’Steadfast Noon’: perché la NATO svolge esercitazioni nucleari in Europa?

’Steadfast Noon’: perché la NATO svolge esercitazioni nucleari in Europa?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In una fase molto delicata dove il mondo si trova a un passo dallo scontro tra potenze atomiche, nel momento meno opportuno, arriva l’esercitazione annuale di deterrenza nucleare organizzata dai paesi NATO denominata ’Steadfast Noon’. 

Secondo il servizio stampa dell'alleanza atlantica, alle manovre prendono parte unità di 14 paesi membri del blocco (tra cui l’Italia) e fino a 60 velivoli di vario tipo, tra caccia di quarta e quinta generazione, aerei da sorveglianza e aerei cisterna. 

“Come negli anni precedenti, l'esercitazione coinvolgerà i bombardieri a lungo raggio nordamericani B-52, che decolleranno quest'anno dalla base dell'aeronautica militare di Minot nel North Dakota. I voli di addestramento si svolgeranno sul Belgio, che organizza le esercitazioni, nonché sul Mare del Nord e sul Regno Unito", ha informato la NATO.

Evidenziando poi che l’esercitazione è solo un normale esercizio annuale "non collegato a nessun evento che si svolge nel mondo".

Secondo il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg, le esercitazioni mirano a "preservare l'affidabilità, la sicurezza e l'efficacia della deterrenza della NATO". Allo stesso tempo, durante il suo discorso dell'11 ottobre, ha richiamato l'attenzione su alcune "velate minacce nucleari" che sarebbero arrivate dalla Russia. Stoltenberg ha anche respinto l’ipotesi che queste manovre militari, viste le relazioni tese tra il blocco e la Federazione Russa, potrebbero contribuire all'escalation della situazione.

“Ora è il momento di essere fermi e chiarire che la NATO esiste per proteggere e difendere tutti gli alleati... Penso che se annullassimo improvvisamente le esercitazioni regolari e pianificate da tempo, questo sarebbe un segnale molto sbagliato. Un segnale categoricamente sbagliato”, ha affermato il Segretario Generale.

La necessità di esercitazioni da parte della leadership dell'alleanza è giustificata dal fatto che le forze destinate al probabile uso di armi nucleari devono essere addestrate e mantenute in uno stato di elevata prontezza al combattimento. Inoltre, stiamo parlando non solo delle forze dei paesi del "club nucleare", ma anche delle unità dei paesi non nucleari. Naturalmente, si afferma che nelle esercitazioni non verranno utilizzate vere armi nucleari. Probabilmente lo scopo principale di tutte queste affermazioni è quello di calmare la propria opinione pubblica, che, ovviamente, è stata messa a dura prova dalle recenti notizie sul nucleare e dalle dichiarazioni più frequenti sul possibile uso di armi nucleari ai massimi livelli.

Di che tipo di armi stiamo parlando? Per diversi anni consecutivi, i principali "munizioni sportive" dell'esercitazione "Persistent Noon" sono state le bombe atomiche nordamericane B61 di varie modifiche immagazzinate presso le basi aeree di Ghedi e Aviano in Italia. In passato, queste bombe sono state utilizzate dai caccia multiruolo F-16 olandesi e dai cacciabombardieri Tornado tedeschi, oltre che dagli aerei italiani dello stesso tipo. Alle manovre hanno partecipato anche i caccia F-16 di Stati Uniti e Belgio e i caccia multiruolo Gripen della Repubblica Ceca..

L'organizzazione dell'interazione tra le varie forze dell'aviazione è al centro degli scopi e degli obiettivi dell'esercitazione. Ma ora un nuovo attore sta gradualmente prendendo il comando in questa varietà di aerei d'attacco: il caccia di quinta generazione F-35, che, come potenziale vettore di bombe atomiche USA, sta già entrando in servizio in molti Paesi europei. Si ritiene che grazie ai loro avanzati mirini digitali, la precisione dei bombardamenti atomici con l'F-35 sia paragonabile all'uso di munizioni "intelligenti".

Risulta tuttavia palese quanto sia controproducente e inopportuno tenere un’esercitazione militare in piena Europa, a 1000 km di distanza dai confini russi, mentre è in corso un’operazione speciale militare della Russia in Ucraina e la triade Europa/USA/NATO è nei fatti co-belligerante alla luce del sostegno finanziario e militare al regime di Kiev. 

Perché in Italia non è avvenuta una discussione sull’opportunità di prendere parte alle manovre nucleari della NATO? Questo non è un anno ‘normale’ come i precedenti quando l’Italia ha preso parte alle esercitazioni routine. 

Un'esercitazione nucleare è sempre un'impresa rischiosa, e con le ostilità nelle immediate vicinanze è come giocare con il fuoco in un deposito di carburanti. 

Come risponderà la Russia a queste esercitazioni? Il ministero degli Esteri di Mosca ha espresso preoccupazione sconcerto. Il viceministro Sergey Ryabkov ha denunciato la “retorica nucleare aggressiva che la Russia sente dagli avversari occidentali" e osservato che che, in generale, le manovre nucleari della NATO sono contrarie al Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (NPT).

"Mi riferisco alle missioni nucleari congiunte della NATO in cui il personale di Stati non nucleari è coinvolto in attività di addestramento con armi nucleari", ha chiarito Ryabkov.

Alexander Mikhailov, capo dell'Ufficio di analisi politica e militare, ha osservato in una conversazione con RT che le attuali esercitazioni rientrano nel concetto di offensiva ibrida dell'Occidente contro la Russia.

"Queste manovre, che si svolgeranno a mille chilometri dai confini della Russia, sono pensate per innervosirci. Dopo tutto, la retorica internazionale si è intensificata, soprattutto per quanto riguarda la questione ucraina. È l'Occidente, attraverso i suoi media, che cerca di convincere il mondo che oggi o domani la Russia userà presumibilmente le sue armi nucleari tattiche. Stanno cercando di provocare Mosca perché vogliono davvero che compia questo passo. Tuttavia, stiamo agendo con molta cautela in questa materia", ha spiegato l'esperto.

Konstantin Blokhin del Centro per gli studi sulla sicurezza dell'Accademia delle Scienze russa è dello stesso parere. Secondo il suo parere, le manovre sono puramente anti-russe, nonostante le dichiarazioni occidentali si sforzino di mostrare il contrario.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti