Scholz in Cina: l'economia della Germania ha bisogno di Pechino

Scholz in Cina: l'economia della Germania ha bisogno di Pechino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz è sbarcato a Shanghai per continuare la sua visita di tre giorni in Cina, accompagnato da tre suoi ministri - Ambiente, Agricoltura e Trasporti – nonché da importanti esponenti del mondo imprenditoriale tedesco quali i dirigenti di aziende importanti come Siemens, BMW e Mercedes-Benz.

Questa è la seconda visita di Scholz in Cina da quando è entrato in carica come cancelliere e il primo leader di un grande paese occidentale a visitare la Cina nel 2024. Il viaggio ha attirato molta attenzione da parte dei media globali.

I mezzi di comunicazione tedeschi hanno sottolineato: "Come primo ministro, non ha mai visitato un paese per un periodo così lungo. I media di Hong Kong hanno citato i commenti degli esperti secondo cui il viaggio di Scholz dimostra che "sia la Germania che l'UE vogliono comprendere la vera situazione dell'economia cinese".

Secondo un servizio del media in lingua inglese di Hong Kong South China Morning Post del 14 aprile, domenica scorsa, il cancelliere tedesco Scholz è arrivato a Chongqing, città nel sud-ovest della Cina, per la prima tappa di una visita di tre giorni in Cina.

A Chongqing, Scholz si è recato per la prima volta alla Bosch Hydrogen Power Systems (Chongqing) Co., Ltd., che ha un background finanziato dalla Germania, e ha osservato i prodotti per l'energia a idrogeno e le soluzioni di celle a combustibile a idrogeno sviluppate e prodotte dall'azienda. Il servizio giornalistico sottolinea che negli ultimi anni Chongqing e la vicina provincia del Sichuan hanno sviluppato vigorosamente questo settore.

Pang Zhongying, professore di economia politica internazionale all'Università del Sichuan, ritiene che il viaggio di Scholz dimostri che "sia la Germania che l'UE vogliono comprendere la vera situazione dell'economia cinese".

Pang Zhongying ha affermato che la visita di Scholz potrebbe aiutare le aziende tedesche a sviluppare ulteriormente le loro attività in Cina, soprattutto nel settore dei veicoli a nuova energia. "La Cina sudoccidentale era una regione economicamente sottosviluppata, ma ora è diventata un nuovo centro di crescita economica", come riferisce il cinese Guancha.

Secondo un articolo della tedesca "Bild" del 13 aprile, in qualità di primo ministro Scholz non ha mai visitato un Paese per un periodo così lungo. Il suo viaggio riguarda il futuro, l'economia, l'occupazione e la crescita della Germania. Ad accompagnarlo nel viaggio c'erano i più importanti dirigenti imprenditoriali tedeschi.

I media tedeschi hanno anche affermato che, sebbene il governo e le aziende tedesche amino parlare di "voler ridurre l'eccessiva dipendenza da un singolo Paese", la realtà è che gli investimenti diretti delle aziende tedesche in Cina saliranno a un punto massimo nel 2023. Nei suoi rapporti con la Cina, Scholz ha subito le pressioni di Stati Uniti, Francia, Commissione europea e Verdi per adottare misure più severe contro la Cina. Nei rapporti con la Cina, Scholz ha subito pressioni da parte di Stati Uniti, Francia, Commissione Europea e Partito dei Verdi affinché adottasse misure più severe contro la Cina. Ma d’altro canto, l’economia tedesca spera che il cancelliere sia abbastanza intelligente da negoziare buone condizioni per le aziende tedesche.

Il Wall Street Journal ha affermato che la tiepida ripresa economica, le preoccupazioni sulla Russia e la possibilità che Trump vinca le elezioni statunitensi stanno avvicinando l’Europa e la Cina.

La versione europea del sito statunitense "Politico" afferma che Scholz ha bisogno della Cina. A poco più di un anno dalle prossime elezioni nazionali, i leader della potenza economica europea stanno esaurendo il tempo per fare miracoli per invertire la disastrosa posizione del loro governo tra l'opinione pubblica tedesca.

Da un certo punto di vista, la visita di Scholz rappresenta un ritorno alla normalità delle relazioni bilaterali, caratterizzate da scambi intensi a tutti i livelli. Tuttavia, l'attenzione mediatica e le molteplici interpretazioni evidenziano anche le incertezze e le ambiguità presenti nell'opinione pubblica europea riguardo alla Cina.

In particolare, ci sono aspettative contrastanti in Germania riguardo alla posizione da adottare su questioni delicate come il conflitto Russia-Ucraina, lo Stretto di Taiwan e i “diritti umani”. 

Nonostante ciò, la necessità di cooperazione pratica tra Cina e Germania è prioritaria rispetto alle voci discordanti.

A tal proposito il quotidiano Global Times evidenzia che la Germania è il principale partner commerciale della Cina in Europa da 49 anni, mentre la Cina è il principale partner globale della Germania da otto anni. Nel 2023, gli investimenti tedeschi in Cina hanno raggiunto un record storico.

Nonostante la competizione in alcuni settori, spesso enfatizzata dai media occidentali, lo spazio per una cooperazione razionale e pragmatica tra Cina e Germania è ampio. Entrambe le parti hanno la saggezza e la capacità di trovare soluzioni ai problemi controversi.

La visita di Scholz coincide con il decimo anniversario del partenariato strategico globale tra Cina e Germania. L'importanza di questa interazione tra le due maggiori economie è innegabile, non solo per i rapporti bilaterali ma anche per quelli tra Cina ed Europa.

In conclusione, la visita di Scholz sottolinea l'importanza del dialogo e della comunicazione, anche in tempi di difficoltà e cambiamenti. Il rispetto reciproco e la cooperazione pragmatica dovrebbero continuare a guidare lo sviluppo delle relazioni tra Cina e Germania, conclude il quotidiano cinese.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti