Seymour Hersh spiega perché non si può credere all'innocenza degli Stati Uniti nell'attacco a Nord Stream

Seymour Hersh spiega perché non si può credere all'innocenza degli Stati Uniti nell'attacco a Nord Stream

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il leggendario giornalista Seymour Hersh, vincitore del Premio Pulitzer nel 1970, ha spiegato perché non si può credere all'innocenza degli Stati Uniti nel sabotaggio del gasdotto Nord Stream, in un'intervista esclusiva al programma "Going Underground" di RT.

Nella sua prima intervista con un'emittente internazionale dopo la pubblicazione dell’articolo dove racconta come è avvenuto il sabotaggio e accusa gli Stati Uniti di essere i principali responsabili del sabotaggio, Hersh sostiene che il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden "sta nascondendo la verità su qualcosa che ha autorizzato e che è accaduto".

Secondo il giornalista, già dalla fine di settembre dello scorso anno era chiaro che per l'Ucraina era "quasi impossibile" opporsi alla Russia e vincere sul campo di battaglia. "Questa è la realtà, a prescindere da ciò che la stampa riporta ogni giorno", afferma. "Le cose stanno andando molto male per Kiev", ha sottolineato.

In questo contesto, Hersh osserva che "si è cominciato a temere che l'Europa occidentale, e in particolare la Germania, non fosse disposta a dare pieno sostegno perché riceveva gas dalla Russia". A Washington "temevano che la Germania avrebbe revocato le sanzioni per ricevere di nuovo il gas", ha evidenziato il giornalista d’inchiesta.

Le persone dietro il sabotaggio pensavano che "non fosse una cattiva idea dare alla Casa Bianca alcune opzioni per bluffare o convincere Putin che il costo (dell'operazione militare in Ucraina) sarebbe stato molto alto". Tuttavia, questo è stato discusso pubblicamente a Washington, con Biden e il sottosegretario di Stato per gli Affari politici Victoria Nuland che hanno assicurato di sapere come bloccare i gasdotti Nord Stream. "All'epoca, le persone del gruppo (di sabotaggio) erano sconvolte perché doveva essere un'operazione segreta", osserva Hersh.

"La bomba era lì da mesi. L'hanno piazzata a giugno [...] quando sembrava che gli ucraini stessero facendo bene", ha detto. Tuttavia, alla fine di settembre dello scorso anno, “è emerso che c'era un problema molto serio, che non sarebbe stato un gioco da ragazzi per gli ucraini, come hanno scritto alcuni media".

Il sabotaggio è stato compiuto "per scopi politici", osserva Hersh, "per impedire alla Germania e all'Europa occidentale di utilizzare il gasdotto Nord Stream 2 nel caso in cui l'inverno arrivasse prima".

Allo stesso modo, sottolinea che la Russia è sempre stata una preoccupazione per l'Occidente "a causa della sua enorme quantità di gas naturale e petrolio". "C'è sempre stata la preoccupazione che la Russia trasformasse il gas in un'arma, un'arma politica nella lotta contro di noi, cosa che va avanti dalla Seconda Guerra Mondiale".

I piani di guerra di Washington non sono una novità nella politica statunitense, osserva Hersh, che racconta come diversi presidenti degli Stati Uniti, come Lyndon Johnson e George W. Bush, abbiano creato su menzogne le basi per entrare in guerra. "Johnson ha mentito su qualcosa che ha portato a una guerra che ha ucciso 58.000 statunitensi e tra uno e tre milioni di vietnamiti”.evidenzia Hersh.

Il caso di Edward Snowden 

Il famoso giornalista statunitense ha parlato anche del caso dell'ex analista della NSA e della CIA, il whistleblower Edward Snowden, del diritto alla libertà di espressione e del diritto a non essere sorvegliati senza un mandato.

Riguardo ai casi di intercettazioni illegali negli Stati Uniti e alle rivelazioni dell'ex analista, Hersh ha commentato che "quello che Snowden ha scoperto è ciò che gli è stato detto e ha appreso come consulente, e cioè che hanno cambiato la legge", in modo che ora è possibile intercettare un cittadino statunitense senza un mandato.

Il giornalista ha aggiunto che se, ad esempio, ascoltando un sospetto militante di un’organizzazione terroristica come Al-Qaeda, fosse registrata una conversazione con un cittadino statunitense, allora questa poteva essere immediatamente registrata.

"Snowden, che non è un politico, ma un esperto di tecnologia, ha reagito a questa situazione", ha detto il giornalista, aggiungendo che, all'epoca, oltre il 10% dei dipendenti della NSA era a conoscenza delle intercettazioni illegali.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti