Snowden spiega a cosa è servita (realmente) la fake news dell'"Invasione dell'Ucraina"

Snowden spiega a cosa è servita (realmente) la fake news dell'"Invasione dell'Ucraina"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Edward Snowden, l'ex agente della National Security Agency (NSA) e della CIA che ha rivelato nel 2013 l'esistenza di massicci programmi di spionaggio informatico negli Stati Uniti, ha spiegato che la valanga di notizie false sulla presunta invasione della Russia in Ucraina, con le date esatte e inclusi i tempi dell'offensiva, fa parte del piano della Casa Bianca per distogliere l'attenzione da un'altra questione che coinvolge direttamente i servizi di intelligence di Washington.

"Ora che l'invasione promessa non si è concretizzata, forse potremmo dare un'altra occhiata alla storia che si stava diffondendo, quando la Casa Bianca è stata improvvisamente sopraffatta da un misterioso e inspiegabile desiderio di cambiare il ciclo delle notizie", ha scritto Snowden nel suo account Twitter , insieme a un collegamento a un articolo del Washington Post.

 

 

 

 

Ritiro accidentale?

 

Il giornale rivela che la CIA, nell'ambito delle sue operazioni di intelligence estera, sarebbe coinvolta nella raccolta di dati da cittadini statunitensi senza l'autorizzazione del Congresso del paese. Così suggerisce una lettera parzialmente declassificata la scorsa settimana dai senatori Ron Wyden  e  Martin Heinrich , entrambi membri del Comitato di intelligence del Senato.

In particolare, i membri del Congresso sostengono nella lettera, inviata il 13 aprile 2021 al Direttore dell'Intelligence Nazionale, Avril Haines, e al Direttore della CIA, William Burns, che detta agenzia ha gestito un programma segreto di raccolta di dati di intelligence straniera che include anche informazioni sui cittadini statunitensi.

Wyden e Heinrich hanno sottolineato nel loro messaggio che il programma opera "completamente al di fuori del quadro legale ". In considerazione di ciò, il legislatore chiede maggiore trasparenza al riguardo, anche in quanto riferito alla tipologia di informazioni raccolte.

Dopo che la lettera è stata rivelata, la CIA ha assicurato che "nel corso di qualsiasi ricognizione legale" l'agenzia può ottenere " tra l'altro informazioni sugli americani che sono in contatto con cittadini stranieri". 

Allo stesso tempo, hanno scoperto che l'entità conserva i dati sui propri cittadini "in conformità con le procedure approvate dal procuratore generale che limitano la capacità della CIA di raccogliere, conservare, utilizzare e diffondere informazioni".

Inoltre, l'agenzia ha pubblicato una serie di raccomandazioni sul programma redatte da un panel di osservazione interno.

 

La storia si ripete

Wyden e Heinrich si battono da anni per una maggiore trasparenza da parte delle agenzie di intelligence statunitensi. 

Nel 2013, Wyden chiese all'allora direttore della National Intelligence James Clapper se la NSA avesse raccolto "qualsiasi tipo di dati su milioni o centinaia di milioni di americani". La risposta iniziale di Clapper fu negativa, ma in seguito aggiunse: "Non consapevolmente ".

Nello stesso anno Snowden rivelò che la NSA ha avuto accesso a vasti volumi di dati da provider Internet e  milioni di registri delle chiamate da  società di telecomunicazioni statunitensi. Svelò, inoltre, ai suoi cittadini lo spionaggio su larga scala da parte di Stati Uniti e Regno Unito, denunciando come i servizi speciali di questi paesi intercettavano illegalmente i leader di altri stati.

Dopodiché, l'ex contractor della CIA chiese asilo in alcuni paesi fino ad ottenerlo in Russia, dove attualmente vive.

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti