Russia e Turchia unite nello sviluppo del nuovo caccia stealth TF-X di Ankara?

Russia e Turchia unite nello sviluppo del nuovo caccia stealth TF-X di Ankara?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

A seguito dell’esclusione da parte degli Stati Uniti dal programma F-35 a causa dell’acquisto del sistema missilistico S-400 sviluppato e prodotto dalla Russia, la Turchia ha deciso di avanzare verso lo sviluppo di un proprio caccia stealth di quinta generazione di produzione nazionale. 

Al momento, solo le tre superpotenze - Stati Uniti, Cina e Russia - hanno i loro caccia stealth di quinta generazione. Mentre gli Stati Uniti vantano due diversi tipi di jet: F-35 Lightning II e F-22 Raptor, Cina e Russia hanno rispettivamente i caccia J-20 e Su-57.

La Russia ha proposto alla Turchia una collaborazione nello sviluppo del caccia TF-X di quinta generazione che Ankara ha deciso di immettere nella propria flotta in luogo dei costosi e sostanzialmente inefficienti F-35, in seguito alla già citata esclusione decretata dagli Stati Uniti nonostante sia un alleato Nato e avesse provveduto già a pagare - in anticipo - alcuni esemplari che ancora non erano stati consegnati all’aviazione militare di Ankara.

La scorsa settimana, Dmitry Shugayev, direttore del Servizio federale russo per la cooperazione tecnico-militare, ha annunciato: "In questa fase sono in corso consultazioni con la parte turca a livello di gruppi specializzati sulle questioni dell'interazione nella creazione del caccia nazionale turco". 

Il TF-X di quinta generazione (Turkish Fighter - Experimental) è un caccia da combattimento attualmente sviluppato dalle Turkish Aerospace Industries (TAI) per l'aeronautica turca e sarà esportato anche in altri paesi.

Il caccia stealth turco dovrebbe avere una lunghezza di circa 19 metri, con un'apertura alare di circa 12 metri e dovrebbe essere capace di spingersi sino a un’altitudine di circa 55.000 piedi.

Secondo il ministero della Difesa turco, il caccia dovrebbe effettuare il suo primo volo entro il 2023. Alcuni articoli suggeriscono che sarà lanciato con due motori GE F110.

Il caccia dovrebbe sostituire la flotta esistente di caccia F-16 Falcon in servizio con l'aeronautica militare turca e probabilmente soddisferà i requisiti della nazione per il combattimento aereo fino all'anno 2070.

Secondo alcune fonti, il caccia avrà capacità di attacco superiori e una tecnologia stealth, che consentirà al caccia di evitare di essere rilevato sui radar nemici.

Sarà inoltre dotato di caratteristiche moderne come la fusione multi-sensoriale, una migliore consapevolezza della situazione, alloggiamenti interni per le armi e un'elevata manovrabilità.

La Turchia punta inoltre all’esportazione: secondo alcune indiscrezioni di stampa, i potenziali partner o acquirenti del caccia TF-X includono Bangladesh, Pakistan, Indonesia e Kazakistan.

Ankara ha atteso a lungo di sviluppare Turkish Fighters (TF) - precedentemente chiamato TF-X, e ha fatto diversi tentativi prima di raggiungerlo. Il progetto TF-X è stato lanciato nel 2011 per sostituire i vecchi velivoli F-4 e F-16.

Il progetto TF è stato ostacolato dalla mancanza di progressi nella selezione di un motore straniero per alimentare i lotti iniziali dell'aeromobile. Nel 2017, una società turca, Kale Group, ha stipulato un accordo da 139 milioni di dollari con Rolls-Royce per sviluppare un motore per il TF-X.

Tuttavia, il progetto ha visto pochi progressi rispetto alle preoccupazioni relative al trasferimento di tecnologia.

Sembra che il governo Erdogan, che si è proiettato come leader del mondo islamico, sia interessato a un programma di sviluppo congiunto con una nazione musulmana piuttosto che con un paese occidentale.

Bloomberg ha recentemente riferito che la Turchia ha contattato il Pakistan per sviluppare insieme aerei da guerra (TF). Ha affermato che i funzionari della difesa e del governo turchi hanno tenuto una serie di colloqui con le controparti pakistane.

L'ultima discussione ad alto livello si è tenuta a gennaio durante la quale è stata accolta una proposta per sviluppare e produrre materiale militare con il Pakistan. Tuttavia, al momento, non sono disponibili ulteriori dettagli sull'attuazione di questo piano, riferisce The Eurasian Times. 

Intanto, segnalano alcuni osservatori, la Turchia visti i crescenti legami con la Russia è probabile possa siglare un accordo con Mosca l'acquisizione di jet Su-57 o S-35 mentre Mosca aiuta Ankaka a sviluppare il suo caccia da combattimento di quinta generazione o entrambi i paesi possono collaborare nello sviluppo del nuovo caccia stealth Su-75 Checkmate, recentemente presentato dalla Russia. Un nuovo velivolo che si rivelerà molto insidioso per i concorrenti occidentali, secondo numerosi esperti della Difesa. 

Tuttavia, al momento non ci sono indicazioni su come Russia e Turchia saranno coinvolte nel programma TF-X di quest'ultima o se tale cooperazione si concretizzerà o meno.

La parte turca ha da tempo dichiarato il suo piano per sviluppare il proprio caccia da combattimento di quinta generazione. La Russia in precedenza ha indicato che era pronta a considerare la possibilità di collaborazione nell'ambito di questo programma. Tuttavia, finora non è stata ricevuta alcuna richiesta formale. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica