"Stiamo costruendo l'alleanza del 21° secolo". Intervista a Dogu Perinçek (Vatan Partisi)

"Stiamo costruendo l'alleanza del 21° secolo". Intervista a Dogu Perinçek (Vatan Partisi)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le tensioni crescenti in un Mediterraneo tornato all’antica centralità e dove la NATO sembra andata in frantumi. La situazione in Caucaso in seguito allo scontro tra Armenia e Azerbaigian. L’elezione di Biden alla Casa Bianca che non può fermare il declino degli Stati Uniti. Il nuovo corso geopolitico della Turchia sempre più distante dagli USA e il sistema Atlantico per posizionarsi in Eurasia al fianco di Cina e Russia. Questi i temi su cui ci ha dato il suo punto di vista, privilegiato, dalla Turchia, il presidente del Vatan Partisi (Partito Patriottico) Dogu Perinçek. Più che un’intervista, una vera e propria lezione di geopolitica.  

Intervista

Cambio della guardia alla Casa Bianca: esce il repubblicano Donald Trump ed entra il democratico Joe Biden. Come muta il quadro geopolitico, in particolare nello scenario euroasiatico?

Gli Stati Uniti sono a un bivio. Il regno del dollaro sta crollando. Nel mondo si sono formate forze che bilanciano il potere armato degli Stati Uniti. In Europa si sta sviluppando la tendenza all'indipendenza dagli Stati Uniti. Gli Stati Uniti sono sconfitti in Asia Occidentale. Nel complesso, non siamo nel mondo dopo il 1945, o anche dopo il 1980. Negli anni Cinquanta, la quota degli Stati Uniti nella produzione mondiale, era del 50% dell'economia mondiale, adesso è scesa ben al di sotto del 20%. La Cina è ora la prima economia del mondo. Secondo la proiezione di Standard Chartered, la Cina produrrà 64 trilioni di dollari entro il 2030, l'India 46 trilioni di dollari e gli Stati Uniti 31 trilioni di dollari. Un decennio dopo, gli Stati Uniti producono circa la metà della Cina. Nell'economia mondiale sono scesi al terzo posto. La pretesa degli Stati Uniti di essere i padroni del mondo è crollata.


In queste circostanze, gli Stati Uniti devono ora prendere una decisione. Biden e Trump rappresentano due diversi schieramenti all'interno dei poteri che dominano gli Stati Uniti. Trump è il leader degli Stati Uniti, che ammettono la sconfitta e tendono a ripiegarsi verso l'interno. Biden, d'altra parte, è il leader degli Stati Uniti, ostinati nel mantenere la loro pretesa di egemonia. A giudicare dai risultati delle elezioni, Biden ha dato più peso agli Stati Uniti, quelli che hanno aperto centri finanziari sulle coste dell'Oceano Atlantico e Pacifico segnati da grandi industriali che sono rivolti verso altri mercati del monopolio delle armi. Trump, invece, è il leader degli Stati Uniti neri all'interno. Biden è il rappresentante terrorista degli Stati Uniti che hanno mostrato al mondo le unghie e i denti. Trump, invece, rappresenta gli Stati Uniti che accettano nuovi equilibri nel mondo.
L'ascesa al potere di Biden accenderà la resistenza delle forze eurasiatiche. Promuoverà l'unità e la solidarietà in Eurasia. Con l’impasse statunitense arriveranno fatti eclatanti.

‘Mavi Vatan’ e nuovo corso geopolitico. Quali sono stati gli eventi che hanno determinato l’emergere di questa nuova Turchia più euroasiatica e meno atlantista?

Un nuovo mondo è in costruzione. Il mondo non è più quello del dopo 1945 o 1990. Secondo la proiezione della famosa Standard Chartered Bank di Londra, i paesi eurasiatici, i paesi latinoamericani e africani come il Brasile e l'Egitto, situati sulle ali dell'Eurasia, entro il 2030 saranno nell’economia mondiale al 1°, 2°, 4°, 5°, 6°, 7° e 8° posto. Le economie del mondo atlantico, Stati Uniti, Giappone e Germania al 3°, 9° e 10° posto. 

 

 

Quando aggiungiamo a questo quadro il fatto che il Giappone e la Germania stanno uscendo dal controllo degli Stati Uniti, determiniamo che la rivendicazione degli Stati Uniti all'egemonia mondiale è nulla.
Questa è la fine della civiltà Atlantica. L'Atlantico è in discesa, l'Eurasia è in ascesa. Le promesse del sistema Atlantico all'umanità, come "prosperità economica e democrazia", si sono rivelate fasulle. Il liberalismo ha tradito l'umanesimo, che una volta era suo fratello; ha massacrato suo fratello proprio come Caino ha ucciso Abele.
Il mondo è entrato nell'era della civiltà eurasiatica. Le speranze dell'umanità sono ora tornate in Asia. La civiltà eurasiatica è una civiltà più umana, più condivisiva, più pubblica, più pianificata, più disciplinata, più libertaria e più democratica.
Il tentativo degli Stati Uniti di stabilire un secondo Israele nell'Asia occidentale con il nome di "Kurdistan" nel contesto del progetto del Grande Medio Oriente ha indotto la Turchia a tornare in prima linea con gli Stati Uniti, soprattutto dopo le guerre del Golfo. La Turchia ha seppellito e soppresso nelle trincee l'organizzazione terroristica del PKK, pedina strategica degli Stati Uniti. Inoltre, la Turchia ha schiacciato il tentativo di colpo di Stato organizzato dagli Stati Uniti nella notte tra il 15 e il 16 luglio attraverso l'organizzazione clandestina della NATO, FETO Gladio, con la collaborazione dell'Esercito e della Nazione. Questo evento è stato una guerra su piccola scala Turchia-USA. Dopo aver liquidato Gladio all'interno dello Stato, la Turchia ha sfondato il corridoio USA-Israele oltre i suoi confini meridionali con le sue forze armate e ha interrotto i piani statunitensi di aprire il cosiddetto “Kurdistan” al Mediterraneo Orientale. D'altronde, gli Stati Uniti sono stati sconfitti sia in Iraq che in Siria, e più recentemente anche nel Caucaso, quando l'Azerbaigian ha liberato la sua patria. Gli Stati Uniti hanno perso anche le elezioni presidenziali nella Repubblica Turca di Cipro del Nord.

Dopo questi sviluppi, il fulcro dei conflitti tra Turchia e Stati Uniti si è ora spostato nel Mediterraneo Orientale. Oggi, la politica della Patria Blu (Mavi Vatan), sviluppata dal partito turco Vatan, comincia a dare i suoi frutti passo dopo passo. L'iniziativa turco-russa si sta sviluppando nelle aree di conflitto che vanno dal Mar Nero e dal Caucaso al Mediterraneo. Ad esempio, la cooperazione Turchia-Russia si è verificata in Libia. Anche l'Italia può essere un partner efficace in questa cooperazione.
Le minacce alla Patria Blu della Turchia vengono dall'asse USA-Israele-Francia. La Grecia, l'Arabia Saudita e gli sceicchi del Golfo sono dalla parte degli USA. La legge e la giustizia nell'Egeo e nel Mediterraneo sono dalla parte della Turchia. Nessuna potenza può limitare il paese con la costa più ampia del Mar Mediterraneo sulle proprie sponde. I diritti di un paese terrestre e i diritti delle isole sul mare non sono gli stessi.
Il mondo intero dovrebbe sapere che la Turchia dispone di una forte marina e di una forza armata in grado di fronteggiare ogni minaccia, nonché di un’ampia gamma di alleanze.
In questo contesto, il nostro appello ai paesi e ai popoli del Mediterraneo è il seguente: il Mediterraneo appartiene ai popoli del Mediterraneo. Invece di condividere la nostra ricchezza marittima con gli Stati Uniti, condividiamola equamente tra di noi. Gli Stati Uniti e Israele lanciano un boccone alla Grecia. La Turchia, d'altro canto, condivide le sue risorse marittime con la Grecia secondo la legge di buon vicinato. Il nostro appello a tutti i popoli del Mediterraneo è questo: non obbediamo ai padroni d'oltreoceano!
Gli Stati Uniti sono al centro di tutte le minacce dirette alla Turchia da sud attraverso il secondo piano israeliano denominato “Kurdistan”, dal Mediterraneo e dall'Egeo, e dal Mar Nero e dal Caucaso a nord. Israele ha anche dichiarato la Turchia come il principale pericolo per bocca del presidente del MOSSAD.
D'altra parte, il programma economico neoliberista chiamato "integrazione con l'economia mondiale" imposto dagli Stati Uniti ha fatto precipitare l'economia turca in un debito di 450 miliardi di dollari. Il ministro delle Finanze ha affermato che questa economia è ormai “insostenibile” e ha dichiarato come soluzione il “programma economico orientato all'occupazione e alla produzione” del partito Vatan.
Sia di fronte all'assedio degli Stati Uniti sulla nostra sicurezza che per liberarci del debito in cui veniamo spinti, la Turchia lascia il sistema Atlantico e si posiziona in Eurasia. Posizionandosi in Eurasia, la Turchia stabilirà relazioni paritarie con gli Stati Uniti e gli altri paesi dell'Atlantico sulla base del vantaggio reciproco.

In un articolo apparso sulla rivista italiana Limes lei scrive: “La primavera sbocciata nelle relazioni tra Turchia e Russia ha messo fine al lungo e rigido inverno iniziato nel 1945 con l’ingresso di Ankara nel sistema atlantico”. A che punto sono queste relazioni e quali le prospettive?

La Turchia, come altri paesi dell'Atlantico all'interno del sistema Atlantico, era soggetta al controllo degli Stati Uniti. L'esperienza ha dimostrato che, come già indicato da De Gaulle e Cossiga, la NATO non è un'organizzazione di difesa, ma un'organizzazione in cui gli Stati Uniti controllano i paesi della NATO.
La Turchia ha aderito alla comunità eurasiatica per garantire la sua indipendenza e integrità, ma anche per il suo sviluppo economico. Non si può tornare indietro da qui.
Quando guardiamo al volume del commercio estero della Turchia oggi, il suo primo partner è la Russia e il suo secondo partner è la Cina. In altre parole, l'economia turca ha iniziato a integrarsi con l'Eurasia mentre è ancora nel sistema atlantico. Le relazioni della Turchia con la Russia e la Cina nell'ambiente eurasiatico si basano sull'uguaglianza e sul vantaggio reciproco. La Turchia non dipende dalla Russia. Perché non c'è squilibrio tra i due paesi in termini di potenza economica e militare. Come si può vedere dalla tabella sopra, dopo dieci anni la Turchia diventa la quinta economia del mondo e la Russia l'ottava economia. D'altronde, le capacità militari della Turchia non consentono la dipendenza. Da questo punto di vista, le relazioni Turchia-Russia si svilupperanno in condizioni sane. Anche le nostre relazioni con la Cina saranno basate sullo “sviluppo attraverso la condivisione”, soprattutto in ambito economico. La Turchia diventa una base di produzione grazie alla cooperazione con la Cina. La Cina, d'altra parte, diventa un paese del Mediterraneo e del Mar Nero nel processo di cooperazione con la Turchia e stabilisce relazioni più strette con il mondo. Le incitazioni statunitensi al cosiddetto "Kurdistan" in Turchia e al cosiddetto "Turkestan orientale" in Cina avvicinano i due paesi. La sicurezza della Turchia parte dalla Cina. La sicurezza della Cina parte anche dalla Turchia. L'amicizia Turchia-Iran-Cina-Russia è l'alleanza del 21° secolo.

Si fanno sempre più insistenti le voci che vogliono la NATO decisa ad abbandonare la base turca di Incirlik. La Turchia è da tempo ai ferri corti con l’alleanza atlantica e gli USA per l’acquisto del sistema di difesa S-400 prodotto dalla Russia e la conseguente esclusione dal programma F-35. La permanenza turca nella NATO è adesso in dubbio come non mai prima, può avvenire l’uscita di Ankara dalla NATO?

La Turchia è stata scomunicata dalla NATO. Alle esercitazioni militari della NATO, le foto di Ataturk e Tayyip Erdogan rappresentano il nemico. Gli Stati Uniti e la Francia hanno tendenze all’invasione verso la Patria Blu della Turchia nel Mediterraneo Orientale. La RAND Corporation, un'organizzazione strategica dello Stato più profondo degli Stati Uniti, ha delineato il suo piano per "organizzare l'opposizione composta da CHP + HDP/PKK + ?yi Party + conservatori per rovesciare l'amministrazione Tayyip Erdogan" nel suo rapporto di 260 pagine sulla Turchia pubblicato nel gennaio 2020. Joe Biden ha annunciato i suoi piani per prendere di mira la Turchia prima di diventare presidente. Il 17 novembre 2020, il Segretario di Stato nordamericano Pompeo ha dichiarato a Figaro dopo l'incontro con il presidente francese Macron, in riferimento alla "cooperazione della Turchia con la Libia nel Mediterraneo Orientale e al suo sostegno all'Azerbaigian", sottolineando: "Abbiamo concordato con Macron che i recenti passi della Turchia sono estremamente aggressivi. Le crescenti capacità militari della Turchia sono motivo di preoccupazione”. Gli Stati Uniti invitano i cosiddetti alleati nell'Atlantico a combattere insieme contro la Turchia. Tutto ciò rivela che la Turchia è un nemico nella strategia degli Stati Uniti. In questo caso, abbiamo idee chiare su dove sta andando la posizione della Turchia nella NATO. La Turchia era considerata come una figliastra della NATO e ora le tendenze verso l'espulsione sono in aumento. La notizia che gli Stati Uniti stanno spostando la loro base di Incirlik a Creta ha fondamento. In quel momento, i problemi della Turchia diminuiranno, ma cresceranno i problemi dei paesi vicini a Creta.

Gli Stati Uniti e la NATO dispongono in pressoché tutti i paesi di quinte colonne che attivano quando vogliono innescare un processo di destabilizzazione. Sono già entrate in azione anche in Turchia?

La Turchia ha una priorità tra le aree di lavoro della CIA. 15-16 luglio 2016, il golpe di Gladio è solo l'evento di ieri. Ma nelle circostanze di questo colpo di Stato, l'esercito e il popolo turco hanno schiacciato con armi e sangue l'organizzazione clandestina della NATO nelle forze armate, polizia e magistratura, ed eliminato 25mila ufficiali e sottufficiali, 250 dei quali generali, 33mila della polizia e 4mila elementi della magistratura legati a Gladio, e mandato una parte significativa in prigione. Per la prima volta, un paese della NATO ha eliminato Gladio, che è annidata nella propria organizzazione statale, con un'azione armata. Inoltre, alcuni funzionari che lavoravano presso il Consolato degli Stati Uniti a Istanbul sono stati condannati a pene detentive. La Turchia ha eliminato Gladio all'interno dello Stato e dell'esercito usando la forza militare. Spero accada lo stesso in tutti gli altri paesi della NATO!
Dopo il rapporto di RAND Corporation Turkey, pubblicato nel gennaio 2020, ci sono state richieste di "distruzione creativa" nel nostro paese. Questi appelli, e in particolare alcune dichiarazioni provocatorie del CHP, ci hanno informato di alcuni dei piani che gli Stati Uniti intendono realizzare utilizzando i loro agenti e la quinta colonna nel prossimo periodo.

Nel Nagorno-Karabakh l’Armenia si è arresa. Con la decisiva azione della Russia Yerevan ha firmato l’armistizio. L’Azerbaigian ha recuperato così molti dei territori persi dopo la disgregazione dell’Unione Sovietica. I veri sconfitti sono invece gli USA che volevano la destabilizzazione nel Caucaso? Quale è stato e quale sarà il ruolo della Turchia?

Sì, i veri perdenti sono gli Stati Uniti! La cooperazione Azerbaigian-Turchia-Russia è stata gestita con metodi molto intelligenti in questo processo. Vedrete che l'amministrazione Pashinyan, che ha preso il potere in Armenia a seguito di un golpe degli Stati Uniti, sarà presto rovesciata. La Georgia anche deve adeguarsi al clima nella regione. Pertanto, l'amministrazione di Washington non ha spazio per mettere piede nel Caucaso.

Gli Stati Uniti d’America hanno imboccato un inevitabile declino. Perdono colpi e influenza in ogni parte del mondo: dall’America Latina, al Mediterraneo fino ad arrivare al Caucaso. L’amministrazione Biden rallenterà o accelererà questo processo?

Biden è “un mostro a cui è rimasto un solo dente”. Con riferimento all’Inno Nazionale turco.

 


La caricatura di Rifat Mutlu, presidente di Izmir del partito Vatan, “agli Stati Uniti è rimasto solo un dente”.
Cosa può fare un mostro con quell'unico dente rimasto? Le capacità di Biden sono limitate dal crollo del regno del dollaro e dalle forze militari degli stati che si oppongono agli Stati Uniti.
Nonostante questi fatti, se Biden ricorrerà alla violenza, ai colpi di Stato e al terrore, rafforzerà la risolutezza delle forze a lui opposte, rafforzerà l'unità del mondo che gli ha resistito e innescherà l'ascesa dell'Eurasia.
Le politiche ostili di Biden verso la Turchia accelerano il processo di insediamento della Turchia in Eurasia.
Altrettanto importanti quanto questi sono il movimento popolare democratico che sorgerà negli Stati Uniti. Nell'impasse dell'economia statunitense, i contesti poveri, neri, asiatici e ispanici degli Stati Uniti si dirigeranno verso una resistenza sempre più forte. La tradizione democratica statunitense, rappresentata da Washington, Abraham Lincoln e Roosevelt, sarà ripresa. Ancora una volta, andranno in scena tendenze simili alla Dottrina Monroe per il ritiro degli Stati Uniti nei suoi confini.

All’inizio dello scorso in occasione di una conferenza lei ha invocato una ‘Rivoluzione della Produzione’, un ritorno alle radici kemaliste per la Turchia. Meno finanza, ritorno alla produzione e piena occupazione. E’ questa la ricetta giusta per fronteggiare la crisi determinata dalla pandemia?

Anche se non ci fosse stata una pandemia, la fine dell'economia di indebitamento per la Turchia stava arrivando. Lo ha ammesso anche l'ex ministro delle Finanze. Ora la Turchia sta vagliando il "programma di economia orientata all'occupazione e alla produzione" del partito Vatan. Il futuro della Turchia è luminoso.

Garibaldi ha lavorato per un po' a Istanbul per la Rivoluzione Democratica Italiana. L'edificio dove si tenevano le riunioni del Sindacato Italiano dei Lavoratori (La Società Operaia Italiana di Mutuo Soccorso) è adiacente al Centro Provinciale di Istanbul del nostro Partito. Ogni mattina, passando accanto all'indimenticabile ricordo di Garibaldi, lo salutiamo e rinnoviamo la nostra amicizia con il popolo italiano. Un saluto affettuoso ai discendenti di Spartaco, Machiavelli, Puccini, Garibaldi, Gramsci.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest? di Francesco Santoianni Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest?

Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest?

Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia di Marinella Mondaini Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia

Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

Malati fino a prova contraria: che società sarà? di Giuseppe Masala Malati fino a prova contraria: che società sarà?

Malati fino a prova contraria: che società sarà?

Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia di Antonio Di Siena Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia

Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti