/ Siria: L'uso dei bambini dei media e governi occidentali per gius...

Siria: L'uso dei bambini dei media e governi occidentali per giustificare un'agenda guerrafondaia

 

Il giornalista Alberto Rodrķguez Garcķa analizza l'uso dei bambini in Siria da parte dei media occidentali per giustificare l'agenda bellicista come gią avvenuto ad Aleppo e nel Ghouta orientale e si stava gią organizzando allo stesso modo ad Idlib.

A seguire l'articolo di Alberto Rodríguez García
 

 
Hala ha sei anni, un tweet in perfetto inglese ed è diventato il volto di Idlib per i mass media occidentali che, ancora una volta, cercano di stupire il loro pubblico e ricorrere all'uso dei bambini per giustificare il loro programma guerrafondaio.
 

 
Hala è un'altra vittima della propaganda mediatica che, in assenza di argomenti con cui giustificare le azioni che si intendono difendere, ricorre ai suoi meccanismi più basilari che funzionano meglio: i bambini come strumento per attrarre emozioni.
 
Prima che Hala fosse resa nota, le sorelle Noor e Alaa, il giovane Muhammad Najem, "Marwa dalla Siria" e il noto Bana Alabed hanno fatto lo stesso percorso.
 

 
In tutti i casi citati, lo stesso obiettivo è perseguito per umanizzare i ribelli e disumanizzare i loro nemici; Evitando molto convenientemente che in una guerra i civili muoiono sempre e che anche i ribelli uccidono. Proprio perché le persone muoiono, le guerre sono sempre terribili.
 
Chiunque penserebbe che una tale scarsa propaganda non può essere presa sul serio, ma il giornalismo di oggi è in un tale momento di pathos che i grandi giornali si dedicano a scrivere rapporti e interviste su questo tipo di resoconti che riproducono il loro discorso. Di solito finiscono sempre per parlare di una rivoluzione che esiste solo nella loro immaginazione.
 
Sono stupito nel vedere giornalisti che chiamano ribelli, o addirittura rivoluzionari, terroristi della stessa organizzazione che l'11 marzo 2004 ha assassinato 103 persone a Madrid. Penso che a quel punto nessuno avrebbe potuto immaginare che solo un decennio dopo avremmo raggiunto una situazione in cui gli Stati Uniti e i paesi europei controllavano pubblicamente la sicurezza dei combattenti di al-Qaeda. Perché i terroristi, a seconda di dove si trovano, hanno un volto umano. Quelli che a Idlib chiamano insorti, sono gli stessi che in Spagna chiamarono terroristi. E sì, Idlib è dominato dalla sezione siriana di al-Qaeda, Hayat Tahrir al-Sham.
 
Non sarebbe ridicolo dire che Kandahar, la base principale dei talebani in Afghanistan fino al 2001, era l'ultimo baluardo della resistenza al regime afghano di Hamid Karzai? Perché è così che molti giornalisti ancora si riferiscono a Idlib, un intero governatorato dominata da veterani di Afghanistan, Iraq, Cecenia ... insieme ora sotto l'ombrello di Hayat Tahrir al-Sham, al-Qaeda in Siria guidata da Abu Muhammad al-Jolani.
 
Tra gli alleati di Hayat Tahrir al-Sham ci sono gli uiguri cinesi del Turkestan Islamic Party (PIT). È un'organizzazione alleata del Movimento islamico dell'Uzbekistan, dei talebani del Pakistan e di al-Qaeda. La PIT è attualmente presente in Cina, Pakistan e Siria, ma negli anni 2000 ha abbracciato l'idea della jihad globale come pilastro fondamentale del partito.

 
All'interno tutte le organizzazioni fedeli ad al-Qaeda in Idlib, ce n'è uno che davvero interessa i lettori spagnoli, è Harakat Sham al-Islam. È un'organizzazione jihadista costituita nel 2013 e composta da marocchini. Si stima che abbiano 500 soldati.
 
Non tutta Idlib è governato da Hayat Tahrir al-Sham. Ci sono anche alcune città controllate dai ribelli del Fronte di Liberazione della Siria, una coalizione di gruppi jihadisti che appoggiano Ahrar al-Sham ben noto come  Mujahideen siriani, Jaysh al-Izza - islamisti pro-turchi che dal 2013 costantemente molestano i cristiani di Mhardeh con colpi di mortaio -,  Harakat al-Nour ad-Din al-Zenki - noto per aver decapitato un bambino girava un video e Suqour al-Sham appoggiato dal Qatar.
 
Il Fronte di liberazione della Siria lungi dall'essere un'organizzazione indipendente, dipende in larga misura il sostegno turco; una coalizione di gruppi islamisti con una presenza in Afrin, che, insieme con la Turchia ha espulso dalla zona le forze democratiche siriane durante l'operazione turca 'Ramoscello d'ulivo', che ha avuto inizio nel gennaio 2018. Questi gruppi sono stati accusati di crimini di guerra, il saccheggio dei beni da quando si sono stabiliti all'inizio di quest'anno nella regione settentrionale della Siria al confine con la Turchia.
 
La popolazione civile
 
Che Idlib sia governata da gruppi fondamentalisti ha un impatto diretto quotidiano con la popolazione civile che non è stata in grado di fuggire. Hayat Tahrir al-Sham definisce i territori che controlla come un emirato in cui l'unica legge è la legge islamica o la sharia nella sua interpretazione più severa. Le donne non possono uscire da sole per strada, gli uomini non possono stare con donne diverse dalle loro mogli o parenti, la blasfemia è punita severamente ... Un esempio di democrazia secondo alcuni.
 
Oltre al regime di terrore imposto con la spada e il Corano, la violenza sulla quale di basano queste organizzazioni le mette in costante pericolo pur essendo le più fedeli ad al-Qaeda o alla Turchia. Pur avendo due grandi gruppi che dominano il governo (Tahrir al-Sham Hayat e Siria Liberation Front), sono molto discordi, e non è raro mentre si uccidono a vicenda ed hanno affrontato diverse lotte di potere e politiche. Dal momento che la Turchia e la Russia hanno annunciato un accordo di smilitarizzare del fronte di Idlib, c'è stata un'escalation di violenza tra HTS e FLS che ha provocato l'uccisione di almeno 30 persone in due settimane.
 
Dall'aprile 2018 all'ottobre dello stesso anno, 337 persone sono già state uccise a seguito di costanti combattimenti tra fazioni. La situazione in Idlib è semplicemente insostenibile.
 
Il completo caos e l'urgente necessità di continuare a finanziare una guerra che sta per celebrare il suo ottavo anniversario, hanno anche portato al business dei rapimenti, le cui vittime sono civili. È diventata una pratica comune che a volte accade in pieno giorno con i ribelli che osservano ma non agiscono, come hanno denunciato diversi attivisti attraverso le reti.
 
Per alcuni degli ostaggi come Wasil al-Omar sono venuti a pagare cifre cospicue fino a 300.000 dollari, che possono essere reinvestiti in 150 RPG, 300 fucili AK-47, 600 granate e più di 800 colpi di mortaio da 60 millimetri ; secondo quello di cui hanno bisogno. Non è un caso che questi stessi attivisti denunciano il piano di salvataggio richiesto dai rapitori di solito aumenta come le battaglie sono sviluppati e gruppi ribelli avranno bisogno di acquisire risorse.
 
Per quanto alcuni giornalisti cercano di disegnare un volto umano a Idlib, spesso attraverso i bambini, non fanno altro che parlare di realtà che esistono solo in Twitter.
 
La realtà è che la popolazione civile non può scegliere ed è soggetta a un regime confessionale che sarebbe diventato obsoleto anche nel Medioevo. La realtà è che sì, Idlib ha una faccia; quello del terrorismo.
 
Fonte: RT ESP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa