Pompeo definisce il Partito Comunista Cinese la "principale minaccia del nostro tempo"

Pompeo definisce il Partito Comunista Cinese la "principale minaccia del nostro tempo"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha identificato la Cina come la principale "minaccia" attuale ai "principi democratici occidentali" in una conferenza stampa condivisa con il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab."Il Partito comunista cinese rappresenta la minaccia centrale del nostro tempo", ha denunciato
 
 Pompeo e Raab hanno affrontato nel loro primo incontro pubblico da quando Londra ha dato il via libera all'ingresso limitato del gigante della tecnologia cinese, Huawei, lo sviluppo del sistema di telecomunicazioni 5G .


 
Mike Pompeo ha anche affermato che il suo paese non permetterebbe mai ai dati di sicurezza essenziali di passare attraverso una rete di cui non si fida, dopo che il Regno Unito ha permesso al colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei di svolgere un ruolo sulla sua Internet 5G.
 
"Non permetteremo mai che le informazioni di sicurezza nazionale degli Stati Uniti vengano trasmesse attraverso un sistema di cui non ci fidiamo", ha dichiarato Pompeo.
 
L'amministrazione del presidente Donald Trump considera un "rischio reale" per la sicurezza nazionale e quella dei suoi alleati la presenza di una società cinese nella prossima generazione di telefonia mobile.
 
"Non è una società ma un modello [di organizzazione] collegato al Partito comunista cinese", ha ribadito.
 
Pompeo, tuttavia, resta fiducioso di poter collaborare con il governo Boris Johnson per concordare "come attuare la decisione", che Washington disapprova.
 
"Accetteremo solo un livello di rischio che riteniamo tollerabile", ha aggiunto in relazione al cosiddetto gruppo Five Eyes (USA, Regno Unito, Australia, Canada e Nuova Zelanda) di segnali di intelligence e cooperazione di dati.
 
Nel suo intervento nel Policy Exchange, un "think tank" vicino ai conservatori britannici, Pompeo ha ribadito che il Partito comunista cinese ha un ruolo importante nelle attività delle compagnie di quel paese.
 
"Non si tratta di una società [di Huawei]; si tratta di un modello del Partito comunista cinese, che stabilisce i requisiti per queste imprese , dicendo cosa dovrebbero fare, e non sono solo requisiti legali, sono importanti investimenti finanziari. Ci sono alti funzionari in questa compagnia collegata al Partito Comunista Cinese ", ha detto il funzionario quando gli è stato chiesto della compagnia cinese durante un evento a Londra. 
 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti