World Affairs/Studio CAM. Altro che Covid-19, era già in atto "la guerra mondia...

Studio CAM. Altro che Covid-19, era già in atto "la guerra mondiale contro i poveri"

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Un'analisi pubblicata a metà luglio 2020 dal Center for Multidisciplinary Analysis (CAM) dell'Università Nazionale Autonoma del Messico spiega come i costi della depressione economica della prima metà dell'anno sono stati trasferiti alle classi lavoratrici, mentre il grande capitale ha aumentato i suoi guadagni nel mezzo della crisi
 
Gli economisti messicani del UNAM Analysis Center sottolineano che il meccanismo di " spostamento dei costi " delle contrazioni economiche verso coloro che vivono di stipendio non è una novità - citano Karl Marx per spiegarlo - e descrivono come funziona il meccanismo utilizzato dal grande capitale transnazionale per compensare la caduta del tasso medio dei suoi profitti. Il meccanismo si compone di quattro misure di base, che incidono direttamente sulla classe lavoratrice:
 
  • la diminuzione del salario nominale,
  • la diminuzione delle prestazioni sociali,
  • l'eventualità e la flessibilità nelle assunzioni,
  • aumento della disoccupazione.
 
Gli economisti precisano che l'attuale crisi non è stata generata dal nuovo coronavirus ma che la depressione delle economie mondiali era preesistente, eppure la paralisi delle attività come conseguenza dell'unica misura sanitaria per prevenire l'avanzamento della pandemia (allontanamento sociale) era caratterizzato da "una profonda privazione del benessere".
 
Hanno spiegato che ciò si rivela in tutto il mondo come "una mancanza di accesso alle competenze di base per funzionare nella società capitalista" dei lavoratori che si aggiunge a un " calo storico del reddito per i lavoratori e un'occupazione dignitosa ". Ciò - evidentemente - impedisce a milioni di persone in tutto il mondo di accedere ai loro bisogni di base in cinque elementi essenziali per la vita: cibo, salute, istruzione, alloggio e sicurezza sociale.
 
Secondo i calcoli effettuati dalla CAM, sulla base dei dati delle Nazioni Unite, 46.000 persone stanno morendo di fame ogni giorno nel mondo.
"Stiamo assistendo a una vera guerra mondiale contro i poveri ", affermano nel loro Rapporto 132: i costi sociali della pandemia di COVID-19.
 
I vincitori
 
Tuttavia, per quanto riguarda il capitale, questa paralisi dell'economia mondiale ha comportato numerosi vantaggi:
 
  • l'opportunità di acquistare società in "chiara insolvenza economica"
 
  • In una seconda mossa, i grandi monopoli hanno avuto l'opportunità di capitalizzare le opportunità offerte dal libero mercato "nel punto esatto delle debacle", hanno scritto.
 
Gli economisti sottolineano che i grandi settori monopolistici che hanno beneficiato della pandemia sono collegati alla circolazione, alla distribuzione e al consumo di merci (in particolare piattaforme che effettuano transazioni di acquisto e vendita) nonché a quelli che presentano contenuti su richiesta e di "telelavoro".
 
Questa è una breve lista dei grandi vincitori della pandemia :
 
  • Jeff Bezos , fondatore e direttore della multinazionale Amazon , la cui nicchia di mercato si trova negli acquisti effettuati attraverso il suo sito Web, che in periodi di pandemia è riuscito a generare circa $ 11.000 al secondo , che gli è valso quel i suoi affari registreranno "un aumento storico" nel mezzo della crisi mondiale. Tuttavia, per soddisfare questa crescente domanda, Amazon ha assunto 175.000 persone sotto il regime di esternalizzazione, un sistema precario che impedisce il riconoscimento dei diritti dei lavoratori, inibisce l'unione sindacale e stabilisce contratti uno a uno con i suoi lavoratori.
  • Netflix e i suoi gruppi di capitali associati Capital Group Companies, Black Rock (uno dei fondi colloquialmente chiamato "avvoltoio" che acquista e negozia il debito estero argentino, tra gli altri) e The Vanguard Group ha aumentato i suoi abbonati negli ultimi due anni ma il 22 aprile ha registrato un record con 16 milioni di nuovi consumatori nel mondo .
  • Zoom è una società a capitale aperto fondata dal cinese Eric Yuan che offre servizi di telecomunicazione con videochiamate di gruppo. Nel primo trimestre del 2020, ha raddoppiato i suoi profitti rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, raccogliendo 122 milioni di dollari per i suoi servizi in tutto il mondo.
  • Slack è una società di servizi di messaggistica istantanea creata nel 2013 da Stewart Butterfield, Eric Costello, Cal Henderson e Sergei Mourachov, che fornisce strumenti utilizzati dalle aziende per promuovere il telelavoro durante la pandemia e che ha raddoppiato il capitale tra gennaio e marzo 2020 .
  • Altre aziende come la K12, dedicata all'istruzione online per i bambini, hanno aumentato i loro profitti del 19%, così come Teladoc, che collega pazienti e medici da remoto, ha aumentato il costo delle loro azioni del 50% finora quest'anno.
  • Tra i vincitori compaiono anche le società Facebook, Activision Blizzard - per i videogiochi -, Platoon - unità per esercizi fisici - e GrandHub - un servizio di consegna di cibo.
  • Società dedicate alla produzione di vaccini, medicinali e prodotti sanitari e di pulizia come disinfettanti, mascherine, guanti e le attrezzature necessarie per i pazienti infetti da COVID-19 come Inovio Pharmaceuticals, Moderna, Novamax, Regeneron Pharmaceuticals e Top Glove. 
 
I dati in tutto il mondo sono stati rilevati dalla società di investimento MKM Partners, secondo un indice che hanno definito "rimanere a casa".
 
Il più ricco contro il più povero
 
Gli economisti UNAM raccolgono come questi guadagni rimangano "in famiglia", tre dei quali sono di origine americana.
 
  • Le famiglie più ricche del pianeta hanno ora un patrimonio comune che varia tra i 250 miliardi di dollari che supera quello che avevano accumulato nel 2019.
 
  • Le famiglie più ricche del mondo sono i Walton , proprietari della multinazionale Walmart; MARS , proprietari dell'omonima fabbrica di caramelle e alimentari; e la Koch , proprietaria di diverse società del settore energetico, legata alle raffinerie di petrolio, al trattamento e alla distribuzione di etanolo e gas naturale.
 
All'estremo opposto, meno dell'1% di queste famiglie più ricche del mondo concentra più ricchezza del 60% del resto dell'umanità , secondo i dati di Oxfam.
 
 
 
Sulla base dei dati pubblicati dalla rivista Forbes e dalla Crédit Suisse Bank nel 2019, hanno scoperto che 2.153 delle persone più ricche del mondo concentrano più capitale di 4.600 milioni di persone tra le più povere del pianeta.
 
La Cam riferisce che questa indagine dell'organizzazione Oxfam pubblicata alla vigilia del Forum economico mondiale di Davos - nel gennaio 2020 - ha rivelato che l'accumulo di ricchezza in poche mani è direttamente collegato alla struttura fiscale dei paesi .
 
"I governi adottano politiche fiscali in cui impongono tasse notevolmente inferiori sugli individui e le imprese più ricchi, risultando in una base di riscossione delle entrate insufficiente per sostenere la lotta contro la povertà e la disuguaglianza", hanno concluso.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa