Senza Green Pass stop al Reddito di cittadinanza? La nota del Ministero del Lavoro

Senza Green Pass stop al Reddito di cittadinanza? La nota del Ministero del Lavoro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

«Quando i nazisti presero i comunisti,/ io non dissi nulla/ perché non ero comunista./ Quando rinchiusero i socialdemocratici/ io non dissi nulla/ perché non ero socialdemocratico./ Quando presero i sindacalisti,/ io non dissi nulla/ perché non ero sindacalista./ Poi presero gli ebrei,/ e io non dissi nulla/ perché non ero ebreo./ Poi vennero a prendere me./ E non era rimasto più nessuno che potesse dire qualcosa»

(Versi originari del pastore Martin Niemöller).

 

Dopo il lasciapassare obbligatorio per lavorare nel Draghistan si passa alle misure di previdenza sociale.

Recita una nota del Ministero del Lavoro che chi ne fosse sprovvisto sarà considerato «assente ingiustificato» e l'assenza ingiustificata di un solo giorno fa scattare la decadenza immediata del Reddito di Cittadinanza, senza neppure quelle già vergognose norme di salvaguardia valide comunque per i dipendenti privi di green pass, per cui è previsto almeno il diritto alla conservazione del posto, pur senza stipendio.

A specificarlo, lo ribadiamo, è il ministero del lavoro attraverso la nota n. 8526/2021.

Quindi il percettore del reddito di cittadinanza, legato all'ISEE, dovrà scegliere: o cercare un lavoretto a 400 euro senza tutele di alcun tipo, rinunciando al reddito di cittadinanza (in modo da poter ripresentare la domanda tra 18 mesi), in sostituzione, rigorosamente in nero, di chi sta a casa senza stipendio perché privo di tessera. Oppure tenersi i 400 euro (spesso sono di meno), del sussidio di povertà, lavorando sempre senza tutele per il Comune che non assume, ma col green pass.

È impensabile che ci si possa anche permettere di pagare il tampone in queste condizioni.

E il reddito di cittadinanza è il primo passo: poi si passerà al diritto di assistenza sociosanitaria, al diritto di educare i figli, al diritto di assistere i genitori, al diritto di essere curati, di aprire un conto corrente o prelevare, al diritto di esprimere un'opinione. O avete ancora qualche dubbio?

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti