Russia e USA prorogano di 5 anni START III, il trattato sulle armi strategiche

Russia e USA prorogano di 5 anni START III, il trattato sulle armi strategiche

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi, il ministero degli Esteri russo e l'ambasciata degli Stati Uniti hanno completato le ultime procedure necessarie per estendere il Trattato di riduzione delle armi strategiche, noto anche come New START o START III, per un periodo di cinque anni.

L'accordo sulla proroga è entrato in vigore oggi, quindi  rimarrà in vigore negli stessi termini in cui è stato firmato, senza modifiche o aggiunte, fino al 5 febbraio 2026.

Come evidenziato in una dichiarazione del ministero degli Esteri russo, la conversazione telefonica tra il presidente del Paese, Vladimir Putin, e il suo omologo americano, Joe Biden, "è stata di vitale importanza per il raggiungimento di questo accordo".

"Meccanismo di base per la stabilità strategica"

Il ministero russo sottolinea che l'estensione dell'accordo garantisce la conservazione e il funzionamento del "meccanismo di base per mantenere la stabilità strategica", che limita gli arsenali nucleari di entrambi i paesi "su una base rigorosamente paritaria".

"Tenendo conto della responsabilità speciale della Russia e degli Stati Uniti come grandi potenze nucleari, è stata presa un'importante decisione che garantisce il livello necessario di prevedibilità e trasparenza in questo settore, nel rigoroso rispetto dell'equilibrio degli interessi", si sottolinea sulla dichiarazione.

La cancelleria russa spera che l'intesa raggiunta con Washington sul trattato - che descrive come una "pietra angolare della sicurezza internazionale" - aiuti a superare "la tendenza che ha prevalso negli ultimi anni a seguito della distruttiva politica statunitense di rompere il controllo degli armamenti. e meccanismi di non proliferazione." Allo stesso tempo, Mosca ammette che "saranno necessari sforzi significativi per ripristinare la stabilità del dialogo russo-americano in quest'area".

La Russia "è pronta per tale lavoro" e chiede agli Stati Uniti "di mostrare un approccio altrettanto responsabile" e di rispondere "costruttivamente" alle iniziative di Mosca rilevanti, conclude il ministero degli Esteri russo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti