All'inizio sono state installate telecamere di sicurezza senza suono; Ma, in seguito, Morales ha dato l'ordine di cambiarli con quelli con microfono nascosto.

Altri microfoni sono stati installati anche in diverse parti dell'edificio diplomatico, che avrebbero registrato le conversazioni di Assange con le persone che lo hanno visitato, come i suoi avvocati, tra cui Baltasar Garzón; così come il personale della sede stessa.

Assange è stato nell'ambasciata ecuadoriana dal giugno 2012 all'11 aprile 2019, quando il suo asilo è stato ritirato dall'Ecuador. Successivamente è stato arrestato e trasferito in un carcere di massima sicurezza a Londra.

Lo scorso gennaio un giudice britannico ha respinto la sua estradizione negli Stati Uniti, dove è accusato di spionaggio e pirateria informatica per la pubblicazione dal 2010 di centinaia di migliaia di pagine di documenti militari segreti e cablogrammi diplomatici sulle attività di Washington nelle guerre in Iraq e Afghanistan.

Spiare le figlie di Correa

Prima del contratto per fornire sicurezza all'ambasciata, ??UC Global è stata assunta dal Servizio di protezione presidenziale ecuadoriano (SPP) e ha fornito sicurezza alle figlie dell'allora presidente, Rafael Correa, mentre studiavano in Francia.

Nell'ottobre 2014, Sofia e Anne hanno ricevuto due telefoni Iphone, sostenendo di avere un sistema di geolocalizzazione che consentiva alla sicurezza di sapere dove si trovavano in ogni momento; tuttavia, entrambi i dispositivi avevano un Trojan Tradesegur incorporato, "che consentiva il controllo assoluto di entrambi (telefoni cellulari) dalla sede di UC Global SL", situata a Jerez de la Frontera, Cadice (Andalusia, Spagna), secondo la denuncia presentata dall'ex -presidente contro Morales presso la Corte Nazionale di Spagna.

In seguito, i telefoni sono stati cambiati con altri in cui è stato installato il sistema 'Flexispy', un'applicazione che consente il monitoraggio delle conversazioni effettuate dal dispositivo. 

"UC Global SL ha iniziato a raccogliere informazioni da entrambi, in particolare legate al padre, all'epoca presidente, e ai loro account di posta elettronica, nonché ai loro Facebook e Messenger, è stato possibile accedere", si legge nella denuncia.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia