Russia, i comunisti chiedono a Putin riconoscimento repubbliche popolari del Donbass

Russia, i comunisti chiedono a Putin riconoscimento repubbliche popolari del Donbass

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I deputati alla Duma del Partito Comunista della Federazione Russa hanno presentato in seno all’Assemblea un appello al leader russo Putin sulla necessità di riconoscere le Repubbliche Popolari di Donetsk Lugansk. Come si legge nel documento, tale decisione darà le basi "per assicurare garanzie di sicurezza e protezione dei popoli delle repubbliche dalle minacce esterne e fermerà l'attuazione di una politica di genocidio nei confronti dei loro abitanti". Inoltre, i parlamentari ritengono che questo segnerà l'inizio del riconoscimento internazionale delle autoproclamate repubbliche popolari del Donbass.

Il disegno di legge afferma che tale decisione sarà "ragionevole e moralmente giustificata", poiché "negli ultimi anni, organismi democratici e Stati con tutti gli attributi del potere legittimo si sono costituiti nelle repubbliche sulla base della volontà popolare”.

Il quotidiano Komsomol'skaja Pravda ricorda che il 15 novembre 2021 il Presidente della Russia ha firmato un decreto sulla fornitura di sostegno umanitario alla popolazione di alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk. In esso, ha incaricato di adottare misure che alleggerirebbero le condizioni per l'ammissione di merci dalla DPR e dalla LPR ai mercati russi. Stiamo parlando del riconoscimento da parte della Russia dei certificati merceologici delle repubbliche. Ciò significa che i beni prodotti nel Donbass possono partecipare agli appalti pubblici su base di uguaglianza con quelli russi.

Sulla petizione ufficiale avanzata dai deputati comunisti al presidente Putin, il Cremlino afferma di non aver ancora visionato la richiesta del Partito Comunista della Federazione Russa al presidente Vladimir Putin sulla necessità di riconoscere le repubbliche del Donbass, secondo quanto rende noto il portavoce presidenziale Peskov all’agenzia Ria Novosti. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo