Relatore ONU: Israele sta affamando i palestinesi di Gaza

 Relatore ONU: Israele sta affamando i palestinesi di Gaza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un esperto delle Nazioni Unite sostiene che Israele deve essere ritenuto responsabile dei crimini di guerra e del genocidio poiché sta intenzionalmente facendo morire di fame i palestinesi di Gaza.

Si tratta del relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto al cibo, Michael Fakhri, il quale ha avvertito, ieri, al quotidiano britannico The Guardian che privare intenzionalmente la popolazione del cibo costituisce chiaramente un crimine di guerra.

“Non c’è motivo di bloccare intenzionalmente il passaggio degli aiuti umanitari o di distruggere intenzionalmente pescherecci di piccola scala, serre e frutteti a Gaza, se non quello di negare alle persone l’accesso al cibo”, ha sottolineato Fakhri, aggiungendo che Israele ha annunciato l’intenzione di distruggere gli aiuti umanitari per questo popolo, in tutto o in parte, semplicemente perché è palestinese.

Il relatore speciale delle Nazioni Unite ha sottolineato che “questa è ormai una situazione di genocidio”, il che significa che “Israele nel suo insieme è colpevole e deve essere ritenuto responsabile”.

Lo Statuto di Roma della Corte penale internazionale stabilisce che affamare intenzionalmente i civili “privandoli di oggetti indispensabili alla loro sopravvivenza, compreso l’ostruzione intenzionale degli aiuti umanitari” è un crimine di guerra.

Nel 2018 la fame è stata riconosciuta come crimine di guerra e violazione generale del diritto internazionale anche dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

La privazione intenzionale del cibo è stata riconosciuta come crimine di guerra e violazione generale del diritto internazionale dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel 2018.

Gruppi per i diritti umani hanno ripetutamente avvertito che Israele sta usando la fame come metodo di guerra a Gaza.

Secondo i dati dell'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), almeno 500.000 persone soffrono la carestia a Gaza, mentre i 2,3 milioni di abitanti del territorio soffrono di grave carenza di cibo.

Secondo gli screening nutrizionali condotti nei rifugi e nei centri sanitari a gennaio, un bambino su sei nel nord di Gaza, circa il 15,6% di tutti i bambini sotto i due anni di età nella zona, soffre di malnutrizione acuta o deperimento.

 L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA) ha avvertito, domenica scorsa, che la carestia sta colpendo Gaza mentre le agenzie umanitarie lottano per fornire cibo alle aree settentrionali dell’enclave.

 

------------------------------

"CAPIRE LA PALESTINA": NUOVA IMPERDIBILE PROMOZIONE IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q

LA STORIA NON E' INIZIATA IL 7 OTTOBRE. TRE LIBRI FONDAMENTALI PER CONOSCERLA A FONDO (AD UN PREZZO SPECIALE)

VAI ALLA PROMO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti