Quali paesi forniranno carri armati all'Ucraina? (INFOGRAFICA)

Quali paesi forniranno carri armati all'Ucraina? (INFOGRAFICA)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Da Rt


Dopo lunghe discussioni sulla possibilità di inviare carri armati in Ucraina, diversi Paesi hanno annunciato nei giorni scorsi la loro decisione in tal senso. Le nazioni dell'UE hanno promesso forniture di carri armati tedeschi Leopard, mentre il Regno Unito e gli Stati Uniti parlano rispettivamente della consegna dei carri armati Challenger 2 e M1 Abrams.

La Polonia è stata tra i primi paesi ad annunciare la fornitura di una compagnia di carri armati Leopard a Kiev. Dopodiché, dalla Germania hanno precisato che la consegna di questi carri armati sarebbe stata "illegale" senza la loro approvazione e questa settimana Varsavia ha chiesto ufficialmente a Berlino il permesso di effettuarla. Secondo una fonte dell’agenzia Reuters della difesa tedesca, la Polonia ha chiesto l'autorizzazione a consegnare 14 Leopard 2 A4.

Inoltre, il presidente polacco Andrzej Duda ha dichiarato di sperare che i paesi della NATO uniscano le loro forze per formare una brigata di carri armati Leopard e fornirli alle forze ucraine.

La scorsa settimana, il Regno Unito ha annunciato  il "più grande" pacchetto di aiuti militari fino ad oggi, che include un totale di  14 carri armati Challenger 2.

La possibilità di fornire carri armati dalla Germania è stata attivamente segnalata nei giorni scorsi e mercoledì Berlino ha dichiarato che avrebbe consegnato 14 Leopard 2A6 a Kiev. Da parte sua, il ministro della Difesa Boris Pistorius  ha affermato che  i primi carri armati potrebbero essere consegnati alle forze armate ucraine in circa tre mesi.

Nel frattempo, il produttore tedesco di attrezzature militari Rheinmetall ha spiegato che potrebbe fornire a Kiev  139 carri armati principali Leopard 1 e Leopard 2 se necessario, ma non immediatamente.

Il ministro della Difesa spagnolo, Margarita Robles, ha dichiarato lo stesso giorno all'agenzia EFE che Madrid è disposta a "trattare con i nostri alleati tutto ciò che è necessario riferedosi all'invio di Leopard, all'addestramento per il loro uso, oltre all'aiuto nella manutenzione".

Il ministro della Difesa finlandese ha ribadito ieri che il suo paese parteciperà alla fornitura di carri armati Leopard, ma che il suo contributo "non può essere molto grande, tenendo conto delle nostre capacità di difesa". È stato riferito che il paese fornirà circa 5 carri armati.

Il Portogallo si sta preparando a inviare 4 carri armati Leopard 2 in Ucraina, ha riferito il quotidiano Correio da Manhã, citando le sue fonti. Secondo la pubblicazione, il paese ha 37 di questi carri armati, 12 dei quali sono pienamente operativi.

A sua volta, il primo ministro dei Paesi Bassi, Mark Rutte, ha osservato che la nazione affitterà 18 carri armati Leopard 2 dalla Germania e ha indicato che sta valutando la possibilità di acquistarli e poi fornirli all'Ucraina.

È stato riferito che la Norvegia può fornire all'Ucraina fino a 8 carri armati Leopard. Secondo le informazioni rilasciate, lo Stato scandinavo possiede un totale di 36 carri armati di questo tipo.

Nel frattempo, il ministro della Difesa belga Ludivine Dedonder ha osservato che la nazione non aveva carri armati da consegnare all'Ucraina. Secondo le sue dichiarazioni, il paese ha venduto i suoi carri armati più di 10 anni fa.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, l'amministrazione Joe Biden ha confermato  questo mercoledì che invierà  31 carri armati Abrams M1.

(Traduzione de l'AD)

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti