Sahra Wagenknecht: «La protezione del clima non sia pretesto per nuove misure antisociali»

Sahra Wagenknecht: «La protezione del clima non sia pretesto per nuove misure antisociali»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’aumento dei prezzi dell’energia non ricada sulle spalle dei ceti più deboli. La sinistra che non ha perso la bussola così dovrebbe parlare e agire, proprio come l’esponente della Linke tedesca, Sahra Wagenknecht, che tramite i social afferma: «Elettricità, benzina, gas: i prezzi dell'energia sono in aumento. Questo è particolarmente oneroso per le persone con redditi bassi e medi, che già devono far fronte alle perdite salariali dovute alla crisi del coronavirus».

Contestualmente si segnalano anche aumenti dei prezzi al consumo: «Solo a settembre, i prezzi al consumo sono aumentati del 4%», per questo «un nuovo governo federale deve immediatamente fermare l'aumento dei prezzi dell'elettricità, della benzina, ma anche del cibo e mantenere il potere d'acquisto! Deve garantire che le compagnie energetiche offrano quote di base a basso costo e vietino le interruzioni di corrente».

Gli aumenti dei prezzi dell’energia vengono parzialmente giustificati come sacrifici per la cosiddetta svolta ecologica o transizione green. Ma per Sahra Wagenknecht «la protezione del clima non deve significare che milioni di persone siano sottoposte a stress aggiuntivo e vivano in appartamenti freddi perché non possono più permettersi il riscaldamento. Invece di misure antisociali con il pretesto della protezione del clima, devono essere create alternative reali. Perché se vivi in ??un luogo senza mezzi pubblici non puoi smettere di usare l'auto semplicemente, anche a due euro al litro di benzina». 

In una fase di grande confusione politica e ideologica, le rivendicazione di classe avanzate da Sahra Wagenknecht dimostrano che si può conciliare una politica attenta all’ambiente con i bisogni della classe lavoratrice. Si tratta di volontà politica e di non utilizzare il pretesto della salvaguardia ambientale per introdurre nuove misure anti-popolari come denunciato dalla dirigente della sinistra tedesca. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO