Repubblica intervista ex premier finlandese Stubb che protesta per dichiarazioni manipolate

Repubblica intervista ex premier finlandese Stubb che protesta per dichiarazioni manipolate

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La credibilità della stampa italiana mainstream è letteralmente in caduta libera e tende sempre al ribasso. Volete una prova concreta?

Il quotidiano Repubblica, vero e proprio megafono della russofobia più bieca funzionale al bellicismo della NATO che punta allo scontro aperto con Mosca, pubblica un’intervista all’ex premier finlandese Alexander Stubb. 

L’intervista col politico finlandese, che mira a sponsorizzare l’ingresso della neutrale Helsinki nella NATO, ha un titolo molto forte: «Finlandia nella Nato. Lo zar potrebbe massacrarci».

Su Twitter però interviene Stubb stesso per chiedere al quotidiano italiano di cambiare quel titolo perché gli sono state messe in bocca parole che non ha detto. «Headline not a quote. Please correct», ha scritto il inglese il politico finlandese che «prega di correggere». 

Incassata l’ennesima figuraccia il quotidiano punta di lancia della propaganda bellica targata NATO in Italia cambia con «Stubb: “La Finlandia entri nella Nato, Putin ci fa paura”». 

E’ lo stesso Stubb a riferire del cambiamento avvenuto «su richiesta». 

Avete ancora fiducia in una stampa che non si fa problemi a compiere forzature grossolane pur di portare avanti la propaganda bellicista spinta dal blocco occidentale in funzione anti-Mosca?

Evidentemente i sondaggi che vedono la maggioranza del popolo italiano ancora disposto ad aprire un dialogo costruttivo con la Russia nonostante una narrazione di guerra imposta a reti unificate 24 ore su 24 devono aver colpito molto e portato gli ambienti atlanti a rafforzare la propaganda per arrivare a imporre anche all’opinione pubblica l’idea dell’ineluttabilità della guerra totale contro la Russia. 

Interessante infine notare che i quotidiani come Repubblica, i quali continuamente accusano i media cosiddetti ‘alternativi’ di diffondere fake news, vengono costantemente colti in fallo proprio a diffondere fake e manipolare notizie. Ma non fanno mai ammenda. Si limitano semplicemente a correggere i loro errori voluti e cercati. Tanto il messaggio fuorviante è già passato. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe