S-400 vs F-16: perché la Turchia ha un disperato bisogno dei missili S-400 per localizzare i propri caccia F-16?

S-400 vs F-16: perché la Turchia ha un disperato bisogno dei missili S-400 per localizzare i propri caccia F-16?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Perché la Turchia ha un disperato bisogno del sistema antimissile S-400 per localizzare i propri caccia F-16 di produzione statunitense?

 

La spiegazione a questa domanda viene fornita dall’analista di politica estera Ali Demirdas: «Ciò che è stato notato durante il tentativo di colpo di stato del 2016 è che la Turchia non aveva alcun meccanismo di difesa efficace contro ‘le sue’ armi di fabbricazione americana!». 

 

Nel 2016, gli F-16 dell'aeronautica turca sono stati utilizzati per attaccare Ankara, incluso il parlamento turco. Questo tentativo lasciò i turchi in uno stato di shock poiché era la prima volta che la città subiva un attacco militare da 600 anni, scrive The EurAsian Times

 

Secondo Paul Iddon, un giornalista di base a Erbil, in caso di un altro tentativo di colpo di Stato simile, gli S-400 turchi che non sono integrati nelle reti di difesa aerea turche si dimostrerebbero molto ben posizionati per abbattere qualsiasi F-16 golpista. 

 

«Dopo tutto, il sistema costruito in Russia è stato progettato con la possibilità che un giorno potrebbe essere necessario abbattere gli aerei da guerra della NATO», ha aggiunto il giornalusta. Gli esperti ritengono che questo potrebbe essere il motivo per cui Erdogan ha deciso di rischiare le sue relazioni con gli Stati Uniti per acquisire il sistema S-400 di fabbricazione russa ed è persino disposto a sopportare le conseguenze politiche ed economiche della sua decisione.

 

Infatti la Turchia si trova a subire forti pressioni da parte degli Stati Uniti infuriati per la decisione di Ankara. I membri del Congresso nordamericano hanno minacciato la Turchia di sanzioni per l'acquisizione dei sistemi di difesa antimissile S-400 per un valore di 2,5 miliardi di dollari. Gli Stati Uniti hanno ripetutamente affermato che i missili russi S-400 e i jet stealth F-35 di quinta generazione operando insieme potrebbero potenzialmente consentire alla Russia di raccogliere informazioni sensibili sulle capacità degli F-35.

 

La Turchia mantiene la sua posizione e ha segnalato di voler mantenere l'accordo, nonostante la minaccia di sanzioni da parte degli Stati Uniti. «Non c'è modo di cancellare gli accordi, nonostante le decisioni del Congresso. Il contratto è già in fase di attuazione», ha dichiarato Vladimir Dzhabarov, primo vicepresidente della commissione per gli affari esteri del Consiglio della Federazione russa. Ha inoltre sottolineato che è improbabile che il presidente turco si arrenda a tali minacce da Washington.

 

Gli Stati Uniti hanno quindi sospeso la Turchia dal programma F-35 Joint Strike Fighter.

 

Il programma intende sviluppare e acquisire l'F-35 Lightning II che sostituirà vari altri velivoli tattici tra cui gli Stati Uniti F-16, A-10, F / A-18A-D, AV-8B e British Harrier GR7, GR9 e Tornado GR4.

 

Oltre a Stati Uniti, Regno Unito, Italia, Canada, Australia, Turchia, Paesi Bassi, Danimarca e Norvegia fanno parte del programma. Nonostante il costo aggiuntivo che gli Stati Uniti dovranno sostenere, Washington ha espulso la Turchia e rimossa dal programma di produzione del velivolo.

 

Grazie alle buone relazioni personali del presidente Donald Trump con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, la Turchia è sfuggita alle sanzioni finora. Washington aveva precedentemente insistito per raggiungere una qualche forma di compromesso con Ankara sulla questione dell'S-400 per evitare l'imposizione della CAATSA e qualsiasi ulteriore deterioramento delle relazioni USA-Turchia.

 

Se gli Stati Uniti acquistassero l'intero arsenale S-400 della Turchia, come molti hanno proposto negli Stati Uniti, Ankara avrebbe soddisfatto i requisiti degli Stati Uniti per rientrare nel programma F-35. Una simile azione statunitense non ha precedenti. Nel 1997, gli Stati Uniti hanno acquistato i jet da combattimento MiG-29 Fulcrum della Moldavia per tenerli fuori dalle mani dell'Iran.

 

Nel frattempo, Mosca ha chiarito che la Turchia avrebbe bisogno del suo permesso per farlo. È improbabile che Mosca consentirebbe una simile mossa e che la Turchia vorrebbe vendere quei missili.

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti