Seul. 14 mesi di carcere per una poesia che "elogiava" la Corea del Nord

Seul. 14 mesi di carcere per una poesia che "elogiava" la Corea del Nord

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un uomo di 68 anni è stato condannato da un tribunale sudcoreano a 14 mesi di reclusione a causa di una poesia: la sua colpa? Aver indirettamente elogiato il governo nordcoreano nelle sue rime. Il riferimento è a una poesia pubblicata alcuni anni prima sul sito di notizie statale nordcoreano Uriminzokkiri.

Giuridicamente il tribunale che ha emesso il verdetto (ossia il tribunale distrettuale centrale di Seul) ha dichiarato l'uomo colpevole di aver violato la legge sulla sicurezza nazionale.

La notizia risale allo scorso 27 novembre: a darla attingendo a media sudcoreani come il “The Korea Herald “, tra le prime in Europa, la BBC, mentre in Italia la narrazione della vicenda è stata semplicemente omessa.

Fa specie che la vicenda accada in Corea del Sud, paese presentato al grande pubblico occidentale, spesso forse con troppa superficialità, come simbolo di progresso democratico, almeno dopo il decorso della dittatura militare che resse il paese fino agli anni ‘90.

Approfondendo risulterebbe che l’anziano, Lee Yoon-seop abbia sostenuto nella sua opera, l'unificazione delle due Coree. Sue le seguenti parole: “se le due Coree fossero unite, le persone come già accade al nord avrebbero alloggio, assistenza sanitaria e istruzione gratuite” riportano i media sudcoreani.

Nel verdetto si legge che “l’imputato ha prodotto e distribuito un ampio numero di espressioni sovversive che rappresentano la posizione della Corea del Nord, ha glorificato ed elogiato quel paese e ha minacciato l’esistenza e la sicurezza del nostro paese e l’ordine liberal-democratico per un lungo periodo di tempo, durante il quale ha reiterato i reati, dunque è inevitabile che venga severamente punito".

In Corea del Sud, dunque come nei regimi più repressivi, anche la poesia e la libertà di espressione e di scrittura fanno paura al sistema politico-giudiziario.

A pronunciarsi sulla questione e’ intervenuta perfino Amnesty ?nternational, la quale espressamente ha richiesto che “le autorità sudcoreane facciano cadere tutte le accuse contro Lee Yoon-seop, che è stato condannato al carcere semplicemente per aver esercitato il suo diritto alla libertà di espressione. Scrivere una poesia non rappresenta una minaccia per la sicurezza.”.

 

Fonti:

 

https://m.koreaherald.com/view.php?ud=20231127000521&ACE_SEARCH=1

https://www.bbc.com/news/world-asia-67540211.amp

http://www.uriminzokkiri.com/index.php?ptype=creade&mtype=view&no=3380#reply_3380

https://www.amnesty.org/en/latest/news/2023/11/south-korea-jail-sentence-for-man-who-praised-north-an-attack-on-freedom-of-expression/

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti